•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 2 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Letta-Netanyahu: “Italia e Israele stessa culla”

Letta-Netanyahu: “Italia e Israele nella stessa culla”

Letta-Netanyahu: “Italia e Israele nella stessa culla”. Conferenza stampa congiunta a Roma tra il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, e il suo omologo israeliano, Benjamin Netanyahu. Positivo il risultato del vertice, almeno secondo le parole del premier italiano: “Siamo lieti che questo vertice intergovernativo avvenga oggi, in una condizione durante la quale siamo riusciti a finalizzare 12 accordi che dimostrano come la collaborazione tra Italia e Israele sia finalizzata a discussioni e soprattutto a temi concreti”, ha detto Letta.

“Questi accordi sono stati firmati e ora devono divenire fatti concreti – ha aggiunto –. Devono creare crescita e la crescita dell’occupazione che sono gli obiettivi di qualunque paese in questo momento”. I dodici accordi vertono su svariati temi, “dall’energia alla sanità alla ricerca alla cultura”.

I rapporti tra i due paesi sono più che positivi e ciò è testimoniato anche dal fatto che il 2014 “sarà l’anno dell’amicizia tra Italia e Israele. Un anno pieno di iniziative e di eventi. Sarà un’occasione per spingere ancora di più i turisti israeliani a venire in Italia e turisti italiani a visitare Israele”.

Anche da parte di Netanyahu sono arrivate parole positive sull’operato del governo italiano e sullo stretto rapporto tra i due paesi: “Il Presidente Letta mi ha parlato della sfida interna, quella di risollevare l’economia italiana, riaffermare i valori della società e portarli a un livello alto. Questa è la visione che condividiamo anche noi della società. Quando veniamo in Italia sentiamo che ci troviamo all’interno della stessa culla”.

letta

Non poteva mancare un accenno alla questione palestinese e al recentissimo accordo raggiunto tra gli Usa e l’Iran sul nucleare. Su quest’ultimo punto, Letta dichiara: “Ho espresso la nostra posizione: guardiamo con cautela ma con fiducia al recente processo diplomatico e negoziale che ha preso piede a Ginevra. Guardiamo con cautela e fiducia perché si vada all’obiettivo, che è la denuclearizzazione. La sicurezza di Israele non è negoziabile”.

In merito al conflitto con la Palestina, le dichiarazioni del premier sono più che altro di circostanza: “Naturalmente ho espresso a Netanyahu il nostro auspicio che il processo di pace in Israele vada avanti. Spingiamo a tutti i costi perché questo processo di pace veda nel 2014 l’anno della svolta. Lo vogliamo per i nostri amici palestinesi e lo vogliamo perché crediamo che il processo di pace porterà stabilità nell’intera area”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: