•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 7 aprile, 2014

articolo scritto da:

Gli ultimi dati ufficiali sulle pensioni in Italia

pensioni dati inps dati istat

L’INPS e l’ISTAT hanno pubblicato pochi giorni fa gli ultimi dati sulle pensioni, l’ammontare, il numero, i beneficiari, l’incidenza sul PIL. Moltissimi degli ultimi dibattiti economici vertono su riforme pensionistiche, pensioni d’oro, innalzamento dell’età di pensionamento. Non è un caso.

Del resto nel 2012 o Stato ha speso il 17,28% del PIL in pensioni, un record europeo, lo 0,45% in più rispetto al 2011. In base alle recenti riforme pensionistiche si attende che i prossimi anni lentamente inizi la discesa, ma i valori rimangono altissimi.

Si consideri anche che come si vede dal seguente grafico la pensione media è salita da poco meno di 16 mila€ a circa 16,3 mila € di più del 2%, almeno nominalmente, in un periodo in cui il reddito nazionale è andato in recessione.

In realtà questa media è il risultato di un ammontare molto vario di assegni pensionistici mensili, come vediamo dalla seguente infografica:

La maggioranza relativa dei pensionati percepice, anche unendo le eventuali seconde pensioni (reversibilità, guerra invalidità ecc), meno di 1000€ al mese, il 42,6%, pochi di meno il 38,7%, guadagnano un più dignitoso assegno tra 1000 e 2000 € e ben il 18,7% è benestante con più di 2000€, il 4,2% sopra i 3 mila € e un 1,3% di fortunati sopra i 5 mila€ . Come si vede un intervento sulle pensioni non contributive sopra i 2 mila € avrebbe una base abbastanza larga per sortire un buon risultato in termini di risorse, ma si dovrebbe verificare prima quanto la classe politica è disposta a resistere alle fortissime pressioni per non toccare nulla, per fingere che in fondo anche i 2 mila al mese siano “classe media”.

Il seguente grafico ci illustra le distorsioni del sistema pensionistico attuale:

Come si vede fatta 100 la media italiana, le pensioni più alte sono nel Centro Italia, nonosante non sia certo l’area più ricca. L’influenza della classe ministeriale romana e dei suoi ex dirigenti ora con lautissime pensioni si fa sentire fino a far risultare più ricchi pensionati di regioni con un reddito in realtà normalmente in media.

Un’altra interessante inforgrafica è sulle età dei percettori di pensioni. Come vediamo il numero degli under 65 anni nel 2012 è ancora rilevantissimo:

Il 27% con un altro 23% per gli ultra 80 enni e il 50% per la coorte 65-79 anni.

Certamente il dato degli under 65 in un Paese che veleggia verso record di longevità deve essere inferiore, a quote fisiologiche di prepensionamenti eccezionali comunque con il metodo contributivo o reali pensioni di invalidità.

Di pensioni e della continua revisione del sistema pensionistico, insomma, pare sentiremo ancora parlare a lungo.

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: