Pubblicato il 23/12/2011 Ultimo aggiornamento: 8 Agosto 2019 alle 15:47

Lega che abbaia non morde

autore: Alessandro Siro Campi

Ci fa notare Samuele che:

Oggi, in Senato, abbiamo un’altra prova di come la maggioranza politica sia una cosa, però quando c’è da spartire, da controllare, dove si mangia, Lega e PDL sono ancora ben alleati.
Insomma, la Lega sarà all’opposizione, ma quando siamo a tavola, la Lega è sempre la solita: o mangia o regge la forchetta.

Non bisogna mai credere alle dichiarazioni roboanti dei leghisti, la loro è la sceneggiata per raccattare voti, torneranno dal padrone coi soldi appena necessario a salvare una seggiola. Nel frattempo sbraitano per farsi notare:

Ma se non usasse i fischietti in Aula, se non esponesse striscioni con scritto «governo ladro», se non avesse rispolverato il parlamento padano e giurato di battere moneta padana, se non urlasse al colpo di Stato, se non minacciasse lo sciopero fiscale, se non dicesse a Monti di dimettersi perché altrimenti i tartassati lo vanno a prendere a casa, se un suo deputato non avesse parlato a Montecitorio con gli abiti da operaio di fabbrica – se non avesse sparato insomma tutte queste cartucce dell’armamentario secessionista-populista-folkloristico, chi avrebbe notato la Lega, ora che è una forza di opposizione isolata che si aggira intorno all’8%?

Nessuno. Per questo alza la voce: per farsi notare. Non è una strategia politica, ma mediatica. E di sopravvivenza, non di rilancio. Se fosse vero il contrario, si impegnerebbe per completare il federalismo, non per ottenere una fantomatica indipendenza di cui non si capisce nemmeno il significato. E per garantirsi i voti necessari a farlo, invece di inimicarsi l’unico partito (il Pdl) che potrebbe davvero darglieli.

E’ il triste destino di chi, dopo essere stato sotto la luce dei riflettori, si accorge di essere uscito dal cono di luce. E, resosi conto di non avere una seconda chance né il talento che serve per riguadagnare la scena, si mette a urlare e strepitare come morso da una tarantola. Così ci costringe a guardare, ancora per un attimo. Prima di lasciarlo nel buio, ai suoi fantasmi.

Ben descrive la situazione Makkox:

Autore: Alessandro Siro Campi

Alessandro Siro Campi nasce nel 1975. Si laurea nel 2000 in Ingegneria Informatica e consegue il dottorato nel 2004. Dal 2005 è ricercatore presso il Politecnico di Milano dove si occupa di Web e di interrogazioni e mining dei dati. Il suo blog personale è Alesiro
    Tutti gli articoli di Alessandro Siro Campi →