•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 agosto, 2015

articolo scritto da:

“Siamo dei deportati”, quando una professoressa non sa esprimersi

Campo di concentramento di Auschwitz. Luogo di deportazione di Pimo Levi autore di Se questo è un uomo.

deportare v. tr. [dal lat. deportare (comp. di de– e portare «portare»), attraverso il fr. déporter] (io depòrto, ecc.). – Condannare alla pena della deportazione; più com., trasportare, accompagnare il condannato nel luogo stabilito per la deportazione: molti ergastolani furono deportati nelle Piccole Antille; al tempo degli zar, i condannati politici venivano spesso deportati in Siberia. Per estens., trasportare nel luogo di pena, quando questo sia fuori dei confini della patria: Pellico fu deportato nella fortezza dello Spielberg; anche, trasferire coattivamente in campi di lavoro o di concentramento (talora anche di sterminio) lontani dalla madrepatria gruppi o masse di cittadini, perché invisi o sospetti, o come misura di carattere politico o militare, in periodo bellico o d’occupazione: durante la seconda guerra mondiale, ingenti masse di Ebrei sono state deportate nei Lager nazisti. ◆ Part. pass. deportato, anche come s. m. (f. –a), chi è condannato alla deportazione o ne sconta la pena: il convoglio dei deportati; una colonia di deportati; un deportato politico.

da Treccani.it

Se la professoressa Marcella Raiola avesse consultato un dizionario di italiano (per un insegnante di latino e greco questa dovrebbe essere una pratica quotidiana) prima di inviare una lettera a Repubblica in cui definiva “deportati” i professori costretti dalla riforma della Scuola a trasferirsi da Sud a Nord per lavorare, forse sarebbe stato meglio. Qui di seguito mettiamo un estratto della lettera della professoressa.

Caro direttore, ho 44 anni e da 13 faccio con passione l’ insegnante pendolare. Insegno Latino, Greco e materie letterarie nei licei classici della provincia di Napoli, e poche volte ho lavorato a meno di 25 km da casa. Sono laureata e abilitata con il massimo dei voti e ho conseguito un dottorato di ricerca in Filologia. Sono iscritta in graduatorie che per legge sono provinciali, non nazionali e ho pieno titolo all’ assunzione. Da 13 anni accumulo punteggio lavorando da “ultima arrivata”, con studenti, colleghi, dirigenti sempre diversi, e con meno diritti.

A differenza di tanti altri, poche volte mi è capitato di lavorare su uno spezzone orario, cioè a stipendio ridotto, oppure su due o tre scuole. Non ho, come tantissimi miei colleghi di età compresa tra i 40 e i 55 anni figli piccoli, disabili, genitori anziani o casa appena comprata con mutuo, ma ugualmente non ho prodotto la famigerata domanda di deportazione.

“Deportare” è una parola forte, è vero, ma è affiorata spontaneamente alle labbra di lavoratori precari da dieci o addirittura venti anni, con alle spalle peregrinazioni in varie regioni e grandi sacrifici, sia per l’ aggiornamento (a carico nostro) che per la maturazione di un punteggio che ora viene azzerato e vanificato.

Le parole della professoressa hanno raccolto anche lo sdegno del direttore di La7 Enrico Mentana.

Deportazione: pazzesco. Se coloro che devono insegnare ai ragazzi italiani il corretto uso della loro lingua si…

Posted by Enrico Mentana (pagina ufficiale, bis) on Martedì 18 agosto 2015

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.