•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 24 marzo, 2014

articolo scritto da:

Nel 2012 occupazione più alta per gli stranieri che per gli italiani. Perchè?

“Rubano il lavoro agli italiani”, “No, fanno i lavori che gli italiani non vogliono fare”. Sugli stranieri e l’immigrazione si scaldano gli animi, gli stereotipi più triti e ritriti vengono rispolverati. Ma quale è la realtà sull’occupazione e il lavoro degli immigrati in Italia rispetto a quello degli italiani, e qual è la situazione in Europa?

I dati dell’ISTAT sono aggiornati al 2012 e vediamo di seguito come in Europa l’occupazione degli stranieri sia distribuita, in maniera, c’è da dire, più uniforme di quella della popolazione nazionale. Del resto non è difficile immaginare che tra gli immigrati via sia più mobilità e spostamento da una nazione all’altra sulla base delle possibilità occupazionali:

L’Italia in questa classifica è messa bene: gli stranieri avevano una occupazione più alta della media, e superiore a quella degli autoctoni.

Lo vediamo meglio qui:

Il dato è degno di nota: è l’unico grande Paese e con una quota consistente di immigrati a vedere dati migliori per l’occupazione per gli stranieri che per i lavoratori nazionali.

Al contrario vediamo che il gap in grandi Paesi con importanti flussi migratori come Francia e Germania è tra il 10% e il 15%.

Vediamo i dati sulla disoccupazione:

La disoccupazione degli stranieri in Italia è minore della media europea, mentre quella degli italiani è maggiore, almeno nel 2012, e il gap delle due misure (a svantaggio degli stranieri) è tra i più bassi in Europa, al contrario degli altri grandi Paesi.

Vi possono essere una serie di motivazioni:

Nei Paesi di vecchia immigrazione come Francia e Germania a popolazione straniera è ormai stabile, spesso alla seconda o terza generazione, e la mobilità in caso di disoccupazione più ridotta, si tratta di persone che il lavoro lo hanno perso, più che non trovarlo. E la crisi economica ha colpito in queste società avanzate di più settori a bassa specializzazione appannaggio degli stranieri, questo in teoria anche in Italia, ma con differenze che vedremo dopo.

La struttura dell’immigrazione in Spagna, più recente, è simile a quella italiana, ma lì la disoccupazione ha colpito in modo molto più duro sia gli autoctoni sia gli stranieri, e principamente rispetto all’Italia vi è una enorme differenza nel prossimo indicatore che andiamo a vedere, l’inattività:

Gli italiani hanno livelli di inattività molto più alti degli spagnoli e in media di tutti gli europei, tanto che superano di molto anche quelli degli stranieri. Una caratteristica che osserviamo è che nei Paesi più avanzati e del Nordeuropa come Francia, Germania, Svezia, Paesi Bassi, ecc, sono gli stranieri ad essere più inattivi, probabilmente per le questioni di immigrazione ormai stanziale detti prima, e per la presenza di importanti sussidi assenti nell’area mediterranea.

Tornando però all’Italia e all’eccezione principale che rappresentiamo, ovvero il principale Paese con occupazione straniera superiore a quella nazionale e dioccupazione italiana solo di poco inferiore a quella straniera, vengono utili i dati nazionali, scorporati per macro-regioni:

Vediamo come mentre il Nord sembra invece allinearsi alla realtà europea, soprattutto per quanto riguarda l’occupazione, è il Sud a creare questi enormi squilibri. Addirittura nel meridione la disoccupazione stessa degli italiani è molto superiore a quella degli stranieri, e si accentuano le differenze nell’inattività.

Di fatto il Sud Italia riproduce in modo parossistico le enormi distorsioni, due principalmente, probabilmente uniche in Occidente, di cui è vittima l’Italia a livello economico, e di cui questi dati sull’occupazione degli stranieri sono solo uno degli effetti collaterali:

1) non si tratta infatti del fatto che “gli stranieri rubano il lavoro agli italiani”, ma  che nonostante sia un Paese nominalmente avanzato, le mansioni lavorative sono a basso valore aggiunto, molto più che in altri Paesi, le dimensioni delle aziende sono piccole, spesso non richiedono competenze avanzate, i settori della ricerca e sviluppo, quelli tecnologici, o dei servizi alle aziende o le competenze manageriali interne alle aziende stesse, sono limitate, tanto da non garantire l’occupazione neanche di quei pochi laureati che abbiamo, ch esono molti meno rispetto agli altir Paesi europei

2) un mercato del lavoro che scoraggia le assunzioni e e una struttura familiare orientata alla rendita e al risparmio che non induce all’attività, e non solo dei più giovani.

Naturalmente il lavoro nero ha un peso, ma sappiamo che gli stranieri non sono certo meno coinvolti degli italiani in questo, quindi a parità di coinvolgimento i dati su occupazione e disoccupazione rimangono rilevanti e devono farci riflettere su come le cause non sono negli stranieri, anche se per molti è comodo prendere dei capri espiatori facili, ma insiti nelle distorsioni alla propria economia che gli italiani hanno voluto e che sono tra le principali cause del proprio declino.

 

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

13 Commenti

  1. Elisa Agostini ha scritto:

    Per che loro fanno qualsiasi lavoro e non hanno paura di sporcarsi le mani

  2. Riccardo Bottegal ha scritto:

    “Io voglio fare la segretaria, non mi sporco le mani” risposta di una 17enne a cui era stato proposto di lavorare in un negozio di alimentari

  3. Lucia Locatelli ha scritto:

    Perché è meno qualificata dovuta al fatto che l”Italia è rimasta indietro x una mancanza grave di un piano industriale. Quindi tante mansioni specializzate e laureati stanno fuori dal mercato

  4. Ignazio Farinello ha scritto:

    Gli italiani non
    Vogliono fare i lavori più richiesti

  5. Margherita Simoni ha scritto:

    paga + bassa

  6. Salvatore Caputo ha scritto:

    Alcuni tipi di lavoro in alcune zone d’italia sono snobbati….mettiamoci poi che sono facilmente ricattabili e sottopagabili…ed ecco la risposta

  7. Mauro Agus ha scritto:

    Uno straniero che non lavora se ne va oppure è clandestino e quindi non conteggiato

  8. Mauro Agus ha scritto:

    Simone Quinci… basta con la storia dei complotti. Se non ti piace… vattene dalla pagina, da Facebook o dall’Italia.

  9. Donato Palmieri ha scritto:

    ma sopratutto lo fanno chiedendo meno soldi

  10. Donato Palmieri ha scritto:

    ma sopratutto lo fanno chiedendo meno soldi!!!!

  11. Geggino De Defaultis ha scritto:

    guarda con personaggi come te che al 90% crederanno nel trittico figa-calcio-birra me ne andrei seduta stante da questo paese.
    Fatelo voi un lavoro di merda a 400 euro al mese e poi ne riparliamo, tanto lo spirito è cinesizzatevi tutti of course

  12. Mauro Agus ha scritto:

    sono astemio e non seguo il calcio… invece personaggi come te sanno solo parlare in anonimato, e non hanno nemmeno il coraggio di metterci nome cognome e faccia….

  13. Mauro Agus ha scritto:

    ma poi… te ne andresti da questo paese, perchè non vai?? esterofilo della domenica anche te???

Lascia un commento