•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 25 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Istat, giù le vendite al dettaglio -2,1%

lavoro

I dati Istat non lasciano particolari interpretazioni: le vendite al dettaglio, ovvero quelle al consumatore finale, sono calate vistosamente: -2,1% rispetto all’anno scorso. E’ da ventiquattro anni che il commercio non andava così male.

A rivelare i dati è l’Istat. Il 2013 ha avuto una forte contrazione, quindi, rispetto l’anno precedente. Non si era mai calcolata una flessione da quando si presentano le serie storiche comparabili. I prodotti alimentari sono calati del 1,1%, mentre per il resto dei beni il decremento raggiunge addirittura il 2,7%. Lo stesso crollo, quello del non-alimentare, registrato tra 2011 e 2012.

Istat

L’Istituto Nazionale di Statistica espone i dati dettagliatamente: –2,4% i farmaci, -2,7% abbigliamento, -3% le calzature, -3,1% elettrodomestici, tv  e radio, -3,2% i mobili. A tutto questo si è aggiunto l’inasprimento dei prezzi che sono cresciuti del 1,2% nel corso dell’anno passato, mentre si sono impennati addirittura del 3% nel corso del 2012.

In controtendenza si registra un incremento per il commercio al dettaglio dei discount: +1,6%, da calcolare però nel valore totale delle vendite a fronte di un decremento dell’1% del comparto della grande distribuzione. Di fatto le botteghe, i piccoli negozi, hanno subito un crollo verticale: -2,9%. A corollario di tutto questo è diminuita anche la fiducia dei consumatori rispetto il mese di gennaio, differentemente dalle prospettive future sulle quali si punta con grande speranza.
 

Redazione

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento