•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 10 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Governo Renzi: il caso dei 27 Decreti legge in ritardo

decreti legge

L’Articolo 77 della Costituzione stabilisce che “in casi di necessità e d’urgenza” il Governo possa adottare decreti legge da presentare il giorno stesso “per la conversione alle Camere”. Ebbene secondo uno studio del Fatto Quotidiano, i 27 decreti varati dal Consiglio dei Ministri presieduto da Matteo Renzi, “registrano un ritardo medio di trasmissione alle Camere di ben dieci giorni”. Cosa vuol dire? Che tra il momento in cui il Governo vara il provvedimento e tra quando viene calendarizzato in Parlamento trascorrono innumerevoli giorni, utili all’esecutivo per modificare il testo stesso del decreto.

Carta forzata, viene meno l’urgenza

La conseguenza di questo atteggiamento è la violazione stessa della Carta. Infatti i padri costituenti avevano previsto la possibilità di legiferare per il Governo solo in casi estremi, avvenimenti imprevisti impossibili da risolvere per la lentezza dell’iter legislativo bicamerale. Se passano dieci o venti giorni significa che non c’era nessuna urgenza a cui rispondere.

Sull’argomento concordano anche vari professori e costituzionalisti, come Gaetano Azzariti e Lorenza Carlassare, interpellati dal giornale di Marco Travaglio. I decreti vanno presentati il giorno stesso, convertiti entro 60 giorni, senza possibilità di reiterazione – come stabilito da una sentenza del 1996 della Corte Costituzionale, che vieta anche che il Governo possa utilizzare il provvedimento quale normale strumento normativo. Tuttavia quest’ultima attività è una prassi frequentissima degli ultimi esecutivi, da Berlusconi a Letta, passando per Monti.

decreti legge governo in ritardi

Quali sono questi Decreti

Per tutto l’anno, il Governo Renzi ha presentato alle Camere in decreti ritardo: i più clamorosi sono il decreto Proroga Commissari con 42 giorni di ritardo, il decreto Emilia con 24 giorni, il decreto Casa (16 giorni), il decreto Cultura (nove giorni). Anche i provvedimenti fortemente voluti dal Premier come quello sulla Scuola o sugli 80 euro (Irpef) hanno rispettivamente una dilazione di otto e sei giorni. Tutto ciò dimostra come gli esecutivi moderni siano incompatibili con la Carta entrata in vigore nel lontano 1948, due sono le soluzioni inconciliabili: o si modifica la seconda parte della Costituzione prevedendo nuovi poteri per il Governo, o si rispettano le norme come l’articolo 77, procedendo con più lentezza ma con rispetto della certezza del diritto.

Ludovico Martocchia


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
ExPD
ExPD

Il PD (Partito a Delinquere) non può fare a meno di usare i decreti. Altrimenti lascerebbe il potere al parlamento, e allora potrebbe delinquere molto meno.

Trevisani Giuseppe
Trevisani Giuseppe

Ma senti che peccati commette il governo! Il F. Q. Da domani farà uno studio su quanto fa pipi il premier in una settimana