•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 marzo, 2015

articolo scritto da:

Bce “Italia necessita di ulteriori riforme”

quantitative easing, draghi, bce

Secondo la Bce l’Italia “necessita di ulteriori riforme per la crescita”. È quanto emerge dal bollettino di marzo della Banca centrale europea.

Riforme “significative” che, se attuate integralmente sia nel mercato del lavoro che nelle liberalizzazioni, potrebbero produrre una crescita del nostro Pil oltre il 10%. Sull’Italia, la Bce aggiunge: “Continua ad esservi un notevole scostamento dallo sforzo strutturale richiesto nell’ambito della regola del debito”. A farci compagnia è il Belgio.

Prevista accelerazione in Eurozona

Nell’Eurozona è prevista una accelerazione nell’attività economica. I “progressi compiuti in materia di riforme strutturali e risanamento dei conti pubblici” accompagnati all’export  che può far leva sui “guadagni di competitività di prezzo e dalla ripresa mondiale” spingono in tale direzione.

A questo si aggiunge la diminuzione dei “rendimenti sulle obbligazioni sovrane dell’area euro con rating più basso” nonostante la loro volatilità “sia aumentata in relazione all’incertezza circa la possibilità per la Grecia di mantenere l’accesso all’assistenza finanziaria”.

Aumenta invece, in maniera “preoccupante”, la gravità degli squilibri macroeconomici in alcuni paesi tanto da far sorgere “qualche interrogativo sull’applicazione” oltre che “sull’efficacia del meccanismo preventivo”.

Padoan bce riforme

Commento ministro Padoan

Intanto arrivano le dichiarazioni del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan che sulla regola del debito dice: “Si rispetta, come detto anche dalla Commissione Ue, anche se si fanno le riforme in modo deciso”.

In materia di regole, Padoan ha inoltre precisato: “Le regole hanno una duplice finalità: contribuire al funzionamento dell’economia e sostenere la costruzione di reputazione e fiducia reciproca. Il grado di fiducia e reputazione di ciascuno Stato membro è associato alla sua capacità di confermarsi alle regole”. Aggiungendo: “Se però  le regole si rivelano inadeguate ad affrontare circostanze eccezionali, quali una recessione prolungata, il rispetto dell’efficienza ex ante può condurre a comportamenti controproducenti, fino a un fallimento delle istituzioni”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Vito Leonardo Ventura ha scritto:

    L’Italia, innanzitutto, deve cambiare la classe politica al governo.

  2. Maurizio Motta ha scritto:

    Si, servono riforme ma non quelle che ha in mente la BCE

  3. ExPD ha scritto:

    Ma andate a quel paese, voi e le vostre riforme. Volete solo schiavi a cui levare il sangue.

Lascia un commento