Polonia, questo matrimonio (gay) non s’ha da fare

Pubblicato il 26 Luglio 2012 alle 02:08 Autore: EaST Journal
gay, omosessualità, cirinnà, omogenitorialità, genitori, adozioni, stepchild, genitori, bambini

Il parlamento polacco, con una maggioranza trasversale (fatta dai voti della Piattaforma Civica del premier Donald Tusk e di Diritto e Giustizia dell’ex primo ministro Jaroslaw Kaczynski) superiore ai due terzi ha bloccato martedì 25 luglio il dibattito su due progetti di legge per la legalizzazione delle unioni omosessuali, presentati dai libertari del Movimento Palikot (RP) e dall’Alleanza Democratica di Sinistra (SLD).

[ad]Secondo i deputati della maggioranza di Piattaforma Civica (PO), le due proposte di legge erano incostituzionali. PO dice di stare lavorando ad un disegno di legge alternativo, da presentare in autunno, che introdurrebbe le unioni civili. I partner registrati potrebbero così ottenere mutui congiunti e il pagamento degli alimenti, ma non compilare unitamente la dichiarazione delle tasse. Un disegno di legge di PO sulla questione era già stato annunciato a marzo ma ancora latita.

matrimonio gay e polonia

Secondo l’analista polacco Remi Adekoya, “il problema fondamentale è che il parlamento polacco è attualmente più conservatore della società che rappresenta“. L’attuale Sejm ha accolto per la prima volta un deputato apertamente omosessuale e una deputata transgender (entrambi di RP). Tuttavia il partito di maggioranza relativa, il centrista Piattaforma Civica, è ostaggio sui temi etici (dal matrimonio omosessuale alla fecondazione artificiale) di una minoranza di deputati conservatori al suo interno, e il premier Donald Tusk non sembra volersi prendere cura della questione. A noi italiani la situazione dovrebbe ricordare qualcosa, dopo le ultime polemiche all’interno del PD.

Da EastJournal

di Davide Denti

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →