•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 febbraio, 2014

articolo scritto da:

La rete dice sì all’espulsione dei dissidenti del M5S, in sei presentano le dimissioni

Grillo

La rete ha deciso: sì all’espulsione dei quattro senatori dissidenti del M5s. Alla votazione hanno partecipato 43.368 iscritti certificati. In 29.883 hanno votato per ratificare la delibera di espulsione (13.485 hanno invece votato contro). Una decisione che arriva dopo una giornata caotica per il Movimento. L’espulsione dei quattro senatori ha infatti provocato un effetto domino. Dieci senatori sarebbero intenzionati a lasciare il M5s in segno di protesta per le modalità dell’espulsione. Tre dei senatori espulsi hanno dichiarato di essere pronti a dimettersi.

L’ASSEMBLEA DI MARTEDI’ – Alla fine i quattro senatori dissidenti del M5S, Luis Alberto Orellana, Francesco Campanella, Fabrizio Bocchino e Lorenzo Battista, non hanno passato la prova dell’assemblea degli eletti: per i membri pentastellati di Montecitorio e Palazzo Madama i quattro vanno espulsi. Ma la decisione definitiva spetta, adesso, alla rete. Il primo passo della procedura è stato, quindi, effettuato: i parlamentari hanno approvato favorevolmente la procedura di espulsione di quei senatori che si erano dimostrati perplessi nei confronti dell’atteggiamento avuto da Beppe Grillo durante lo streaming con Matteo Renzi. I voti a favore dell’espulsione: per Battista sono stati 73 (35 i ‘no’ e 11 gli astenuti), 67 per Bocchino (30 i ‘no’ e 13 gli astenuti), 77 per Campanella (33 i ‘no’ e 11 gli astenuti) ed infine 70 per Orellana (35 ‘no’ e 9 astensioni).

assemblea-m5s

L’assemblea, durata fino a notte fonda ed andata in streaming, non è stata esente da polemiche. Orellana si è appellato al ‘regolamento del gruppo senatoriale’ del Movimento, chiedendo una pre-riunione dei membri di Palazzo Madama, prima dell’incontro congiunto coi colleghi di Montecitorio. Richiesta rifiutata. Crimi, storico primo capogruppo al Senato ha così commentato: “noto l’operato sistematico da parte di questi quattro colleghi, nel dissentire in maniera sistematica dal gruppo. La cosa grave è che hanno cercato di contattare altri colleghi per farli desistere e non far firmare loro questo documento”. I quattro avevano, inoltre, chiesto il rinvio in quanto lo streaming “andava ad intermittenza” e perché non vi era “più tempo per far tutti gli interventi”.

 

MOVIMENTO 5 STELLE VERSO LA SCISSIONE? – C’è poi chi, come il deputato Alessio Tacconi, critica l’organizzazione e chiede la possibilità di formare il dissenso, non avendo paura di essere inserito nella lista degli ‘eretici’: “se dovete votare”, circa l’espulsione, “considerate anche il mio nome, quindi se ci sarà un voto consideratemi nel gruppo”. Continua la polemica: “chiedo non si arrivi a una votazione su capi d’accusa che non esistono. Non è stata violata alcuna regola, se si votasse trasformeremmo questa assemblea in un tribunale che giudica su lesa maestà e reato d’opinione”. Ma a seguire Tacconi potrebbero essere in tanti. Tra queste la senatrice Laura Bignami che ha annunciato di voler presentare le dimissioni. Un’altra senatrice, Alessandra Bencini, è uscita dal Senato con gli occhi gonfi di lacrime “Basta. Voglio tornare a casa, così non va”. Segno che qualcosa non va.

Secondo il senatore Roberto Cotti “sono più di 30 i senatori pronti a difendere Campanella e gli altri esponenti del Movimento 5 stelle indicati come dissidenti”. Cotti spiega che sono pronti a costituire un gruppo autonomo. Altre critiche al metodo imposto da Grillo arrivano da un’altra senatrice Cinque Stelle, Paola Pinna, “le regole per decretare la richiesta di espulsione dei 4 senatori finiti sotto processo non sono state seguite, l’assemblea congiunta dei gruppi M5s non aveva i numeri per decidere l’espulsione”. Diventa quindi concreta la possibilità che al Senato, ma anche alla Camera, si formino gruppi autonomi di grillini fuoriusciti dal Movimento.

GRILLO “DECIDERA’ LA RETE” – Grillo, poi, dal suo blog, spara a zero sui quattro attraverso i suoi post a cui si aggiungono migliaia di commenti brutali degli utenti. Oggi l’ultimo video dell’ex comico genovese non lascia spazio a particolari interpretazioni: “adesso deciderà la rete, spero che deciderà e confermerà il verdetto della assemblea, così noi siamo un pochino meno ma molto, molto più coesi e forti”. E continua: “non ci possiamo permettere ancora di parlare di gente che bisbiglia ai giornali, dopo 5 minuti che hai parlato sei sul giornale con il titolone. Basta queste cose qui, se vogliono fare un partito con il Corriere, la Repubblica, Libero e l’Unità se lo facciano… e i talk show… che vadano pure ai talk show!”. A difendere l’operato di Grillo scende in campo un suo fedelissimo Alessandro Di Battista che sul suo profilo Facebook giustifica così la procedura di espulsione dei quattro senatori “Io ho visto in queste 4 persone, sistematicamente, da mesi, e in modo organizzato la logica del dolo, la malafede, il sabotaggio di tutte le grandissime battaglie che abbiamo portato avanti come gruppo”.

LA DIFESA VIDEO DEI DISSIDENTI – Hanno girato un video e lo hanno postato su youtube e sulle loro pagine Facebook: i 4 senatori sotto giudizio di espulsione da parte della rete si difendono così. In tre minuti espongono la loro versione dei fatti. Luis Orellana, ad esempio, sottolinea che i “gruppi territoriali non ci hanno mai sfiduciati con un voto assembleare, nè nel caso mio a Pavia nè nel caso di Palermo”. La presunta sfiducia da Palermo, continua Fabrizio Bocchino, “arriva da una minoranza di iscritti al meet up, per di più, mi spiace dirlo, parenti e conviventi dei deputati della Camera”. Per Lorenzo Battista il capo d’imputazione è molto debole: “se anche avessimo detto una cazzata, è normale espellere per il reato di cazzata?”. Anche Francesco Campanella obietta: “siamo il Movimento della democrazia diretta e non possiamo neanche dire che qualcosa poteva essere fatta meglio, ma stiamo scherzando?”. I senatori Luis Alberto Orellana e Lorenzo Battista hanno poi detto a SkyTG24 che intendono presentare le dimissioni da senatore. “Per Grillo siamo come pedine da manovrare” ha detto Orellana.

 

NUTI “CAMPANELLA HA GIA’ PRONTO SUO MOVIMENTO” – “Il senatore Francesco Campanella sta lavorando a un nuovo movimento, si chiama ‘Attivisti liberi’ e ha già un logo”. Ad esserne convinto è il parlamentare dei 5stelle Riccardo Nuti che ieri sera, durante l’Assemblea che ha deliberato l’espulsione di Campanella e altri tre senatori pentastellati e ora al vaglio degli iscritti che stanno votando sul blog di Beppe Grillo, ha letto un documento che lo dimostrerebbe. “Si tratta di una conversazione facebook tra Campanella e alcune persone – dice Nuti all’ANSA – Prima di leggerlo ho chiesto a Campanella se potevo farlo e mi ha autorizzato. Poi reagendo in maniera scomposta ha sostenuto che è tutto falso”.

SFIORATA LA RISSA IN RIUNIONE – La riunione dei senatori Cinque Stelle per decidere come procedere riguardo i dissidenti finisce quasi in rissa. Una decina di senatori tra cui, Bencini, Romani, Pepe, Fedeli, Vacciano, Bignami, Campanella, Bocchino, Orellana, Battista, Iannuzzi, lascia la riunione. Toni concitati, volano insulti e stracci  “Siete peggio dei fascisti” urlano i dissidenti.

orellana

ORELLANA SI DIMETTE DA SENATORE – Luis Alberto Orellana dichiara a SkyTg24 la volontà di dimettersi da senatore “Confermo le dimissioni da senatore”

M5S: 6 LETTERE DIMISSIONI SENATORI SU TAVOLO GRASSO – Sei lettere di dimissioni, a quanto di apprende in ambienti parlamentari, sul tavolo del presidente del Senato Pietro Grasso. Si tratta delle dimissioni di sei senatori del M5S. Tra gli espulsi, al momento, figura solo la lettera di Luis Alberto Orellana. Ma a breve dovrebbero seguire quelle degli altri tre senatori espulsi. A formalizzare il passo indietro, inoltre, i senatori Maria Mussini, Monica Casaletto, Maurizio Romani, Alessandra Bencini e Laura Bignami. 

Daniele Errera





L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

221 comments
Mario Lanza
Mario Lanza

Speriamo un nuovo organo politico DAVVERO democratico.

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

infatti Luigi, è palese come certi pseudo politici utilizzino i movimenti sulla cresta dell'onda come autobus per entrare in parlamento e avviare la propria carriera politica. Tutti uguali, anche questa "nuova" classe politica.

Luigi Gioacchini
Luigi Gioacchini

GRILLO, sicuramente, in questo momento starà vivendo sulla sua pelle l'ipocrisia e l'ingratitudine tipica di certe genti. Il suo unico torto è quello di essere "troppo solo" in mezzo ad un popolo di imbroglioni. Non ho votato M5S, non sono un attivista del Movimento, ma, a GRILLO VA TUTTA LA MIA SOLIDARIETA'. Non è la prima volta, e, purtroppo non sarà nemmeno l'ultima, che i miracolati dopo aver ottenuto il miracolo, decidano di farsi turba del "crocefiggi" per MANDARE IN CROCE IL "MAESTRO" E LIBERO BARABBA.

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

quando si decide di aderire ad un partito, si deve accettare tutte le regole interne e soprattutto essere lineari con le direttive decise ai vertici. La democrazia interna è una buffonata, c'è un capo che comanda e una linea che va seguita. Chi vuol essere libero e indipendente non si iscrive ai partiti ma fa altre scelte, tipo associazionali e se vuole candidarsi lo fa in modo autonomo in liste civiche create appunto a questo scopo. Personalmente non capisco tutto questo baccano, anzi, peso che coloro che oggi se ne vanno o vengono allontanati dal partito di Grillo, erano già da tempo decisi ad usare Grillo soltanto come autobus per entrare in parlamento, cosa questa tipica di tutti i politicanti, vecchi e nuovi.

Luca Traversi
Luca Traversi

La musica è finita . gli amici se ne vanno!

Salvatore Bernocco
Salvatore Bernocco

"Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente". Questo è Voltaire, non Grillo, ovviamente.

Luigi Babbetto
Luigi Babbetto

Meno male che si levano dalle palle sti mercenari W il mov 5 stelle e Grillo

jekkopp
jekkopp

Scoop il pd è antidemocratico! Si è appena scoperto leggendo i giornali in tempi non sospetti che:

Espulsa dal Pd l'ex sindaco di Avigliana, con lei vicesindaco e assessore. 

Acqui Terme. Ferraris e Giglio espulsi dal Pd.

Il Gruppo del Partito Democratico del IV Municipio di Roma ha deciso di espellere il consigliere Giorgio Limardi, a seguito di un ripetuto comportamento difforme alle linee del partito.

Mario Russo, Valerio Addentato e Roberto Merlini sono stati espulsi dal segretario del PD provinciale di Roma Carlo Lucherini.  

Agropoli. Carmine Parisi: "Cacciato dal Pd perché ho denunciato la speculazione edilizia". 

Troina. Espulsi dal PD due consiglieri comunali, per avere votato in contrasto con le indicazioni del partito.

Castiglione del Lago. Rosanna Ghettini, Caterina Bizzarri, Giancarlo Parbuono e Ivano Lisi espulsi dal PD. 

...

Stefano Capuzzo
Stefano Capuzzo

ed ora via altri 10 che si uniranno a Civati....povera italia davvero

Donato D'ambrosio
Donato D'ambrosio

Votazione online , volete espellere i dissidenti , si , no. ( io voto si perché Bla Bla Bla Bla ) ma è una sceneggiata assurda .

Riccardo Danilo Bigi
Riccardo Danilo Bigi

Ho smesso anche di seguirli. Questa è gente pericolosa .. Spero che tutti se ne rendano conto ....... Hanno preso un gruppetto di gente per bene per trasformarli in. Burattini... Ma la gente deve capire chi c'è dietro a questi ragazzi di tutto rispetto per carità! Mahhhhhh

Pasquale Gattellaro
Pasquale Gattellaro

Bisognerebbe si dimetessero!!! Ma, in mancanza di coraggio........formano i "gruppi misti"......!

Gigi Grieco
Gigi Grieco

non può esistere uno statuto dittatoriale, del tipp "Grillo si ama e non si discute" cosi rischia di sfasciare tutto quello che di buono si è fatto fino ad ora

Pietro Pirozzi
Pietro Pirozzi

e bellino il piddino.. però se vai contro a peppe e poi va da fonzie dopo che lo hai smerdato certo che è sono coerenti

Andrea Patrone
Andrea Patrone

É proprio vero che l'onestá e la coerenza non sono piú prese in considerazione! Come si fa a continuare a votare gli stessi partiti che ci hanno ridotto con le pezze nel culo, che ci hanno tolto la speranza proprio per la loro disonestá, ingordigia, collusione, egoismo e potrei aggiungere altro. Anche l'ultimo governo Renzi non puó essere credibile!

Giovanni Cavallo
Giovanni Cavallo

Ok. Ci vediamo qua, dopo le europee e vedremo quanti saranno riusciti a restare in questo movimento fascista.

Pietro Motta
Pietro Motta

se la gente sta scappando a gambe levate da noi o no

Pietro Motta
Pietro Motta

e io di ridico, ne riparliamo dopo le europee

Giovanni Cavallo
Giovanni Cavallo

Si, vuol quasi quello che hai scritto. Poco più di 8 milioni divisi tra fascisti consapevoli, fascisti inconsapevoli e persone molto distratte, che, appena si accorgeranno di chi hanno intorno, scapperanno a gambe levate.

Pietro Motta
Pietro Motta

vuol dire che siamo 9 milioni di fascisti. Rassegnati anche tu...

Giovanni Cavallo
Giovanni Cavallo

Non hai mai risposto a quell'obiezione, anche perché non puoi. Continua a votarli e sostenerli, se vuoi. Ma sono fascisti. Fattene una ragione.

Paolo Poio Sabbioni
Paolo Poio Sabbioni

no a dividere la poltrona non ne rimarranno due, prima o poi tenteranno di farsi le scarpe a vicenda!

Paolo Poio Sabbioni
Paolo Poio Sabbioni

Parlare con i GrillofanBoy equivale a parlare con quelli del "esercito di Silvio" dei "Renzini" o altri fanatici di altri gruppi politici/religiosi...... Piantatela con il culto della persona, imparate a essere scettici, cercate sempre altre versioni. Il 5 stelle ha o aveva tanti bravi parlamentari (Taverna, Di Maio, Di Battista, Orellana, Battista, Bernini, De Vita solo per dirne alcuni)......ma al 5 stelle non serve Grillo. All'Italia serve gente onesta, Grillo ha avuto il merito di farne entrare molti in parlamento, ora che si faccia da parte!

Pietro Motta
Pietro Motta

C'ho provato a spiegare. Non mi credi, amen. Ma non posso rispondere sempre alla stessa obiezione.

Fabrizio G. Marongiu
Fabrizio G. Marongiu

Mircoli, gli elettori 5S non sono comandati. Anzi, sono loro a comandare. E si è visto anche oggi.

Fabrizio G. Marongiu
Fabrizio G. Marongiu

Tranquillo, il tuo voto non è perso. Lo eserciterà qualcuno più sveglio di te.

Giovanni Cavallo
Giovanni Cavallo

I fascisti, gli unici che non accettano che la parola del Duce sia contraddetta o anche solo appuntata. I fascisti, i soliti.

Pietro Motta
Pietro Motta

Fate uno stamp di questo post, dopo le europee ne riparliamo... :D

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

Sono una setta di fascistelli...ma manca poco...la fine è cominciata

Fabrizio G. Marongiu
Fabrizio G. Marongiu

Come ribaltare il mondo: un movimento che espelle a seguito di sfiducia del territorio+voto dei parlamentari+votazione in rete è fascista. Un partito come il PD che espelle con decisione irrevocabile della direzione è, invece, liberale.

Pietro Motta
Pietro Motta

I fascisti, gli unici che fanno votare la base per scegliere se espellere o no... sei confuso. Ridicolo confuso!

Giovanni Cavallo
Giovanni Cavallo

Si, ricordo chi è. Non so cosa sta facendo, ma non so cosa fanno quasi tutti gli onorevoli grillini... di molti (quasi tutti) non so nemmeno i nomi. Ma poi, non capisco, se non ricordassi chi è la Gambaro, sarebbe una dimostrazione del fatto che questi fascisti non sono fascisti? :)

Andrea Arcide
Andrea Arcide

Bla bla bla bla bla, cari giornalisti e cari piddini, voi intanto pensate alla riforma al mese di Matteo, sono qui che aspetto...

Noi RIvoteremo il Movimento Cinque Stelle
Noi RIvoteremo il Movimento Cinque Stelle

"In questo momento triste, dopo l'esito della votazione per l'espulsione ai senatori dissidenti, sono venute a mancare le informazioni per le pagine Anti-M5S e i trolls/disturbatori".

Fabio Masci
Fabio Masci

Perché non scrivete quanti ne ha espulsi il Pd o il Pdl? Civati sbaglio o ha detto che se votava contro la fiducia a Renzi lo sbattevano fuori dal partito?

Francesco Cabo Surano
Francesco Cabo Surano

Sempre più convinto del Movimento 5 Stelle. .. P.S.a tutti quelli che qui fanno commenti idioti, tipo fascisti, antidemocratici o che siamo comandati da tizio o Caio dico solo una cosa: FOTTETEVI voi e la merda che votate. Il movimento è nato con uno scopo, e con uno spirito ben preciso, combattere il marcio. Finalmente abbiamo un movimento DEMOCRATICO PULITO TRASPARENTE e soprattutto COERENTE. Le chiacchiere stanno a zero, contano i fatti, a patto coi ladri non scenderemo MAI!!!!

Paolo Poio Sabbioni
Paolo Poio Sabbioni

Luigi non è una questione di accordi. Democrazia significa che la maggioranza vince, tuttavia a tutti DEVONO essere garantite la libertà di espressione e anche di dissenso. Ho visto il comunica completo (non quello tagliato sul blog) dei 4 senatori, non era un dissenso della sostanza ma dei modi. Il blog è una buona fonte ma, esattamente come Repubblica, taglia molto.

Bruno Bral
Bruno Bral

il m5s è l'unica speranza per l'Italia.......se fallisce tocca abbandonare il Paese.....questo è certo......