•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 6 maggio, 2015

articolo scritto da:

Italicum, Mattarella ha firmato la nuova legge Sullo sfondo resta però l’ipotesi referendum

referendum costituzionale, Renzi di fianco a Mattarella con mano aperta

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato la nuova legge elettorale: l’Italicum quindi ha superato anche l’ultimo ostacolo e molto presto, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, diverrà legge dello Stato. I numerosi appelli delle opposizioni, dunque, non hanno sortito l’effetto sperato. Del resto, la riforma elettorale voluta dal governo sembra, almeno per ora, ottemperare ai rilievi mossi dalla sentenza della Corte costituzionale del dicembre 2013.

Sul tema è intervenuta, un po’ a sorpresa, anche l’Agenzia di Rating Fitch, che ha promosso la riforma elettorale:  “Il passaggio della nuova legge elettorale in Italia rappresenta un progresso nel cammino delle riforme istituzionali e strutturali che se portato avanti porterebbe a un rafforzamento nel medio termine del profilo di credito sovrano riducendo il rischio politico che grava sulle decisioni di natura politica ed economica. Ma per il momento – si legge nel rapporto – le riforme economiche rimarranno dipendenti dalle manovre politiche”.

Italicum, Referendum all’orizzonte?

Il testo del referendum richiedente l’abrogazione (parziale) dell’Italicum è già pronto. Dopo l’approvazione definitiva della nuova legge elettorale contro il presidente del Consiglio Matteo Renzi è infatti guerra aperta. E le opposizioni – ma non solo – stanno già mostrando l’arma con cui combatteranno la loro prima battaglia. Sono infatti in molti a scongiurare che il presidente della Repubblica non dia il via alla promulgazione della nuova legge elettorale, mentre invece il governo è sicuro che Mattarella firmerà senza opporre il suo veto e continua indisturbato sulla strada delle riforme.

mattarella e renzi in piedi mentre discutono

Referendum Italicum, scarsa compattezza delle opposizioni

Nel frattempo le opposizioni si stanno dando da fare per ostacolare in tutti i modi la firma di una legge che non ritengono adeguata da parte del presidente della Repubblica, ma non senza incoerenze e passi falsi. Il fronte referendario composto da Forza Italia, Lega, M5s, Sel e il dissidente Filippo Civati non brilla infatti per compattezza: mentre Renato Brunetta continua la sua battaglia con estrema convinzione e chiama subito ai “comitati referendari”,  il grillino Di Battista quasi ci ripensa e dichiara “Io il referendum lo farei su battaglie più importanti”. In disaccordo con la linea Brunetta anche l’ex ministro Altero Matteoli, il quale ritiene che con il referendum “si farebbe il gioco di Renzi”, o il leghista Roberto Calderoli che fa delle precisazioni giuridiche sulla materia: “I grillini parlano di abrogazione totale che non si può chiedere sulla legge elettorale”. I capi d’imputazione potrebbero infatti essere solo le candidature multiple e i capilista bloccati.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Rodolfo Bolla
Rodolfo Bolla

Penso le stesse brutte cose che pensavo di Giorgio Napolitano, e che, malgrado la libertà di opinione, sono per ora non pubblicabili.