•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 21 novembre, 2013

articolo scritto da:

Dal Blog: La disciplina del gruppo parlamentare

nonunacosaseria ci ricorda l’ovvio:

Ci sono tre modalità con le quali si può garantire la disciplina interna a un gruppo parlamentare.
La prima è quella berlusconiana. Ossia, si fa come dice il capo e basta. Se ci stai, bene; altrimenti la porta è quella e ricorda la fine che ha fatto Gianfranco (soprattutto se hai una casa a Montecarlo).
La seconda è quella grillina. Simile alla prima modalità, ma con una variante: il peone parlamentare è intimamente convinto di poter agire liberamente o, quantomeno, rispondere a milioni di cittadini consultati tramite il mitico uèb. Invece è costretto a fare quel che gli dice il capo.
La terza modalità è quella che dovrebbe essere la regola, ma non lo è. Il gruppo discute e, se non tutti sono d’accordo, vota. La decisione è presa a maggioranza e, se non si tratta di questioni etiche, chi è in minoranza si adegua, in particolar modo quando si tratta di questioni attinenti alla fiducia a un governo o a un ministro.

Poi si può fantasticare di mondi senza gruppi parlamentari. Fantasticare però perché nel mondo reale la democrazia funziona solo così e ogni altra alternativa è peggiore.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.