•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 10 aprile, 2014

articolo scritto da:

Tetto allo stipendio dei manager, la scure di Renzi sulla Pubblica amministrazione

scure di renzi su pubblica amministrazione

Tetto allo stipendio dei manager, così Matteo Renzi mantiene gli impegni e rivoluziona la pubblica amministrazione. Non più di “238mila euro all’anno”, ha annunciato il primo ministro in conferenza stampa. “È arrivato il momento di dare il buon esempio. Chi ha preso tanto, anche troppo in questi anni, è giusto che tiri la cinghia – ha detto il premier – È una questione di giustizia sociale”.

Alla vigilia della grande partita delle nomine nelle società partecipate (Eni, Poste, Finmeccanica, Enel, Terna) su cui forse, già domani, l’esecutivo si pronuncerà, si comincia a fare i conti con le promesse di Renzi. L’altro ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il Def, in cui, fra le diverse misure, spicca il tetto allo stipendio dei dirigenti pubblici (non più di 238mila euro all’anno per i quelli di prima fascia). Un provvedimento a cui il premier Renzi tiene fortemente, dal valore “simbolico, politico e culturale oltre che economico”. Una sforbiciata – ha calcolato La Stampa – che vale 65mila euro l’anno per 50 dirigenti.

cambia verso il def con renzi

Escludendo alcune delle partecipate (che essendo quotate in borsa, hanno regole proprie per la designazione degli incarichi dirigenziali) e gli organi costituzionali su cui la scure della spending review renziana non può abbattersi (il presidente della Corte Costituzionale Gaetano Silvestri guadagna 545.286 euro l’anno), la riduzione dei compensi interessa dirigenti e capi di gabinetto dei ministeri, presidenti e direttori generali della pubblica amministrazione. Tale provvedimento allinea il loro compenso a quello del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (che all’inizio del suo secondo mandato si è ridotto lo stipendio), passando dai 302mila euro del tetto  precedente, legato allo stipendio del primo presidente di Cassazione, ai 238 mila euro del Capo dello Stato.

Stando ai dati del Servizio politiche territoriali Uil, un dirigente su 10 fra quelli di prima fascia (una cinquantina di persone in tutto su 530) subirà una drastica riduzione dello stipendio. Ma per rimpinguare sul serio le casse dello stato e rendere tale intervento efficace il governo sta anche pensando di intervenire su tutti i compensi che superano i 70 mila euro: una fascia consistente, che potrebbe davvero fare la differenza.

Per il momento, molti i nomi noti che dovranno “fare sacrifici”: una dozzina di direttori e segretari generali e i vertici delle authority che potrebbero dover rinunciare a un quinto di stipendio. Il Ragioniere generale dello Stato Daniele Franco, il cui ultimo stipendio arrivava a 303.353 euro dovrà rinunciare a 65mila euro. Lo stesso vale per il direttore generale delle Entrate, Attilio Befera, il dg dell’Inps Mauro Nori, il presidente dell’Antitrust Giovanni Pitruzzella e quello dell’Agcom Marcello Cardani tutti a quota 302.900. Per continuare poi col capo della Polizia Alessandro Pansa (301.344), il segretario generale della Farnesina Michele Valensise, che insieme al capo di gabinetto del Viminale, Luciana Lamorgese, ha uno stipendio di 301.320 euro.

La stretta sui manager pubblici permetterà allo stato di risparmiare fra i 350 e 400 milioni di euro. A contribuire saranno anche i nuovi arrivati, tant’è che la voce “compensi” sul sito del governo risulta in aggiornamento. Il nuovo segretario di Palazzo Chigi, Mauro Bonaretti, non sa ancora quanto guadagnerà. Il neo capo gabinetto del Tesoro, Roberto Garofoli, ha rinunciato all’indennità, percependo solo lo stipendio di magistrato del Consiglio di Stato. Ancora senza una stima precisa gli stipendi del vice capo gabinetto Alessandro Tonetti, dei tre capi del legislativo (Simi, Sica e Quadri) e del nuovo capo della segreteria tecnica, Fabrizio Pagani.

Tagli anche a 6 stipendi su 12 al Ministero dell’Agricoltura e al Ministero della Salute, dove i compensi “fuori quota” sono almeno tre. Anche il Ministero della Giustizia dovrà contribuire: a vedersi tagliato lo stipendio i capi dipartimento della Giustizia Minorile, del Dap e Affari giustizia. Una stangata, quella targata Renzi, che di certo provocherà non pochi malumori ma che, stando ai piani dell’ex-rottamatore è solo “l’antipasto”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

41 Commenti

  1. Glam Parrucchieri ha scritto:

    no è quanto si risparmia,ma questi erano stipendi indegni in ogni momento se calcoliamo che chiunque di loro anche se professionisti sono stati messi la per grazazia ricevuta e non sicuramente per diritto

  2. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Matteo, taglia, taglia a questi papaveri!

  3. Gianni Gavin ha scritto:

    vedremo dopo le elezioni europee il cazzarola, quanto si risparmia

  4. Dario Cafiero ha scritto:

    Mmmh lo Stato inizia a risparmiare con un premier indagato dalla Corte dei conti per le sue spese… paradossi italiani

  5. Romeo Alberto Affer ha scritto:

    Grillino che difendono i manager italiani tra 3,2,1…

  6. Giovanni Lorenzi ha scritto:

    W Renzi !!

  7. Francesca Vendramin ha scritto:

    ci sono pensioni multiple, vergognosi vitalizi,finanziamenti e rimborsi indegni… ci sarebbe veramente tantissimo da tagliare, ma credo che mai si farà.

  8. Rosina Fanali ha scritto:

    parli troppo taciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  9. Liliana Vasquez ha scritto:

    chi se la beve questa ??????? ha vendere fumo è ancora più bravo di berlusconi !!!!

  10. Andrea Spadaro ha scritto:

    E a lui lo stato paga l aspettativa e contributi ….buffone solo annunci

  11. Fosco Massimiliano Magaraggia ha scritto:

    diamo una occhiata alle retribuzioni dei dirigenti degli enti lirici, ad esempio! enti pubblici a tutti gli effetti……..

  12. Salvatore Caputo ha scritto:

    Preferiresti un pregiudicato o un evasore pluriomicida?

  13. Dario Cafiero ha scritto:

    No,preferisco Pinochet, Bluto, il Pinguino di Batman, quello che ti passa davanti all’ultimo minuto sulla corsia di sorpasso in autostrada, il compagno di classe delle media della terza fila (ma quella dal lato del muro eh!), l’herpes il giorno del matrimonio e Gastone Paperone

  14. Luciana Monti de Luca ha scritto:

    Fa solo finta !!!

  15. Giuseppina Congiusta ha scritto:

    lo stato finora ha sperperato a destra e a manca per consentire la ricchezza a pochi privilegiati danneggiando gli italiani che dalla mattin alla sera pedalano. tutto questo non serviva s e noi avesssimo avuto una classe politica non corrotta, ma onesta e capace di guidare un paese come l’italia. qui tutto l’illeggittimo è diventato leggittimo grazie a questi personaggi che invece di governare hanno pensato bene di fare i propri interessi

  16. Annita Mastrodomenico ha scritto:

    Ovviamente di ritoccarsi qualcosa loro non se ne parla!….

  17. Giulio Fichera ha scritto:

    ma che dici buffone

  18. Stefania Pellerucci ha scritto:

    Beh…. se vogliamo davvero risparmiare si potrebbero anche abbassare gli stipendi di commessi, barbieri, stinotipisti infermieri, funzionari ….. andate a vedere quanto guadagnano queste figure in entrambe le camere poi guardate quali e quante agevolazioni hanno i parlamentari . I manager sono solo la punta dell’iceberg ed uno specchietto per le allodole!!!

  19. Stefano Galdo ha scritto:

    Ma che razza di risposta è? Non vogliamo un premier indagato, non vogliamo un premier pregiudicato e il pluriomicida (per incidente stradale colposo) non ricopre cariche istituzionali e non ha intenzione di farlo. Ne vogliamo uno serio, altrimenti è chiaro che l’unica colpa di Berlusconi, per certa sinistra, è quella di essere stato un vincente di destra.

  20. Giulio Giliberti ha scritto:

    Va bene. Però i risparmi vediamo di farli fruttare e “fotterli”.

  21. Vanni Mircoli ha scritto:

    Le chiacchere di Grillo sbattono contro i fatti di Renzi !! Il parruccone può mettersi il naso rosso e continuare a fare il comico !!

  22. Silvia Blu ha scritto:

    finalmente dopo anni di nulla uno con un po’ di coraggio ci voleva!

  23. Piazza Roberto ha scritto:

    non e ancora legge e percio e una presa x il culo …prendono ancora come prima finche non diventa legge e in italia campa cavallo che erba cresce …noooooooooooooRENZI..la cazzata del giorno e stata detta ti aspettiamo domani x un altra cazzarola …1 nonna 70 anni ..

  24. Ciro Pocobello ha scritto:

    quando la finirai di dire stronzate .

  25. Andrea Barbero ha scritto:

    brava cazzo

  26. Gian Carlo Figliozzi ha scritto:

    scure? inutile termometro che vuoi metterti a fare tze tze in versione renziana,nomine politiche ai manager sono sbagliate ,e vanno pagati a premio,e non pagati se fanno cazzate,questa e’ propaganda,perche aumentano i bonus su su

  27. Nicola Berardi ha scritto:

    Se diminuisce il fisso, è normale che aumentino i bonus in base al risultato; non è quello che hai detto tu, chiedendo il “pagamento a premio”?

  28. Gian Carlo Figliozzi ha scritto:

    danno i bonus quando fanno fallire la ditta,per cortesia,danno i bonus con la diminuzione del 50 percento del fatturato

  29. Antonello Sgreccia ha scritto:

    ma andate a cacare,e i 23 milioni per le auto blindate ,la tasi ,la tari,il fiscal compact,il Mes,chi li paga lo scemo di Firenze,e gli assegni familiari,e i disoccupati,e gli F35 e i 7’5 miliardi alle banche

  30. Antonello Sgreccia ha scritto:

    cosa giusta ma vi fà sapere sempre quello che vuole?,leggi sopra

  31. Antonello Sgreccia ha scritto:

    salvatore troll di merda,Grillo evasore dove nel tuo cervello pieno di merda di cane,grillo non è in parlamento l’Ebete bidenunciato e condannato fa il primi ministro,io direi schiavo della merkel

  32. Geggino De Defaultis ha scritto:

    si chiama termometro P2DDINO e il 90% dei suoi lettori è p2ddino cioè gente che è masochista nell’anima e per ogni cosa se la prende coi cinquestelle

  33. Simonetta Camisotti ha scritto:

    risparmirebbe di piu’ se i politici si dimezzassero lo stipendio, se annullassero le pensioni d’oro, se i partiti rendessero i soldi che hanno ricevuto illegalmente e se ci fosse una legge sul conflitto d’interessi ….e poi e poi…

  34. Claudio Turola ha scritto:

    Hahaha

  35. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Questo ritornello “Grillo non è in parlamento” sta diventando davvero patetico.

  36. Simone Lo Monaco ha scritto:

    Vai avanti Matteo! Lascia perdere le critiche di chi altro non sa fare…

  37. Riccardo Demaria ha scritto:

    Antinello Sgreccia, sai solo insultare come il tuo capo comico ? Un minimo ragionamento è fuori dalle tue capacita’ ?

  38. Anton Ross Effebi ha scritto:

    ..ma non a quello di uscieri e stenografi di camera e senato 😉

  39. Valerio Cianfrocca ha scritto:

    Sì, e poi spendiamo 12 miliardi per gli F35… Il presidente mente (e la stampa gli va appresso).

  40. Pasquale Alessi ha scritto:

    siamo sotto assedio.non se ne puo’ piu’!

  41. Claudio Turola ha scritto:

    Poi se renzino è cosi bravo e vuole recuperare denaro con tagli, perchè non abolisce quel scandaloso condono fatto dal PD di 98 miliardi di euro sulle slot machine? Questo fà capire tutto!!

Lascia un commento