•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 30 aprile, 2015

articolo scritto da:

Buttafuoco: giornalismo spazzatura, troppo servile nei confronti di Renzi

sospensione de luca

Pietrangelo Buttafuoco, in un’intervista al Giornale, dice la sua circa il rapporto Governo-media. Un legame che ha raggiunto livelli morbosi, di troppa vicinanza, secondo Buttafuoco.

Non usa mezzi termini lo scrittore: “Matteo Renzi ha fatto dei giornalisti il suo braccio armato. Sono più importanti dei politici, bravi soprattutto nel manganellare i suoi nemici. Se ai tempi di Berlusconi c’è stato l’editto bulgaro, oggi è peggio”. Un’accusa nei confronti del premier che, secondo Buttafuoco, non solo occupa lo spazio televisivo, ma addirittura impone la propria autorità nei confronti dei giornalisti, sempre più tra l’intimorito e il servile. Continua Buttafuoco, specialmente sul servilismo dei giornalisti: “in troppi non vedono l’ora di assecondare la sua sete di potere, fanno a gara. Così, il premier e il suo Giglio Magico, dalla Boschi a Lotti, non rispondono mai a domande libere, cercano solo trasmissioni e testate in cui gli intervistatori non li metteranno mai in difficoltà su questioni scomode. Ed evitano tutte le altre”.

dl antiterrorismo

“Sono fatti sotto gli occhi di tutti – continua Buttafuoco – e sto lavorando per metterli in fila. Non si erano mai visti tanti talk show schierati in difesa del governo, tanti giornalisti pronti ad aggredire chiunque non si pieghi ai diktat renziani, tante copertine di riviste importanti fare delle marchette sfacciate al potere. È un fatto inaudito, mi fa vergognare”. Quindi elenca una serie di giornalisti posti in difficoltà per aver dato opinioni non gradite sul premier: Ferruccio De Bortoli, Nicola Porro, Chiara Geloni ed addirittura Gigi Marzullo, reo – secondo Buttafuoco – di aver ospitato Luigi Bisignani.

riforma rai

Poi fa un paragone col passato, specialmente col periodo di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi: “non si erano mai visti tanti giornalisti cominciare la giornata a Palazzo Chigi, per pianificare il lavoro, vedere chi bastonare e come. Ora si apre una stagione con due importanti appuntamenti: oltre al nuovo direttore del CorSera ci sono le nomine in Rai. Vedrete che combinerà Renzi. Altro che Struttura Delta di cui si parlava ai tempi di Berlusconi, adesso vanno tutti in automatico. Ma in realtà il Cavaliere aveva un rapporto sgangherato con la comunicazione. C’erano giornalisti fan come Emilio Fede, però relegati in un circuito pittoresco, presi in giro da tutti. Il gioco, allora, era chiaro. Però, ai tempi dell’editto bulgaro Il Foglio fece un editoriale durissimo contro di Berlusconi. Ferrara a quei tempi girava con la scorta, per il clima che si era creato. Al potere c’era un contrappeso. Io stesso – conclude Buttafuoco – ho scritto dei pezzi violentissimi contro il berlusconismo su Il Foglio, ma non ho avuto mai censure. Renzi, invece, usa personaggi di autorevoli testate per farsi osannare”, come, ad esempio, “Beppe Severgnini si esprime su Renzi né più e né meno di come Fede faceva con Berlusconi”.

Daniele Errera


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

41 comments
Antonino Segreto
Antonino Segreto

Cosa non si fa per vere un tantino di visibilità pubblicitaria, forse qualche nuovo libro in uscita?

Vincenzo Moncada
Vincenzo Moncada

Tu invece sei troppo intelligente,come Travaglio! Giornalisti Professionisti contro a prescindere! O caca!

Franco Piro
Franco Piro

Giornalismo? Non sanno minimamente dove sta di casa.

Damico Sebastiano
Damico Sebastiano

questo,buttafuoco sicuramente abita su marte e legge i quotidiani marziani ,vorrei informare questo signore che il 70xcento dei giornali ..almeno cosi si definiscono i butta fango attaccano renzi tutti i giorni dal falso quotidiano a libero al giornale al tempo eccc. anche il corriere della sera, renzi e l'unico che non a un quotidiano di partito,come i grilloti e forza italia,ma si sa' chi e forte a piu' nemici,adesso ne a un'altro di buttafango,che e affetto da mania di persecuzione ,curatevi.

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Povero FABIO il tuo non era sarcasmo incomprensibile, però.....!

Rosanna Riccitelli
Rosanna Riccitelli

Buttafuoco,un giornalista che non si può ascoltare! Tutte le mattine fa il cretino su radio24,altro che giornalista!

Vallelunga Libera
Vallelunga Libera

..ha ragione x una volta buttafuoco...la strgrande maggioranza dei giornalisti servi di renzi...

Marcello Novelli
Marcello Novelli

Ma se sono mesi che gli rompono le balle per qualsiasi cosa e a parte pubblicare il faccione di Salvini non fanno...

Claudio Parrotta
Claudio Parrotta

credo che Buttafuoco si riferisca ai giornali che contano, Stampa, Coriere della Sera, Repubblica, tutti gli altri messi insieme non contano come uno di questi

Roberto Liberati
Roberto Liberati

ha restaurato l'ordine fascista , il duce e' rinato , al rogo la plebaglia rossa e parolaia ....viva il duce e viva claretta boschi ....

Lucio Laurenza
Lucio Laurenza

Mauro di repubblica attacca renzi un giorno si ed un altro pure. De bortoli lo critica tutti i giorni. Non parliamo del Fatto del Giornale o di Libero. Cambia spacciatore buttafuoco

Girolamo Gentile
Girolamo Gentile

Sentire parlare di giornalismo spazzatura da una mondezza

Gennaro Rossi
Gennaro Rossi

maalox e manganellate , come agli operai di terni !!!

Gennaro Rossi
Gennaro Rossi

sì è vero , ma una cosa non esclude l'altra

Lucia Locatelli
Lucia Locatelli

Dipende molto dal coraggio dei giornalisti, coraggio tipo all'Oriana Fallaci. Ci sono, ma troppo pochi

Antonio Piarulli
Antonio Piarulli

Anche l'etimologia,ci racconta che " ministro" deriva da "servo" nell'accezione più nobile,colui che serve,che si pone al servizio,rammentarlo a noi stessi ci gioverebbe moltissimo. Cordialità..

Carlo Carapacchi
Carlo Carapacchi

troppo servile nei confronti di Salvini piuttosto !!! Questa è la verità !

Fabio Locatelli
Fabio Locatelli

La Gabbia, Servizio Pubblico, Quinta Colonna, Virus, Libero, il Giornale, il Fatto Quotidiano, ecc aaazzzzz TUTTI A CANTARE LODI.