•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Salva-Berlusconi, Coppi: “Polemiche sulla norma sono un segnale per il Quirinale”

Le polemiche sulla norma “salva-Berlusconi” inserita nella delega fiscale stanno incendiando il dibattito politico di questo inizio anno, che per l’esecutivo guidato da Matteo Renzi si è rivelato particolarmente indigesto. Franco Coppi, legale di Silvio Berlusconi, in un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano, ha individuato un collegamento tra il vespaio di polemiche innescato dalla norma sul 3% per i reati fiscali e la partita per il Quirinale, “altrimenti – prosegue Coppi – perché Matteo Renzi promette che la pratica sarà rinviata a presidente eletto e dopo la fine dei servizi sociali a Cesano Boscone?”.

Il provvedimento, secondo Coppi, “appare legato alle trattative per il Quirinale, utilizzato come un messaggio mentre ci avviciniamo all’appuntamento per la successione di Giorgio Napolitano. È scorretto per i cittadini che potrebbero beneficiare della soglia del 3% e per il Berlusconi politico. Per fortuna, il problema non mi riguarda”. “Quel che posso evidenziare – sottolinea l’avvocato che ha avuto tra i suoi clienti anche Giulio Andreotti – è che il Tesoro e Palazzo Chigi non potevano non sapere l’esistenza del codice. E mi domando: perché ieri ritenevano giusta la legge e oggi è sbagliata? Colpa sempre di Berlusconi?”.

Lo stesso Coppi è poi intervenuto per smentire un’indiscrezione, diffusa dal sito Dagospia, secondo la quale l’avvocato avrebbe partecipato a una riunione al Ministero dell’Economia per scrivere la norma “salva-Berlusconi” assieme a Pier Carlo Padoan, Luca Lotti (sottosegretario alla presidenza del Consiglio e sherpa di Matteo Renzi) e Franco Gallo, ex presidente della Corte Costituzionale e presidente della commissione tecnica per la riforma tributaria.

coppi

“Sono molto curioso – ha dichiarato Coppi – di conoscere le fonti, definite attendibili, dalle quali essa (la notizia, ndr) proverrebbe. Solo la buona educazione e il desiderio di non perdere tempo mi inducono ad astenermi dal commentare questa indegna volgarità e le intuibili ragioni che l’hanno suggerita, così come mi astengo dal commentare quanto sta accadendo in questi giorni (compresa l’attribuzione alla mia persona di pareri e dichiarazioni mai espresse) intorno alla norma in questione”.

Secondo Dagospia, la norma sul 3% sarebbe stata inserita per un duplice scopo: dare un salvacondotto a Berlusconi, consentendogli di riconquistare la tanto agognata agibilità politica, e favorire la corsa al Colle di Pier Carlo Padoan. La replica del Ministero dell’Economia, comunque, non si è fatta attendere: “Il sito Dagospia ha pubblicato una presunta notizia secondo la quale il prof. Franco Coppi avrebbe partecipato a una riunione al ministero dell’Economia e delle Finanze relativa alla riforma fiscale. Questa notizia è destituita di qualsiasi fondamento e frutto esclusivo di fantasia o di volontà di diffamazione, per la quale sarà valutata la sussistenza degli estremi per un’azione legale”.

Antonio Atte

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] ad animare il dibattito politico la cosiddetta norma salva Berlusconi. Ieri è intervenuto Franco Coppi, legale di Berlusconi. Questa volta a parlare è un esponente della minoranza Pd: Stefano […]