•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 5 marzo, 2014

articolo scritto da:

Europee, tutti i nomi della Lista Tsipras. C’è anche l’ex leader dei centri sociali Casarini

Tsipras

Pochi giorni fa avevamo riportato la notizia delle numerose personalità che si erano candidate nella lista a sostegno di Alexis Tsipras come nuovo Presidente della Commissione Europea. Oggi arrivano quasi tutte conferme (esce solo il nome dello scrittore siciliano Andrea Camilleri). Annunciate 73 candidature, di cui 37 maschili e 36 femminili, tra cui spunta anche il nome del professore Ermanno Rea. Ecco le liste di tutti i candidati, suddivise nei cinque maxi collegi territoriali italiani. Oltre ai già citati Moni Ovadia e Barbara Spinelli, spiccano i nomi dei giornalisti Giuliana Sgrena e Curzio Maltese. Presente anche l’ex leader dei centri sociali Luca Casarini.

Collegio Nord Est

Assunta Signorelli

Camilla Seibezzi

Eduardo Salzano

Carlo Salmaso

Maria Cristina Quintavalla

Riccardo Petrella

Ivano Marescotti

Stefano Lugli

Annalisa Comuzzi

Isabella Cirelli

Oktavia Brugger

Piergiovanni Alleva

Adriano Prosperi

Paola Morandin

Collegio Nord Ovest

 Giuseppe Viola

Alfredo Somoza

Giuliana Sgrena

Stefano Sarti

Pierluigi Richetto

Alessandra Quarta

Dijana Pavlovic

Argyrios Panagopoulus

Andrea Padovani

Daniela Padoan

Nicolò Ollino

Carla Mattioli

Lorena Luccatini

Anita Giurato

Mauro Gallegati

Domenico Finiguerra

Nicoletta Dosio

Moni Ovadia

Loredana Lipperini

Curzio Maltese

Collegio Centro

Rossella Rispoli

Felice Pizzuti

Sandro Medici

Roberto Mancini

Lucia Maddoli

Francuccio Gesualdi

Marco Furfaro

Tommaso Fattori

Luca Casarini

Raffaella Bolini

Fabio Amato

Maria Nazzarena Agostini

Lorella Zanardo

Barbara Spinelli

Collegio Sud

Claudio Riccio

Antonio Maria Perna

Valeria Parrella

Teresa Masciopinto

Eleonora Forenza

Raffaele Ferrara

Enzo Di Salvatore

Riccardo Di Palma

Antonio Di Luca

Gaetano Cataldo

Anna-Lucia Bonanni

Costanza Boccardi

Antonia Battaglia

Franco Mario Arminio

Silvana Arbia

Barbara Spinelli

Ermanno Rea

Barbara Spinelli

Collegio Isole

Olga Nassis

Antonio Mazzeo

Simona Lobina

Antonientta Leto

Valeria Grasso

Mario Cicero

Maria Elena Ledda


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

15 comments
Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

Un po' come chiamare le cose col loro nome... oh, comunque se vuoi criticare nel merito bene, se no non fare quello che si attacca ad una parola.

Dottor Zmorg
Dottor Zmorg

Un po' come chiamare Giraffa un Rinoceronte. Vabbè.

Domenico Fernando Cordova
Domenico Fernando Cordova

"I Comunisti italiani, alla luce della gravissima discriminazione di cui sono stati fatti oggetto e della situazione nuova che si è creata, riuniranno i loro organismi dirigenti si riservano di assumere le decisioni conseguenti, nessuna esclusa". Cesare Procaccini, segretario nazionale del Partito dei Comunisti Italiani

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

Io francamente non vedo intellettuali... questi son VIP non intellettuali... non vedo nessuno che abbia contributo a qualche imkportante dibattito teorico visto che con quello si intende la parola intellettuale. A meno che ora scrivere qualche libercolo, recitare in qualche piece teatrale (le schifezze le fanno anche a teatro, non solo in TV o al cinema... giusto per sfatare la puzza sotto al naso che c'é da larte di chi parla di teatro come forma superiore) o articolo non sia divenuto sinonimo di intellettuale... puó essere dato il livello a cui si é abbassata la cultura nel nostro paese... Saró ancora piú diretto: candidature come questr non sono poi tanto diverse da quelle della Minetti o di altri showman e showgirl. A parte la puzza sotto il naso: visto che pure i giornalisti di cui parliamo nel caso di giornalismo ne han sempre fatto ben poco... che al confronto il buon Mineo era da pulitzer.. Ps: ho mai detto che gli altri siano meglio? Mi par proprio di no... anzi ho detto che questa lista sembra la fotocopia a estrema sinistra di quanto giá visto in altri partiti... peró spiegami questa malsana abitudine italiana che quando si parla di una certa cosa o di un certo argomento bisogna poi finire a parlare di altro. PPS: sul fatto delle candidature é risibile quel che dici... e chi ha seguito un poco la vicenda lo sa bene. Erano 4 gatti che han scelto gli unici 4 gatti con un poco di visibilitá mediatica....

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Ribadisco: sono candidature scelte democraticamente tra i promotori della lista. Non è la riproposizione della lista Ingroia (che infatti di intellettuali ne aveva pochi): è un progetto europeo che è stato varato di concerto con altre forze politiche europee (che guarda caso hanno accolto con favore queste candidature). Non mi sembra un concetto complesso no? Lei parlava di complotti radical-chic per affossare la buona politica. Il cambiamento chi sarebbe? Renzi? Berlusconi? Schulz? Grillo? Le Pen? Ma mi faccia il piacere lei...

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Scrivere, fare teatro e arte sono mestieri. E quasi sempre una persona colta è un politico migliore rispetto ad un ignorante. Possibile che l'ideologia delle veline sia arrivata al punto da far identificare il nemico della buona politica negli intellettuali? Sono cose che non sarebbe arrivato a pensare nemmeno Mussolini...

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

@Dottor Zmorg ed invece hai appena descritto alla perfezione queste persone se ampliamo la definizione... con Radical Chic oggi si intende in Italia proprio persone che abbracciano l'estetica e le parole di sinistra, ma ne son l'esatto opposto.... almeno fossero idraulici il lavoro lo conoscerebbero questi visto che oltre a estetica e parole questi di sinistra non hanno nulla a livello di contenuti... e la sfido a dimostrarmi il contrario... per queste persone si potrebbe usare benissimo la lunga e cattivissima replica interpretata da Sorrentino ne la Grande Bellezza in uno dei passaggi chiave...

Dottor Zmorg
Dottor Zmorg

Ecco guardi, ha le idee confuse riguardo a cosa sia un Radical Chic. Può sempre pensare male delle persone in questa lista, ma quell'espressione ha un significato preciso, indica la classe medio borghese che imitava gli atteggiamente estetici degli artisti bohemien senza alcuna adesione con gli ideali o lo stile di vitadi questi. Poteva chiamarli idraulici e sarebbe stato lo stesso.

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

Il messaggio forte non lo si fa passare con l'improvvisazione. Questa è la riedizione con facce un filo più mainstream della lista Ingroia. E comunque di congiure stai parlando tu. Parlo semplicemente di un'area politica (che non voto e quindi se prende pochi voti mi fa solo piacere) che incapace di esprimere una vera linea politica si affida a volti noti nel disperato tentativo di prendere voi (ma d'altronde essendo conscio dell'importanza della pluralità politico questo suicidio non mi piace, per quanto non mi piaccia l'area politica). Questo mi ricorda la politica di candidature di FI o PDL (e ormai del PD). Sarebbe questa l'alternativa? Per piacere, non farmi ridere. La verità è che neanche i veri attivisti o i simpatizzanti dell'estrema sinistra voteranno questa roba senza anima di sorta. E alla fine neanche i voti dei Radical Chic... perchè è troppo mainstream votare una lista che è fatta (malamente) per essere mainstream...

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Alla faccia di chi diceva che la Sinistra è sepolta. Se gli intellettuali sono di Sinistra e al PD sono rimasti solo i tecnocrati, vuol dire che davvero il PD non ha futuro.

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Ecco, e allora votate i tecnocrati, i neoliberisti e gli urlatori. Se avesse letto le motivazioni che hanno spinto persone come Moni Ovadia, Barbara Spinelli o Andrea Camilleri a candidarsi forse saprebbe che ci sono per dare supporto alla lista, ma si dimetteranno in favore dei secondi arrivati nel caso in cui vengano eletti, in modo tale da lasciare il campo a persone più impegnate ed esperte. Si sono candidati per dare un messaggio forte (anche culturalmente: se la politica servisse a far arrivare i treni in orario basterebbe un capostazione), non per arrampicarsi su una poltrona come altri, ben noti politici pronti a tutto... Evidentemente prendersela contro un nemico fittizio sproloquiando di congiure di radical-chic e di suicidi della Sinistra è più divertente e consente un maggiore risparmio di cellule cerebrali. http://www.gadlerner.it/2014/03/03/barbara-spinelli-andrea-camilleri-moni-ovadia-e-adriano-prosperi-capolista-della-lista-tsipras

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

Sì, quelli che compongono questa lista ne sono l'esatta rappresentazione. Gente che non ha mai fatto e concluso nulla o quasi nulla, capaci, punto realmente caratterizzante, solo a riempirsi la bocca di belle parole dai loro bei salottini imbiancati, candidati solo perchè VIP e non per reali meriti ed il fatto che poi dicano che tanto si dimetteranno per lasciare il posto ad altri è un insulto agli elettori. La candidatura al Parlamento Europeo è una cosa seria, non un gioco con il quale divertirsi qualche mese. Mi dispiace che l'unica alternativa a sinistra in Italia per le europee sia rappresentata da questi personaggi. Non è di certo una politica sana quella dove una delle poche parti si suicida definitivamente senza motivo apparente se non la propria stupidità. Francamente non è una politica sana questa...

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

La lista Radical Chic mancava. Io fossi un militante o un simpatizzante di estrema sinistra schiferei una lista così. A me non piace Tsipras, ma gli riconosco che è di certo superiore (e lo considero sopravvalutato badare) rispetto a chi in Italia lo rappresenta e che non è colpa sua se si ritrova supportato da personaggi inutili del genere: è tipico della politica italiana riuscire a rovinare tutto.