•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 7 novembre, 2013

articolo scritto da:

Bondi contro i ‘governativi’ del Pdl: “Anacronistici e senza idee”

Uno dei nemici dichiarati dei “filogovernativi” del Pdl? Senza dubbio Sandro Bondi. Che in una lettera alla Stampa definisce la loro posizione come ”priva di una convincente e maturata prospettiva politica. Anche oggi senza la leadership umana e politica del presidente Silvio Berlusconi non vi sarebbe unità né del Pdl né tantomeno dell’intero centrodestra”.

Chi nel partito si mostra soprattutto interessato a garantire stabilità al governo non rappresenterebbe affatto un’avanguardia nel Pdl in procinto di trasformarsi in Forza Italia: “La visione più aperta e moderna di partito” è ”sempre stata quella del presidente Berlusconi, ispirata al modello americano, mentre anche fra i filogovernativi prevale ancora un modello di partito novecentesco, burocratico e centralista“.

Bondi insiste nel dire che quella annunciata da Berlusconi nel 1994 era una vera “rivoluzione liberale”; non nega che quella strada è ormai a scorrimento lento, ma quelle difficoltà “hanno molto a che fare con una crisi economica che ha imposto e impone tuttora politiche che richiedono un necessario intervento dello Stato nell’economia”. Fronte su cui l’ex coordinatore del Pdl non vede alcun pensiero o elaborazione da parte dei “governativi”: “non mi risulta che l’ala governativa del Pdl abbia un particolare punto di vista”.

sandro bondi

Allo stesso modo, non ci sarebbe nessuna idea su quali dovrebbero essere i referenti internazionali del centrodestra: ”Lo dimostra il fatto che non hanno neppure sentito il dovere di replicare alle tesi di Letta, noncuranti di qualsiasi rispetto verso l’identità del Pdl e le nostre posizioni in campo internazionale”. Tutto il contrario di Berlusconi che “sul piano internazionale è stato troppo innovativo scontentando troppi interessi e poteri consolidati”.

La defaillance del gruppo persisterebbe anche sul piano etico: i filogovernativi sarebbero ”i più ignari dei cambiamenti avvenuti nella Chiesa con l’ascesa al pontificato di papa Francesco”. Una bocciatura senza appello, insomma, che equivale a dire che il gruppo di “amici”, se fosse autonomo, non andrebbe da nessuna parte.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: