•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 marzo, 2015

articolo scritto da:

Regionali Veneto, Tosi: “Nessun riferimento ai simboli di partito”

tosi

Dopo la bufera per il caso Zaia e la dolorosa estromissione dalla Lega di Matteo Salvini, Flavio Tosi con sta cercando ora di costruirsi una nuova identità politica. La situazione tuttavia non sembra affatto semplice.

Dopo lo scandalo che ha travolto Maurizio Lupi e le cui ripercussioni hanno investito l’intero NCD, appare infatti in bilico l’alleanza con il partito di Angelino Alfano. Qualche giorno fa Tosi, attraverso la compagna e senatrice veneta Patrizia Binisella, aveva espresso la sua decisione di correre da solo, appoggiato solamente dalle liste civiche venete. L’intesa non era stata esclusa ma appariva sempre più lontana.

Ncd vorrebbe l’alleanza con il sindaco

Tuttavia l’NCD manifestava attraverso le dichiarazioni del ministro Lupi la certezza dell’accordo con il sindaco di Verona: “Prima dello strappo Tosi ha voluto rassicurazioni sul fatto che lo avremmo appoggiato, per cui ora niente giochetti” puntando ancora ad un possibile accordo anche con Forza Italia: “Comunque vada, noi giocheremo la sfida delle Regionali con Tosi. Qui ci saranno grandi sorprese e credo che Berlusconi non possa farsi scappare questa storica opportunità”.

alfano

Ma il sindaco non vuole simboli di partito

Le condizioni poste da Tosi, intervistato stamane a Milano in occasione di una mostra, potrebbero però essere un ostacolo per il nuovo centrodestra. Il primo cittadino di Verona infatti ha ribadito la volontà di concorrere con l’appoggio delle liste civiche: “Stiamo ragionando sulle liste civiche, sull’aggregare liste civiche, perchè in Veneto come ovunque ce ne sono tantissime e radicatissime”. Non solo: in riferimento alla possibilità che nella coalizione vi siano riferimenti ai simboli di partito, ha nicchiato: “Se ci saranno altre alleanze con soggetti di centro o centrodestra, l’auspicio è che tutti ragioniamo in termini di simboli civici. “Uno potrebbe fare anche riferimento a partiti nazionali però presentare un simbolo veneto; tanti esponenti di centrodestra hanno scelto di fare un percorso civico, condividendo un programma per la città: questo potrebbe valere anche a livello regionale”.

L’NCD dunque dovrà decidere se sottostare alle condizioni di Tosi per tentare un riavvicinamento e poter correre con lui alle regionali del Veneto. Le alternative d’altronde sembrano poche, considerando la storica ostilità della Lega per il partito di Alfano e la molto probabile alleanza di Berlusconi con Salvini, confermata dallo stesso Flavio Tosi: “Alla fine, al di là del tira e molla, dell’alzare la posta e del mettere in ballo le altre regioni, credo che sia nell’ordine delle cose che Berlusconi si allei con la Lega e con Salvini, è sempre stato così”. Nessuna possibilità, quindi, che i forzisti appoggino la candidatura: “Sicuramente Silvio Berlusconi sente e vede Matteo Salvini più di quanto non senta e non veda Flavio Tosi”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Sergio Bacchiocchi
Sergio Bacchiocchi

è evidente che non gli conviene allearsi con nessuno se vuole incrinare il voto leghista verso Zaia. Con i toni giusti, ricordare che sono circa 30 anni di dominio meneghino (bossi, maroni, salvini) nella realtà lega, non può che far riflettere i veneti da anni subiscono i diamanti, la zona di Umago e Belsito/trota