•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 10 novembre, 2013

articolo scritto da:

Nucleare Iran: da Ginevra prima fumata nera

L’incontro tra le grandi potenze e la Repubblica islamica dell’Iran, che avrebbero dovuto trovare un accordo sul programma nucleare di Teheran, si è concluso con un nulla di fatto.

Gli Alti funzionari dei 5+1 (Stati Uniti, Cina, Russia, Regno Unito, Francia e Germania) e Catherine Ashton, responsabile degli “affari esteri e sicurezza” dell’UE, incontreranno nuovamente lo staff del Ministro degli Esteri iraniano Zarif, il 20 Novembre.

Il principale ostacolo ai colloqui odierni è stata l’opposizione della Francia, rappresentata dal Ministro degli Esteri di Parigi Laurent Fabius.

Quest’ultimo ha spiazzato molti diplomatici per la sua rigidità inaspettata: da parte sua si è detto “scettico” sull’eventualità di diminuire le sanzioni economiche a Teheran in cambio di concessioni sul programma nucleare.

“Un passo avanti – così Fabius ha definito l’accordo – ma sono ancora molte le questioni da trattare”: la realizzazione del reattore al plutonio di Arak, che gli Iraniani stanno costruendo nel Sud Est del Paese, per i francesi dovrebbe essere interrotta durante le trattative.

Inoltre il rappresentante francese ha mostrato insoddisfazione anche sul versante delle tonnellate di uranio arricchito al 20%, quello che permetterebbe la costruzione di testate nucleari, già realizzate dall’Iran: secondo la prima bozza dell’accordo non sarebbero state toccate.

La Francia riprende le parole provenienti da Gerusalemme quando, per bocca del suo rappresentante, definisce l’accordo, così come è stato presentato in queste ore, “un regalo” a Teheran.

Infatti Fabius ha sottolineato che “bisogna tenere conto delle preoccupazioni d’Israele”: Nethanyahu invita, sin dalle prime aperture di Rohani, a non fidarsi dell’Iran.

Rohani

Proprio Rohani ha annunciato che l’arricchimento dell’uranio per l’Iran rappresenta una “linea rossa alla quale non possiamo rinunciare”.

Parole forti dettate dall’esigenza di placare i problemi sul fronte interno, l’insofferenza dei “custodi della rivoluzione” verso il dialogo con gli USA e i tentativi di accordo sul nucleare, ma che non mettono a rischio gli incontri di Ginevra.

In palio ci sono 50 miliardi di dollari che verrebbero scongelati dalle banche straniere e riversate nelle casse della repubblica islamica, una volta cessate le sanzioni internazionali.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: