•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 23 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Udc, Cesa rieletto con 4 voti di scarto: “Adesso Ppe in Italia”

cesa e casini udc referendum costituzionale e riforme

Week-end di congresso per l’Unione di Centro di Pierferdinando Casini, partito ormai relegato in percentuali irrisorie ma sempre vivo nell’immaginario dell’elettorato democristiano. Stamattina, il segretario uscente Lorenzo Cesa è stato rieletto segretario dai delegati centristi affluiti a Roma, non senza qualche protesta proveniente dalle poltrone dell’Auditorium della Conciliazione. Lo stesso Cesa, durante la lettura del suo discorso di ringraziamento, ha risposto ai fischi della folla: “Non mi faccio intimidire da nessuno”, poi l’invito alla calma del leader Casini.

Alla vigilia della convention dell’Udc, i candidati ufficiali alla segreteria erano l’ex ministro della Pubblica Amministrazione del governo Letta Giampiero D’Alia, appoggiato da Casini, e il parlamentare veneto Antonio De Poli. Una sfida nord-sud (D’Alia è il ‘ras’ del movimento in Sicilia), che ha di fatto spaccato in due il partito scudocrociato, fino al ritiro di De Poli e alla candidatura in extremis del vecchio segretario uscente Cesa. Tuttavia, il trionfo di quest’ultimo è stato al fotofinish: 435 voti contro i 431 del siciliano.

cesa

Lorenzo Cesa ha quindi ringraziato per l’appoggio gli iscritti e il leader Casini, segnando poi la strada per le prossime sfide del partito: “Vogliamo proseguire lungo il percorso delle elezioni europee. Lavorando per arrivare a liste comuni con la lista dei Popolari per l’Italia degli amici Mauro e Dellai”. “Al di là delle sfumature politiche abbiamo verificato che tutti siamo d’accordo che è indispensabile accelerare il passo verso la formazione del Partito Popolare Europeo in Italia”, ha detto il segretario nel suo intervento finale, confermando poi il ritorno tra le file del centrodestra.

“Dobbiamo ripetere lo schema dell’Europa – ha spiegato – non perché non abbiamo abbastanza idee per essere originali e dobbiamo copiare dagli altri, ma perché quello è lo spazio che naturalmente ci appartiene e che dobbiamo conquistare se vogliamo tornare ad essere una forza che incide nella politica di questo Paese. Uno spazio alternativo a quello della sinistra”. Infine qualche considerazione sul neonato governo Renzi: “Voteremo la fiducia, ma non cederemo sulla legge elettorale: no allo sbarramento al 4,5% e alle liste bloccate, che sono una porcata”.




Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

7 Commenti

  1. andrefu86 ha scritto:

    TermometroPol #Cesa chi?? 🙂

  2. Mario Gifuni ha scritto:

    In Italia ancora con Cesa e Casini,e Grillo prospera

  3. Marco Corvi ha scritto:

    CERTO CHE SO DURI A MORI’

  4. Gabriele Cantelli ha scritto:

    Saprà Cesa trasformare una sovrastruttura padronale in un partito democratico quando con Casini impedì ai componenti la lista di minoranza di entrare in Consiglio Nazionale di sostituire Giovanardi e i quanti con lui si dimisero dal Partito?

  5. Moris Bonacini ha scritto:

    epica battaglia, l’Italia con il fiato sospeso

  6. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Da quando c’è papa Francesco e non c’è più la vecchia Curia Vaticana il Casini non è a suo agio.

  7. Giulio Giliberti ha scritto:

    senza pudore

Lascia un commento