•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 4 maggio, 2013

articolo scritto da:

Si chiude la pratica tricolore?

Verso il tricolore. Trentacinquesima giornata vissuta con la necessità di trovare le ultime energie per lo sprint finale, mentre in Europa il dominio tedesco si fa impressionante, con la conseguenza che la Germania continua a correre nei parametri Uefa per le competizioni europee e l’Italia arranca, rischiando di essere superata in questa classifica anche dal Portogallo (vorrebbe dire sempre meno speranze di vedere un numero superiore di squadre italiane nelle coppe europee).

Tornando al campionato, è la possibile giornata bianconera, dato che, anche solo con un pareggio contro il Palermo, la Juventus potrebbe portare a casa il ventinovesimo scudetto senza dover aspettare il risultato del Napoli, impegnato in notturna contro un Inter sempre più a pezzi (a proposito, qualsiasi tifoso di calcio non può che sperare di rivedere in campo al più presto Capitan Zanetti).

Grafico 3

Andiamo con ordine, partendo dall’ormai classica partita senza grosse aspettative del sabato pomeriggio, da un paio di settimane riservata alle squadre che possono essere considerate tranquille. Il Chievo, ancora non matematicamente salvo, ma in una posizione di classifica abbastanza serena (sette punti di vantaggio sulla terz’ultima e con Sampdoria, Torino e Genoa tra la squadra scaligera e il Palermo), sfida il Cagliari, salvo da ormai un paio di giornate e chiamata soltanto a eliminare un tabù: in 7 precedenti non ha mai vinto in casa del Chievo.

[ad]In serata, poi, uno dei due big-match di giornata, con Fiorentina e Roma chiamate a dare ulteriore fiato alle speranze europee. La partita d’andata, bisogna ricordarlo, è stata una delle più divertenti dell’intera stagione, con le difese ballerine (e questo è soltanto un eufemismo) e gli attacchi che hanno dimostrato di essere all’altezza. Alla fine fu 4-2 per i giallorossi, ma chi ha visto la partita ricorda bene che poteva finire anche con il risultato opposto, viste le occasioni da un lato e dall’altro.

Le squadre puntano a vincere, per mantenere aperti i propri obiettivi, con i viola che vogliono continuare il pressing sul Milan per provare a strappare quel terzo posto che vorrebbe dire preliminari di Champions, e i giallorossi che, dal canto loro, devono quanto meno mantenere la posizione per evitare il ritorno di Udinese, Inter e Lazio.

Il pranzo domenicale ci riserva la sfida tra l’Udinese che è tornata a guardare l’Europa da vicino e la Sampdoria che, dal canto suo, sembra essersi adagiata (non vince da 8 giornate) e rischia di essere riagganciata nella lotta per non retrocedere.

Il pomeriggio della domenica, dicevamo, potrebbe essere quello che sancisce matematicamente la vittoria dello scudetto per la Juventus, chiamata a raggiungere almeno un pari in casa con un Palermo che, dal canto suo, non perde da sei partite e deve continuare a fare punti per tenersi sulla soglia dell’ultima posizione che garantisce la salvezza.

Le altre sfide delle 15.00 sono Catania – Siena, Genoa – Pescara, Lazio – Bologna, Milan – Torino e Parma – Atalanta.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: