•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 15 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Argentina: gravi accuse contro Cristina Kirchner

risultati elezioni argentina cristina kirchner la grande sconfitta

Il procuratore Alberto Nisman accusa la Presidentessa Kirchner e altri funzionari governativi: avrebbero cercato di insabbiare le indagini su un sanguinoso attentato a una società ebraica nel 1994. Il depistaggio sarebbe stato organizzato per migliorare le relazioni tra Argentina e Iran.

L’attentato del 1994

Il procuratore federale Alberto Nisman indaga da 10 anni sull’attentato che colpì l’Asociacion Mutual Israelita Argentina (Amia) il 18 Luglio 1994. Quel giorno un’autobomba uccise 85 persone e circa 200 rimasero ferite.

Nel 2006 venne spiccato un mandato di cattura contro 6 importanti personalità iraniane e libanesi tra i quali, oltre al membro dell’ambasciata a Buenos Aires Mohsen Rabbani, anche Ahmad Vahidi, ex ministro della Difesa iraniano, Ali Fallahijan, ex ministro dell’informazione di Teheran, e Mohsen Rezaei, ex comandante della guarda rivoluzionaria della Repubblica islamica. Nel 2007 l’Interpol aumentò il livello di priorità dell’arresto.

kirchner iran

L’indagine sembrava a un punto di svolta ma Cristina Kirchner, alla fine del 2013, annunciò che Argentina e Iran avrebbero collaborato all’interno di una commissione d’inchiesta sulla strage. Le associazioni ebraiche protestarono temendo che l’accordo tra i due paesi avrebbe disinnescato il mandato di cattura internazionale. Secondo Nisman l’istituzione della commissione d’inchiesta non fu l’inizio ma “il culmine di un’iniziativa criminale cominciata 2 anni prima”.

Immunità e petrolio

Secondo il procuratore Nisman la presidentessa Kirchner avrebbe chiesto a Hector Timerman, suo ministro degli Esteri, di procurare alle personalità iraniane coinvolte nell’attentato una sorta di immunità diplomatica. La Commissione – non è stata mai istituita per disposizione di una corte federale – avrebbe dovuto sviare le indagini e “allontanare” i sospettati dal luogo della strage.

Secondo il magistrato, l’obiettivo della Kirchner era quello di migliorare le relazioni con la Repubblica Islamica in modo da assicurarsi un rifornimento di petrolio a prezzi vantaggiosi, necessario ad alleviare la grave crisi energetica in cui versava l’Argentina. L’accusa è basata su diverse intercettazioni telefoniche con protagonisti Timerman e altri funzionari governativi molto vicini a Cristina Kirchner che, invece, non è stata intercettata.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento