•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 30 novembre, 2014

articolo scritto da:

L’ultimatum di Renzi a Berlusconi: “Rispetti i patti, non tratto su Colle”

Lunga intervista a Repubblica del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Numerosi i punti toccati e i concetti ribaditi al quotidiano di De Benedetti e Scalfari.

Nessun patto sul Quirinale, prima le riforme

Prima l’elezione del Capo dello Stato e poi le riforme, come dice Berlusconi? “Non esiste –risponde Renzi – l’Italicum è in aula a dicembre. Lui si è impegnato con noi a dire sì al pacchetto con la riforma costituzionale entro gennaio. Io resto a quel patto”.

Quanto alla successione di Napolitano, Il premier non vuole sentire parlare di nomi, visto che il presidente è ancora in sella: Amato? “I nomi si fanno per sostenerli o per bruciarli. È sempre la stessa storia dal 1955. La corsa è più complicata del palio di Siena. E i cavalli non sono nemmeno entrati nel canapo”. Quindi il messaggio sul metodo: “È bene che il presidente della Repubblica si elegga con la maggioranza più ampia possibile. E dico possibile”.

primo giorno del governo renzi giuramento ministri brindisi e primo cdm

I contrasti nel Partito democratico e nel sindacato

Si parla poi dei dissidi all’interno del Pd: “La diversità aiuta e stimola il dibattito ma quando poi ci sarà il premio alla lista servirà una gestione diversa dei processi decisionali”. Quindi la discussione su “disciplina e libertà di coscienza è la nuova sfida” del gruppo dirigente Pd.

Un cenno anche le gravi difficoltà all’interno del Movimento 5 Stelle, che potrebbero rappresentare un fattore di stabilità per la maggioranza. “Il Pd – dice Renzi – ha rottamato Grillo e ora si tratta di capire come si muoverà la diaspora Cinque stelle”. Niente “campagne acquisti”, ma su temi come burocrazia, semplificazione fiscale, suola, “ci sono i margini per fare qualcosa con una parte di loro. Dovranno decidere se buttare via la legislatura, o dare una mano al Paese”.

In riferimento alle beghe con i sindacati, in particolare la Cgil, Renzi è come sempre tranchant: “La Cgil ha necessità di tenere alta la tensione e i toni in vista dello sciopero generale ma se pensano di bloccarci, si sbagliano di grosso. Se il sindacato ha voglia di cambiare e dare una mano, ci siamo. Ma se pensano di bloccarci, si sbagliano di grosso. Il tema vero oggi è creare lavoro, non farci i convegni”. Questo significa essere “una sinistra moderna”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] della riforma del Senato? L’idea non deve essere tanto peregrina se si leggono le recenti dichiarazioni di Renzi. L’ultima in ordine di tempo sembra relegare in soffitta l’alleato delle riforme […]