•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 21 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Svolta per l’Ucraina? Yanukovich: “Voto anticipato e costituzione del 2004”. L’opposizione accetta

Yanukovich

Dopo l’escalation di violenza degli ultimi giorni, la situazione politica in Ucraina, sembra essere arrivata a una svolta: i negoziati durati fino all’alba – hanno avuto come protagonista il Presidente Yanukovich, con Unione Europea e Russia nel ruolo di mediatori – hanno aperto uno spiraglio sulla fine dei violenti scontri e su una serie di riforme dello Stato. Il compromesso raggiunto include elezioni presidenziali anticipate, una riforma costituzionale che riduca i poteri presidenziali, è prevista, inoltre, anche la formazione di un governo di unità nazionale. Euromaidan, la piattaforma che unisce ufficiosamente le anime della protesta, non sembrava disposta ad accettare un accordo del genere: tuttavia, dall’agenzia di stampa Reuters che per prima ha dato la notizia, si afferma che i partiti di opposizione, per bocca del leader Klitschko, hanno comunicato la sottoscrizione del patto per fermare il bagno di sangue che si sta consumando a Kiev, anche in questo momento. A confermare l’accordo, successivamente, anche il capo dei nazionalisti di Svoboda, Oleg Thiagnibok: elezioni anticipate, non si sa ancora bene ma si intuisce che non si svolgeranno prima di Settembre, si tornerà alla costituzione del 2004 che limita i poteri del Presidente in favore di Parlamento e Governo, probabile la costituzione di un governo che includa i partiti che hanno cavalcato le proteste degli ultimi mesi.

ucraina in fiamme e guerra civile

Soddisfatti i ministri degli Esteri di Polonia, Sikorski, Germania, Steinmair, e Francia, Fabius: una nota diramata dal ministro degli esteri tedesco recita “I ministri degli Esteri di Francia, Germania e Polonia salutano positivamente l’accordo raggiunto nella crisi in Ucraina, lodano le parti per il loro coraggio e l’impegno per l’intesa, e invocano lo stop immediato ad ogni violenza e scontro in Ucraina”. Del tutto scontento l’inviato del Cremlino Lukin che ha lasciato Kiev senza firmare l’accordo e giudicando l’atteggiamento di Yanukovich troppo morbido: evidentemente sono risultate troppo forti le pressioni delle agenzie di rating, pronte a declassare ulteriormente l’Ucraina, e le minacce di sanzioni provenienti da USA e UE.

A Kiev – nonostante i primi segnali di distensione lanciati dalle forze dell’ordine, che hanno abbandonato alcuni avamposti per un totale di 1400 agenti smobilitati, e dai manifestanti che hanno lasciato andare i poliziotti tenuti in ostaggio da ieri – sembra che si continui a sparare nei pressi del Parlamento. Ancora non si può dire quanto tempo servirà all’accordo per raffreddare una situazione a dir poco incandescente: nelle scorse giornate ai feriti degli ultimi mesi se ne sono aggiunti altri 600, in maggioranza hanno riportato gravi lesioni, si contano almeno 70 morti.




Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: