•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 novembre, 2014

articolo scritto da:

Jobs Act e Quirinale, nel si riavvicina Pd lo spettro dei 101

direzione pd riforma lavoro

Per deduzione rispetto a quanto dichiarato oggi da Matteo Orfini si può affermare che c’è chi nel PD dopo le divisioni seguite all’approvazione del Jobs Act sta prendendo le misure per l’elezione del prossimo inquilino al Quirinale.

Infatti il presidente del PD dopo aver polemizzato ieri col collega di partito Gianni Cuperlo stamattina su Twitter ammonisce i colleghi e scrive: “Comunico a chi oggi usa la discussione sul lavoro per ‘trattare’ sul Quirinale che al Quirinale un presidente c’è. Ed è pure piuttosto bravo”.

Orfini chiede al PD maggiore lealtà

“I dissidenti non hanno avuto rispetto per l’unità del Pd e le decisioni che avevamo preso” e “stiamo discutendo di problemi serissimi e abbiamo il dovere di dimostrare di essere un partito e non una comune anarchica”. Matteo Orfini parla di “mancanza di rispetto” da parte di coloro che hanno votato in dissenso dal gruppo sul Jobs Act: “Una scelta del genere – dice – non ha prodotto un disastro solo perché il 90% dei deputati democratici si sono comportati come tutti insieme avevamo deciso di fare”.

orfini

Capogruppo PD Speranza chiede coesione per il Colle

“È stato un errore molto grave il voto contrario rispetto alle indicazioni del gruppo. Ma Renzi cambi registro, non banalizzi il dissenso, non attacchi così i sindacati, non dica che l’astensionismo è un fatto secondario” perchè «quei colleghi che sbagliano lanciano un segnale sull’inquietudine che c’è fuori”. Così il capogruppo democratico alla Camera, Roberto Speranza, si rivolge al premier e segretario dem, intervistato dalla Stampa. Chiede sulla futura elezione del Capo dello Stato il metodo della “condivisione»: «Solo questo fattore può garantire il massimo della coesione. E noi abbiamo bisogno di una tenuta fortissima del gruppo, perchè ancora portiamo sulla pelle le cicatrici della ben nota vicenda della volta scorsa. Renzi del resto sa bene che solo la condivisione garantisce coesione”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

8 comments
Paolo Serra
Paolo Serra

Renzi è i 101. Quello che per lui è una minaccia è solo la democrazia. E verso la democrazia la minaccia è lui.

Patrizia Baldi
Patrizia Baldi

Chi di spada ferisce, di spada perisce. Perché mai meravigliarsi?

Alfredo Bartolini
Alfredo Bartolini

Non si è mai visto........prima di trovare la condivisione di altri partiti si doveva trovare un'unità di intenti dentro il partito pd. Non ci si può lamentare dopo se non si vota quanto i renziani propongono.........

Mariaivana Occhini
Mariaivana Occhini

Tranquilli, state sereni al massimo vi verrà reso pan per focaccia!!!