•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Il nuovo governo di Kiev delude piazza Maidan

Crimea

Il governo che guiderà l’Ucraina fino alle elezioni del 25 Maggio è stato presentato al presidio ormai permanente di Piazza Maidan, in seguito è stato reso operativo dal voto di fiducia del Parlamento.

Al momento di salire sul podio, posto nel luogo che è stato il cuore delle proteste appunto Maidan Nazalezhnosti, qualche fischio si è levato dalle migliaia di ucraini nei confronti di Turcinov, presidente della Repubblica ad interim, e di Yatseniuk che ha così arringato la folla: “Non c‘è nessun oligarca e nessuno dell’esecutivo di Yanukovich. Non abbiamo mai avuto un governo come questo nella nostra storia. Posso prevedere quale sarà il futuro di questi ministri: saranno dei kamikaze politici”.

Tra i membri indicati dall’assemblea popolare ci sono anche diplomatici di carriera e giornalisti, ma per esempio non figura il leader dell’opposizione e prossimo candidato alla carica di Presidente della Repubblica Klitschko, ma Piazza Indipendenza rimane scettica – “dove erano questi ministri mentre si sparava a Kiev?” – abbandonarla non è un’opzione fattibile: “resteremo qui per controllarli se non faranno le riforme necessarie se ne andranno a casa”.

Nel frattempo Yanukovich, probabilmente dal confine con la Russia che ha reso noto di proteggerlo, è tornato a parlare – “sono il legittimo presidente dell’Ucraina” – e in Crimea uomini armati delle forze di auto-difesa filo-russe hanno fatto irruzione nel Parlamento di Sebastopoli: hanno ammainato la bandiera ucraina e issato quella della federazione con a capo Putin.

Proprio le forze militari dello “zar” in queste ore stanno svolgendo delle esercitazioni militari sul confine ucraino – simulazione di bombardamento da parte di caccia – e a Mosca, in virtù di una secessione della Crimea da Kiev sempre più possibile, si cercano 5 miliardi di dollari da investire nella regione. Da tutta la regione a maggioranza russa si stanno riunendo milizie volontarie contro “il governo eletto dalla teppaglia” di Kiev. Turcinov, che è anche capo delle forze armate ucraine, ha riferito che se la Russia interverrà in Crimea da Kiev non si esiterà a rispondere.




Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

9 Commenti

  1. Michelangelo Turrini ha scritto:

    se l’Ucraina vuole salvarsi ed essere davvero libera, resti fuori dalla UE. Entrarci significa ritrovarsi nell’Unione dei Soviet d’Europa, perdendo ogni sovranità nazionale e monetaria. Peggio di come stavano adesso.

  2. Riccardo Moni ha scritto:

    Maidan in ucraino vuol dire piazza. ..

  3. Umberto Banchieri ha scritto:

    Eccerto, senza sovranità monetaria non si vive… per la serie: ti ficcano un palo nel deretano, ma stiamo a guardare l’unghia che non è smaltata.

  4. Michelangelo Turrini ha scritto:

    non è poca cosa, non sottovalutiamola

  5. Moris Bonacini ha scritto:

    solo la Crimea? non credo

  6. Fernando Giannoni ha scritto:

    Il problema è che questi stanno malissimo con la Russia vicino. Gli hanno rubato per decenni anche la terra molto fertile e se la sono portata via con i treni. Hanno la flotta a Sebastopoli e sono per loro una continua minaccia.

  7. Andrea Galantucci ha scritto:

    Bella roba…

  8. Umberto Banchieri ha scritto:

    Sì, infatti non è poca cosa… concordo. è nulla.

  9. Michelangelo Turrini ha scritto:

    se ne sei convinto, tieniti pure l’Euro, tieniti pure la moneta proprietà dei banchieri e non del popolo. Io preferisco di no.

Lascia un commento