•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 20 settembre, 2014

articolo scritto da:

Centri studi e Caf concordano: “Tasi più cara dell’Imu”

Imu

Una minestra ancor più salata di quella precedente. E’ quanto emerge dalle analisi di Caf e centri studi a proposito del passaggio dall’Imu alla Tasi, all’indomani della scadenza per la delibera delle aliquote della nuova imposta.

AUMENTO – Analizzando le delibere comunali, sembra che la Tasi sia destinata ad essere più pesante dell’Imu nella maggior parte dei comuni italiani, colpendo in particolar modo le famiglie più povere e con figli. Se l’Associazione dei Comuni parla di un 30% in meno per i municipi che hanno stabilito le aliquote già a maggio, secondo Caf e centri studi il costo complessivo finale sarà superiore ai 4.4 miliardi dell’Imu 2012.

LE CIFRE – Poco più di 600 – su un totale di oltre 8 mila – sono i Comuni italiani che non hanno voluto o potuto fissare le aliquote in tempo. Per loro, la Tasi si pagherà il 16 dicembre in un’unica rata, con un ammontare decisamente inferiore agli altri Comuni in cui l’aliquota è stata fissata e – di conseguenza – il pagamento è stato predisposto in due rate: 16 ottobre e 16 dicembre. Per il Caf l’aliquota media sarà dell’1.95 per mille, anche se nelle città maggiori sarà superiore, come sottolineato dalla Uil, che parla del 2.6% quale aliquota media per i capoluoghi di provincia. La Cgia di Mestre parla invece di un aumento – rispetto all’Imu – in circa metà dei grandi Comuni.

tasi

DETRAZIONI – Caotica la situazione delle detrazioni, che passano da un fisso per l’Imu – 200 euro più 50 per ogni figlio a carico – a quote scelte dai sindaci, con il risultato di ridurre drasticamente le agevolazioni: lo sconto ci sarà solo nel 35.9% del Comuni. Il 15% ha scelto una detrazione fissa, il 19% l’ha legata alla rendita catastale della casa ed appena il 13.3% ha previsto sconti per figli a carico, spesso a partire dal terzo o addirittura dal quarto. Pochissimi anche i Comuni che hanno tenuto conto dei figli con handicap e di età e reddito del proprietario.

REDISTRIBUZIONE INVERSA – Con il passaggio alla Tasi svanisce anche l’effetto redistributivo. Basti pensare ad una casa con valore catastale di 60 mila euro ed un’aliquota del 4 per mille: con la Tasi i 240 euro di imposta si riducevano a 40 (con 200 di detrazione fissa) o addirittura a nulla in caso di figli a carico. Oggi invece, con la Tasi al 2 per mille e senza detrazioni, si pagheranno 120 euro.Risultato inverso per le abitazioni lussuose: per un appartamento di 150 mila euro di valore si passerà da 400 euro di Imu (detrazione compresa) a 300 euro di Tasi. Inoltre, la metà dei Comuni ha imposto la tasi anche sulle case affittate, colpendo anche gli inquilini, spesso ignari di tutto ciò.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
TrevisaniGiuseppe
TrevisaniGiuseppe

Fate bene i conti e vedrete che non è così!!! A parita di partita catastale la TASI e leggermente minore dell'imu! Le vostre medie sono farlocche!! Bene sarebbe che chi fa queste medie ( del pollo) pubblicasse i dati con serietà! Una colonna di città campione IMU con accanto una colonna campione Tasi e non come ha fatto l'espresso n° 26 a pag105. non è un modo corretto di informare i cittadini lettori su un argomento delicato quanto le tasse.