•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 14 settembre, 2014

articolo scritto da:

Fitto sfida Berlusconi: “Primarie necessarie”

forza italia fitto italicum

“Le primarie sono necessarie”. Raffaele Fitto non cambia idea e lo ribadisce a L’intervista su Skytg24. Per l’europarlamentare azzurro le consultazioni popolari sono lo strumento migliore per scegliere i candidati di Fi sul territorio, a cominciare dalle regionali. “Sostengo che sia necessario fare le primarie, ma -assicura Fitto- non è un tema che voglio agitare contro qualcuno”. Per l’ex ministro il tavolo sulle alleanze elettorali istituito da Fi per trovare intese senza primarie,”non corrisponde al sentire comune del territorio”. Se no si fanno le primarie lei lascia il partito? “Io resto nel partito e ci resterò sempre”, taglia corto Fitto che aggiunge “Non sono abituato a rappresentare le fronde, perchè le fronde si muovono nel silenzio, mentre io parlo pubblicamente. Da tempo vado dicendo che sia indispensabile aprire un dibattito nel partito. Non accetto, però, quanto accaduto l’altro giorno (le parole della senatrice azzurra Mariarosaria Rossi ndr), perchè nessuno ha titolo per dire alcune cose nel partito, serve un confronto aperto”.

Raffaele Fitto Toti non e il capo di Forza Italia

FI deve essere pronta in caso di elezioni anticipate – spiega ancora Fitto – Deve essere il motore trainante di una riorganizzazione del centrodestra. Ma se la percezione è quella di un’ opposizione silenziosa che rischia di perdere credibilità dobbiamo riposizionarci”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] chiede che si apra il dibattito sino a giungere alle primarie. Ieri in un’intervista a SkyTg24 Fitto ha criticato l’operato di Forza Italia parlando di una “percezione” “di un’opposizione silenziosa che rischia di […]