•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 22 marzo, 2014

articolo scritto da:

Referendum indipendenza veneta: i dubbi sulla partecipazione

I comuni al voto

Un “referendum” pittoresco, pieno di interrogativi e con risultati poco credibili.

Secondo quanto raccontato i votanti sarebbero stati 2 milioni 360mila 235, pari al 73% del corpo elettorale regionale. I sì sarebbero stati 2 milioni 102mila 969, pari all’89%, i no 257.276 pari al 10,9%), ovvero una grandissima partecipazione ed un trionfo di ‘si’.

Ma entriamo nel merito: anzitutto è stato un referendum? No. Non essendo presente ovunque (120 seggi, uno ogni 30.000 elettori), essendo stato partecipato in maggioranza via web (ovvero i voti sono arrivati via internet e non è dato sapere quanti siano stati i voti espressi in altre forme) e non avendo validità giuridica, sarebbe più corretto definirlo come una consultazione online. “Un sondaggio” per il governatore Zaia, il quale ha comunque partecipato. Ma noi, che i sondaggi online li facciamo da anni, abbiamo visto che la formula con la quale è stato svolto è tutt’altro che affidabile, come conferma un articolo de l’Espresso, che ha dimostrato come è stato possibile scavalcare i limiti dell’identificazione personale e votare, quindi, più volte. A tutto questo si aggiunge il modesto numero di visitatori del sito dove si è votato (dal web sarebbe arrivata la spinta decisiva per il totale finale), il fatto che esso non sia mai andato nel pallone (solitamente accade con così tanti utenti) e dalla esiguità della partecipazione alla festa in piazza a Treviso: appena un centinaio di persone.

veneto

Un successo, ovviamente, secondo gli organizzatori: “Sempre nell’ambito dell’esercizio fattivo dell’indipendenza dobbiamo fin da subito creare e stabilizzare le istituende strutture della Repubblica Veneta, per quanto provvisorie prima della loro definizione che seguirà la fase costituente ufficiale. L’organizzazione diventa quindi ancor più fondamentale”, annuncia trionfante il promotore del referendum. Il ritorno alla situazione pre-unitaria è alle porte, secondo Gianluca Busato: “ora dobbiamo istituzionalizzare la nostra forza umana, creando i governi locali della Repubblica, che opereranno fin da subito in simbiosi ed armonia con i comuni dell’amministrazione dichiarata decaduta per assicurare una transizione veloce e naturale alle nuove istituzioni. Le istituzioni venete delle comunità locali – aggiunge – saranno aperte a breve, e saranno rese operative anche digitalmente attraverso la rete internet, oltreché nel territorio. Da un punto di vista strategico dobbiamo inoltre evitare l’isolamento, permettendo alle forze ancora esistenti della conservazione di fare danni. Agiremo quindi sul piano politico agendo tatticamente in ogni campo, senza lasciare punti di vantaggio a nessuno”.

Francamente difficile prendere anche solo lontanamente in considerazione queste dichiarazioni piuttosto deliranti, relative a quella che probabilmente voleva essere una emulazione sgangherata e farsesca del referendum in Crimea. Certo sarà difficile dimostrare come due milioni di votanti si siano recati alle urne (seggi elettorali non solo inferiori numericamente, ma anche assenti in ampie parti della regione), ma probabilmente lo scopo di chi si è inventato questa cosa era un effimera luce dei riflettori, da parte dei media, per qualche minuto. Bene o male purché se ne parli, resta comunque una farsesca pantomima tirata su in modo alquanto ridicolo, degna di menzione come nota di colore folcloristico e niente di più.

Daniele Errera


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

82 comments
Giovanni LG Zanoli
Giovanni LG Zanoli

Che sia una cazzata come referendum, credo che non debba nemmeno esser messo in discussione; resta il fatto che è sintomo di un malessere sempre più evidente delle regioni del nord. Al di la delle cazzate di Salvini e Co. (che ricordiamoci, campano anche coi soldi italiani e dell'UE), credo sia innegabile dire che oramai, anche in un periodo di una forte recessione economica come questo, lo stato italiano per le regioni settentrionali fa poco. Parlo da terremotato emiliano, qui di soldi, coi danni che abbiamo avuto, se nesono visti pochi e col contagocce e per fortuna che siamo una delle regioni italiane che finanzia il resto...

Domenico Rusconi
Domenico Rusconi

E perché? Non discuto il valore legale della cosa, fermati un attimo a pensare a ciò che questo "referendum" implica: i Veneti sono stufi di una Italia così gestita e squilibrata. Un esempio stupido: in Veneto stanno arrivando a far funzionare alcuni reparti diagnostici (RMN, TAC, ecc...) estremamente costosi anche in orario serale o durante i festivi per diminuire i tempi di attesa e aumentare l'efficienza operativa dei reparti (qui macchinari sono costosissimi, meglio usarli a pieno regime, no?). Per contro gli si viene richiesto di buttare qualche miliardo di tasse per tappare i buchi di sanità di regioni non altrettanto virtuose, dove un pasto per un degente costa 10-12 volte quello dichiarato in Veneto. Credo che uno si possa anche incazzare a vedere il frutto del proprio lavoro gettato al vento, o no? Nel frattempo qualche altra regione si scava buchi di bilancio che sono vere voragini e poi chiede allo Stato di intervenire con il ricatto dell'equità sociale, o della protesta civile (manipolata)... e dai...

Domenico Rusconi
Domenico Rusconi

Non c'è dubbio che qualcuno sia un po' incazzato. Il problema è però sempre quello: se si incazzano i Siciliani o i Campani "eeeh... poverini hanno ragione...", se si incazzano i Veneti sono dei poveri ubriaconi imbecilli... bah!

Lucio Bufo
Lucio Bufo

chi ha certificato i risultati e la partecipazione? qui le chiacchiere stanno a zero .... Sanno quanto costa mantenere uno Stato indipendente?

Giuseppe Artei
Giuseppe Artei

Mi ricordo dei veneti quando facevano tutti i questurini o carabinieri perché morivano di fame; a quel tempo la Stato serviva.

Maffei Giuseppe
Maffei Giuseppe

certa gente veramente viva di ill'usione nel 2014. non e possibile

Giovanni Avanzi
Giovanni Avanzi

Televoto pilotato stile Berlusconi, proposto da un movimento alla frutta come la lega. Ma che vadano a lavorare piuttosto!

Andrea Meloni
Andrea Meloni

Eh no, i voti non si moltiplicano... vediamo alle elezioni europee quanti voti prende la Lega (che governa assiema Forza Italia da vent'anni la regione) e i venetisti.

AndreaGatto
AndreaGatto

mi permetto una correzione. Ho letto ovunque che secondo i dati ha partecipato il 73% dei veneti, ma 2 milioni 360 mila corrispondono al 63% sugli aventi diritto.

Fabio Bianchi
Fabio Bianchi

Ah , solo "dubbi " ? Zoro votó in diretta, no ?

Mario Marulli
Mario Marulli

a me piacerebbe sapere chi ha pagato tutte le spese!

George Ross
George Ross

bla....bla....bla......va di moda in Italia !!!!

Antonio Congiu
Antonio Congiu

non all'italiana alla bossiana o alla maroniana o alla saviniana.

Antonio Congiu
Antonio Congiu

ogni persona aveva decine di possibilità di votare, così che quattro gatti sembrino l'intera fauna del globo. I martiri ital si stanno rivoltando nelle loro tombeiani,nati in Veneto, si staranno rivoltando nelle loro tombe. Questa è una progenie di mercanti imbroglioni,nati da vecchi democristiani baciapile che chiedevano il permesso al prete per costruire capannoni abusivi dove centinaia di donne lavoravano a nero. Quando i guadagni facili sono finiti, il fabbricare robetta non rende più, i dipendenti devi assicurarli.....Beh! quelli che avevano sfruttato di più la povera gente ,hanno delocalzzato e iniziato lo sfruyyamento di altri poveracci in altre nazioni.

Paolo Palagi
Paolo Palagi

Almeno voi cercate di fare qualcosa ! a noi ci illudono con le promessa

Marco Marella
Marco Marella

si è trattato di un sondaggio, fatto a costo zero,niente più. e comunque val la pena ricordare che abbiamo un presidente del consiglio scelto con un metodo altrettanto discutibile. mi pare ben più grave. per la cronaca: in piazza a treviso c'erano molto più delle 100 persone che descrive l'articolo, e anche più delle 500 che danno altre fonti

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Altro che primarie del PD, questa è stata una vera pagliacciata!

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

Se ci fosse il campionato delle cazzate...l'italia sarebbe paese ospitante fisso

Gianna Zorzi
Gianna Zorzi

Umberto Tito cretini non sapete nemmeno di quello che state palando

Gianna Zorzi
Gianna Zorzi

BUFFONI PAVIDI MA AVETE PROVATO? ROBERT NON DISPREZZARE TANTO CHI HA MANTENUTO SINORA MEZZA italia!

Simone Serafin
Simone Serafin

Cmq dai commenti dei non veneti vorrei veramente staccarmi dall'italia ...fallirebbe in una settimana...

Simone Serafin
Simone Serafin

Io non ho votato e anche molte persono che conosco booo queste % sono farlocche come i promotori

Laura Capodaglio
Laura Capodaglio

Non è vero, io ho tentato il doppio voto e mi ha detto che avevo già votato. Poi ci sono state 6000 voti nulli, qualcuno ha controllato quindi. E poi dato che non ci si fida perchè non si fa in maniera istituzionale e vediamo se sono stati voti fasulli? Il voto on line è il futuro sveieve!

Robert Cooper
Robert Cooper

ma le urne dove le anno fatte all'osteria ????

Marco Corvi
Marco Corvi

MA DICE CHE IN VENETO SONO GRANDI LAVORATORI? NON SEMBRA SE HANNO TEMPO PER QUESTE MINCHIATE!

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Gettare del fango....o pensare di screditare il desiderio di chi a casa propria decide di non volere più Italia. .non risolve il disagio oggi presente in Veneto..come nel resto d'Italia. .

Daniel Tyson Chiodini
Daniel Tyson Chiodini

che i vostri sondaggi on-line siano supercazzole taraoccatissime non ci piove ma quanto al sondaggio per l'indipendenza del veneto penso che sia estremamente serio altro che i ridicoli buffoni che fanno commenti su questo account

GiovanniPianca
GiovanniPianca

Si è dimenticato di dire che serve un documento di identità per votare quindi i voti inseriti due volte non sono validi e quelli falsi ancora meno (ne sono stati eliminati 7000 di voti burloni)... Poi vi faccio vedere la piazza a Treviso e mi dite se secondo voi eravamo in 100.

Questo articolo è una bufala

Piero Nanni
Piero Nanni

per avere informazioni sulla correttezza dei referendum via online chiedere a Casaleggio & C.

Armando De Giovanni
Armando De Giovanni

Tutti aspetti, giustamente, da considerare ; però aggiungo subito che mi rifiuto di discutere con chi non rivela la propria identità .

ElisaMoretto
ElisaMoretto

Non penso fosse a costo zero visto che hanno inviato una lettera con il codice via posta a tutti gli aventi diritto al voto..... a me ne sono arrivate 3! e tutte belle stampate a colori! 

ElisaMoretto
ElisaMoretto

@GiovanniPianca  Giovanni, se era un "movimento" doveva invadere Treviso e poi far sbaraccare la giunta regionale nel giro di 12 ore... invece erano tutti a Spritz, come ogni venerdi sera....
Mi dispiace, gli intenti sono buoni (non concordo con il mezzo, ma non importa) ma è la popolazione pecorona che non merita... troppo comodo fare click....


GiovanniPianca
GiovanniPianca

@ElisaMoretto  Tutte le spese sono state pagate da un consorzio di imprenditori chiamato Veneto Business formatosi a posta per finanziare questo referendum

GiovanniPianca
GiovanniPianca

@ElisaMoretto @GiovanniPianca  C'è tanto da fare, è vero che eravamo pochi, non tutti sebbene d'accordo hanno il coraggio di scendere in piazza con una bandiera veneta. Ma è solo l'inizio e il coraggio si trova piano piano. L'importante è insistere, continuare a spingere, e non farsi prendere dal panico e dalla negatività. Solo così arriveremo al referendum vero. Questa cosa, fosse stata anche una pagliacciata (e non sono d'accordo), ha svegliato un bel po' di coscienze.