•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 26 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Elezioni Ucraina: un voto decisivo

Oggi l’Ucraina sceglierà i propri rappresentanti in Parlamento. Le elezioni si sarebbero dovute svolgere nel 2017 ma i fatti di Maidan Nezalezhnosti hanno cambiato radicalmente tale scenario. I deputati della Verkhovna Rada dovrebbero essere 450: 225 eletti nelle liste di partito, 225 in collegi uninominali. Mancando all’appello 12 circoscrizioni monoposto (Crimea e Sebastopoli) e 15 collegi elettorali nelle regioni di Donetsk e Luhansk, al massimo verranno eletti 423 deputati.

Il ministero degli Esteri di Kiev ha fatto sapere che i primi ucraini a votare sono stati quelli residenti in Australia: hanno potuto esprimere la propria preferenza sin dallo scoccare della mezzanotte. Alle 8 di questa mattina, quando si sono aperti i seggi in patria, 34 delle 112 stazioni di voto all’estero risultavano aperte. In Australia, Giappone e Corea del Sud le urne si sono già chiuse.

Nella città di Slovyansk, che fino al 5 luglio era una roccaforte separatista, le elezioni si stanno svolgendo senza particolari problemi. Secondo il Comitato elettorale ucraino e il civil network Opora che monitora lo svolgimento del voto, solo il 42% dei residenti nell’Oblast di Donetsk ha la possibilità di recarsi alle urne. Solo 17 dei 32 collegi stanno partecipando alle votazioni: hanno la possibilità di votare solo 1,4 milioni di aventi diritto su 3,7 precisano dal Comitato elettorale locale.

ucraina elezioni

Poroschenko, che oggi si è recato proprio nel Dombas prima di votare nella capitale, in un discorso tenuto alla nazione nella giornata di ieri ha riassunto la recente storia politica ucraina: “Ho sciolto la camera non solo perché era un docile strumento nelle mani del dittatore, non solo perché molti parlamentari stanno dalla parte della Russia, non solo perché rieleggere i deputati era una dei punti chiave della rivoluzione della dignità ma soprattutto a causa del suo basso potenziale riformista”.

È tempo di attuare un reset completo del potere – ha proseguito il Capo dello Stato – la volontà politica per attuare le riforme non mi manca, adesso mi serve una maggioranza in Parlamento che non sia corrotta ma riformista, favorevole a un’Ucraina unita ed europea, non filo-sovietica”.

Il programma di Poroschenko, annunciato vincitore dell’importante tornata, fa perno su due punti: la pacificazione del paese e la domanda di adesione all’Ue entro il 2020.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da: