•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 2 marzo, 2014

articolo scritto da:

Lista Tsipras, Andrea Camilleri e Barbara Spinelli candidati: “Vogliamo un’altra Europa”

La Lista Tsipras scalda i motori in vista delle europee del 25 maggio. Il cartello elettorale che fa riferimento ad Alexis Tsipras, leader del partito greco di sinistra Syriza, arrivato secondo alle ultime elezioni elleniche, dietro il centrodestra di Nuova democrazia, punta a scompaginare il lato sinistro della politica europea. E anche italiana.

È palese che per riuscire in tale impresa occorra attirare personalità di un certo rilievo. Sotto questo aspetto, il leader greco pare essere a buon punto. È di oggi, infatti, la notizia che Andrea Camilleri, Barbara Spinelli e Moni Ovadia, tre personalità da sempre gravitanti attorno alla sinistra, si candideranno nella lista “L’altra Europa con Tsipras”.

La candidatura, annunciata tramite una lettera sul sito ufficiale, ha la funzione di fare da cassa di risonanza al programma politico del leader di Syriza. I tre, infatti, hanno da subito chiarito che, se eletti al Parlamento Europeo, lasceranno “il posto al parlamento a candidati che più di noi hanno le energie e le competenze per portare a Bruxelles e Strasburgo la nostra voce e i nostri valori in un lavoro quotidiano che sarebbe al di sopra delle nostre forze”. Di seguito la lettera integrale.

camilleri

“Siamo convinti che “L’altra Europa/con Tsipras” costituisca alle prossime elezioni europee uno straordinario elemento di novità: una lista della società civile, autonoma dai partiti, capace di dar vita, raccogliere, rilanciare le lotte civili e sociali, di opinione e di piazza, che nel corso del ventennio berlusconiano, e di compromessi di potere tutt’altro che estinti, hanno tenuto alta la bandiera dei principi di giustizia e libertà della nostra Costituzione repubblicana, indicandola come la “via maestra” da realizzare, anziché una carta obsoleta da calpestare. Proprio perché la lista dei candidati è la “carta d’identità” di questa iniziativa politica, siamo felici di essere candidati di “L’altra Europa – con Tsipras”, per sottolineare il nostro impegno pieno e convinto. Ci rivolgiamo in primo luogo ai cittadini delusi dalla politica e tentati dall’astensione. Ma siamo persuasi che tanti militanti ed elettori del Pd e del M5S troveranno uno strumento più coerente con le aspirazioni che li hanno fin qui spinti ad appoggiare, magari criticamente, i rispettivi partiti e movimenti, tanto più che la nostra lista è la sola ad avere sul tema europeo una posizione inequivoca: no all’Europa delle oligarchie finanziarie e delle Grandi Intese fra Socialisti e Popolari, sì a un Parlamento costituente e all’Europa dei cittadini e della lotta contro i privilegi. Dunque più Europa, non meno. E un’Altra Europa, radicalmente. Se eletti, lasceremo il nostro posto al parlamento a candidati che più di noi hanno le energie e le competenze per portare a Bruxelles e Strasburgo la nostra voce e i nostri valori in un lavoro quotidiano che sarebbe al di sopra delle nostre forze. Non ci consideriamo però “candidati di bandiera”, come spesso riduttivamente si dice, ma protagonisti, insieme a tutti voi elettori che lo condividerete, di un progetto in cui crediamo fermamente”.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

16 Commenti

  1. Francesco Passeri ha scritto:

    largo ai giovani

  2. Giorgen Rock ha scritto:

    Solo solo per de magitris non avra’ mai il mio voto

  3. Ketty Gatto ha scritto:

    Allora beccati Renzi

  4. Pietro D'Ambrosio ha scritto:

    “Se eletti, lasceremo il nostro posto al parlamento a candidati che più di noi hanno le energie e le competenze”.
    e meno male che non sono di bandiera….

  5. Francesco Passeri ha scritto:

    volentieri

  6. Michele Moretti ha scritto:

    ah codesti comunisti…

  7. Celestino Sconfienza ha scritto:

    ma vadano a cagare che è meglio.

  8. Umberto Banchieri ha scritto:

    Lista tristezza. zero idee zero volti nuovi o realmente significativa stessa fuffa di sempre di pseudo sinistra che ormai fa vomitare pure coloro che di sinistra lo son realmente….

  9. Alex Parela ha scritto:

    Ennesimo garbuglio della borghesia radical-chic per dividere la sinistra…. queste liste sono fatte per l’itellighentia …i veri partiti popolari sono altri. Quanti voti ha preso Riv. civle ? LA Rosa nel pugno ? La lista “progressista” che univa Verdi e Socialisti!????

  10. Giorgio Righetti ha scritto:

    della serie voglio andare a Bruxel con i voti dei partiti ma senza i partiti. Chiamali scemi.

  11. Simone Serafin ha scritto:

    Ma dime se on greco deve insegnarce qualcosa la estrema sinistra e i bel pe nsanti sono alla frutta

  12. Piero Garuti ha scritto:

    Utile come una carie ai denti

  13. Luca Regolo ha scritto:

    Io, vorrei un’altra Italia!!!

  14. Luca Regolo ha scritto:

    gara di pippe!

  15. Luca Regolo ha scritto:

    l’unica bandiera che può sventolare un italiano, come disse il “poeta”, è quella bianca!

  16. Romano Fedi ha scritto:

    Ma ho appena letto su un trafiletto della STAMPA che si si candidano per le Europee ma n on andranno a STRASBURGO anche se eletti ci manderebbero altri. Ma loro non erano i paladini della scelta LASCIATA agli elettori. Ma che differenza c’è fra la nomina da parte di un partito a di un’apolitico?

Lascia un commento