•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 8 aprile, 2015

articolo scritto da:

Monito di Speranza a Renzi: “L’Italicum rispetti la Costituzione”

speranza

Area Riformista incalza il premier sulla legge elettorale, e chiede che l’ Italicum non si ponga in contrasto con la Costituzione. Questo il senso della missiva inviata al premier Matteo Renzi, arrivata poco prima dell’inizio dei lavori della commissione Affari costituzionali alla Camera, che alle 14 dovrà esaminare il testo del Senato. L’iniziativa segue l’intervento del capogruppo Pd alla Camera, Roberto Speranza all’ultima direzione del partito democratico a Bologna, ed è stato sottoscritto da una settantina di deputati Pd.

Italicum, Speranza prova a mediare

La paternità del documento va senz’altro riconosciuta a Speranza, che pur non avendolo sottoscritto, nel suo discorso aveva sottolinato la necessità di trovare un accordo con Renzi per non distruggere il partito, stante le perplessità di aderenza costituzionale della riforma.

Il fatto che la critica, seppur molto contenuta nei toni, sia arrivata proprio dall’area considerata più “dialogante” delle minoranze PD, è riuscita a mettere d’accordo tutto il partito. Infatti, così ha commentato Alfredo D’Attorre: “L’appello indica che c’è un minimo comune denominatore nella minoranza Pd, al di là di differenze e sensibilità che pure esistono. Un minimo comune denominatore che consiste nella richiesta di modificare l’Italicum.”

speranza

Ed area riformista nella missiva fa leva sul suo privilegiato rapporto fiduciario, ricordando di aver sempre dimostrato un atteggiamento “corretto, costruttivo e leale”, per poter più efficacemente chiedere che vengano rispettate le prerogative che la Costituzione assegna al Parlamento. Ad avviso dei firmatari infatti, il parlamento non può essere considerato come “un mero ratificatore delle decisioni del governo”.

Entrando nel merito, il documento, che annovera fra i suoi ideatori il presidente della Commissione lavoro della Camera Cesare Damiano e Nico Stumpo, in un paio di cartelle evidenzia le perplessità dell’Italicum in relazione alla riforma costituzionale; in particolare ciò che desta preoccupazione sono i capilista bloccati ed un premio di maggioranza che in questa forma rischierebbe di essere sproporzionato rispetto al consenso fra gli elettori: “ rischia di assegnare ad una esigua minoranza sociale un grande vantaggio numerico in Parlamento”. Per fare questo però area riformista crede si debba in ogni caso mantenere: “aperto il confronto fino all’ultimo momento utile”.

Italicum, la replica della Boschi: “Nessuna modifica”

Nel pomeriggio il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, gela le richieste di Area Riformista: “Dal punto di vista del governo questa legge elettorale è corretta, funziona, va bene e non c’è necessità di modifiche”. “Anche la direzione del pd si è già espressa e ha dato un indirizzo”, ha ricordato Boschi.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

9 Commenti

  1. Franco Lo Vecchio ha scritto:

    Qualsiasi legge che non sia in armonia con La Costituzione deve essere cancellata.

  2. Maurizio Motta ha scritto:

    quindi dovrebbero riscriverla da capo…

  3. Gasparini Fabrizio ha scritto:

    Ogni evidenza diventa un massimo nel mondo dei minimi

  4. Mario Lanata ha scritto:

    ho l’impressioe che l’italicum se approvato sarà bloccato dalla Corte
    a meno che non si cambino prima i giudici costituzionli

  5. Franco Gentile ha scritto:

    La prima prova, ove la Camera la approvi così come è, sarà, ovviamente la firma o il rinvio alle Camere in facoltà del Presidente Mattarella, Se il Presidente sena obiezioni non resterà che attendere l’intervento della Suprema Corte e, nel frattempo verrà applicata. Poi si avrà il naturale cambio dei membri della Corte stessa e, con il Parlamento violuto da Renzi e compagni, si può benissimo0 intuire fina da ora come sarà. Morale della favola: questa legge resterà tale e quale ad oggi per chi sa quanti anni e con essa si chiuderà definitivamente ogni questione sul significato costituzionale arttuale di “soveranità popolare” e l’Italia e gli italiani si godranno Renzi ed i suoi epigoni e successori vita natural durante………..alla faccia della “democrazia”!

  6. Antonio Piarulli ha scritto:

    SE OPTI PER QUESTO PROFILO, IN ITALIA ,RISCHI PERSINO DI DIVENTARE PRESIDENTE.
    Fascista per “COSTRIZIONE” comunista per “opportunismo” ,poi filo-governativo per “convinzione”. Come lui molti,troppi,divenuti tutti maestri di libertà e democrazia. E’ la vita degli uomini! La u minuscola, NON è UN REFUSO..

  7. Giuseppe Bonura ha scritto:

    Caro Speranza,hai perfettamente rgione

  8. annaritaventuri ha scritto:

    TermometroPol pdnetwork area riformista ha possibilità di votare no a italicum o stia zitta e nn rompa con solita musica,riforma mostruosa

  9. Ivano Stentella ha scritto:

    Caro Speranza, non la votate!!

Lascia un commento