•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 7 maggio, 2015

articolo scritto da:

Civati, Vendola e Landini: manovre a sinistra. Pisapia leader?

civati-vendola-landini

Per Pippo Civati “l’accusa di non avere coraggio stava diventando insostenibile”: “La mia credibilità si stava offuscando”, spiega al Corriere della sera l’ormai ex Pd, all’indomani dello strappo con il partito guidato da Matteo Renzi.

“Io non ho tradito – sottolinea Civati – È Renzi che non ha rispettato il programma con il quale siamo stati eletti. Esco per coerenza, per le troppe differenze di metodo e di merito e per lo spostamento a destra del baricentro politico”. “Io non dico che chi resta è incoerente, se no Cuperlo si offende. Ma quella frattura è irrecuperabile e chi si sta dedicando alla ricucitura, ha scelto una strada troppo complicata. La minoranza si è divisa e il colpo lo ha mancato, per usare la metafora di D’Alema”.

Civati: futuro assieme a Landini?

Nel futuro di Civati potrebbe esserci un progetto politico con Landini: “Per me è un interlocutore. Non credo che la sua iniziativa si chiuda in un fronte sindacale”, afferma il parlamentare milanese, secondo il quale la prossima settimana potrebbero esserci altri “movimenti” al Senato.

Quanto a Bersani, “è un uomo troppo garbato e troppo onesto. Non voleva enfatizzare i contrasti, ma ricomporli. Solo che Renzi non è Bersani, nel bene e nel male. Hanno affrontato l’arrivo di Matteo come le società precolombiane con i conquistadores. Bersani – aggiunge Civati – potrebbe essere una figura di riferimento del nuovo partito, ma non credo che lascerà il Pd”.

civati

Rosato: “Nessuna scissione in vista”

Il day after in casa Pd, dopo l’uscita di Pippo Civati dal gruppo dem alla Camera, è fatto di umori contrastanti. C’è chi fa spallucce, esorcizzando il pericolo di future diaspore, e chi invece minaccia nuovi addii. Ettore Rosato, vice capogruppo Pd a Montecitorio, in un’intervista a La Repubblica esclude scissioni o eventuali esodi: “È uscito un parlamentare. Era peraltro una cosa annunciata dai tempi del governo Letta. Già allora Pippo Civati non votò la fiducia. Nessuno minimizza. Ma era una scelta ribadita più volte”.

“Le scelte personali non le commento. Mi riferisco alle questioni politiche. Come ci sono stati ingressi personali – Andrea Romano da Scelta civica, Gessica Rostellato dagli ex 5 Stelle, ad esempio – ci potrebbero essere anche uscite personali. Tuttavia alla Camera non ne vedo”, afferma Rosato, che aggiunge: “Distinguo tra quello che è accaduto nel Pd e i desideri di Nichi Vendola. I dirigenti democratici, anche quelli che non hanno votato la fiducia, sono tra i costituenti del Pd. Penso che siano leali”.

“Quello che è accaduto lo sappiamo tutti. Ora lavoriamo per un Pd unito, che si occupi dei problemi degli italiani, che non sono solo la legge elettorale”. Secondo Rosato nel Pd non è in atto alcuna “trasformazione genetica”: “C’è che siamo passati dal 25% al 40% di consensi”, dichiara. “Ci possono essere tanti micro progetti politici fuori dal Pd, e io li rispetto tutti. Ma nulla a che fare con l’Ulivo. È una stagione compiuta proprio dal lungo percorso che ha consentito la nascita del Partito democratico. Il Pd è il miglior successo dell’Ulivo”, conclude.

Fassina: “Capisco Pippo”

Stefano Fassina, altro esponente della minoranza dem, al Manifesto dichiara di comprendere la scelta di Civati: “Quello che è avvenuto lascia il segno, ormai non mi sento di escludere niente”, ma “lasciare un partito non è una scelta soltanto individuale. Voglio fare scelte condivise e coordinate con chi in questi mesi ha portato avanti proposte diverse dal governo Renzi. E comunque in queste ore sono completamente concentrato sulle correzioni profonde da fare al ddl scuola. Ora questa è la mia priorità”, aggiunge l’ex sottosegretario all’Economia.

Vendola: “Gruppi di Sel si scioglieranno”

Nel frattempo, a sinistra, Nichi Vendola si dice pronto a costruire nuovi gruppi sia alla Camera che al Senato: “Sel non ha presentato i propri simboli nella competizione delle regionali. Abbiamo già avviato l’allargamento”, afferma il leader di Sinistra Ecologia e Libertà in un’intervista a La Repubblica. “Il nostro progetto politico non è la conservazione di un piccolo partito, vogliamo creare una grande sinistra innovativa sul piano politico-culturale”, aggiunge Vendola, secondo il quale “la coalizione sociale di Landini è una prospettiva necessaria a ricostruire vincoli di solidarietà. Ma c’è bisogno di costruire non la somma algebrica delle sinistre sconfitte, bensì una nuova agenda di governo, un nuovo vocabolario di una sinistra che non vuole essere né omologata né minoritaria”.

Sull’ipotesi che il leader sia Giuliano Pisapia, “non è male ricordare che è il miglior sindaco d’Italia, un vero riformatore. Incarna l’immagine di una sinistra dei diritti e delle libertà. Detto questo non tocca a me incoronare o tirare per la giacca”, conclude Vendola.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

81 comments
Riccardo Moni
Riccardo Moni

Sinistra? Bisognerebbe rivedere il concetto di sinistra ormai

Angelo Frascino
Angelo Frascino

Se non vogliono essere una brigata lacista, ma acc!ettano in modo paritario il contributo dei cattolici democratici, SENZ ' ALTRO!

Alessandro Soranzo
Alessandro Soranzo

si in un partito che contenga tutta la sinistra compreso il p.d.

Marcello Blasi
Marcello Blasi

pisapia!!!!!! HAHAHAAHAHHAHAHAHA MA ANDATE A MORI AMMAZZATI PIDIOTI DI MERDA

Lavezzi Giorgio
Lavezzi Giorgio

\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439\U0001f439

Mauro Paviato
Mauro Paviato

Ma neanche se mi pagano, mi fanno schifo come tutti gli altri politici!!!!!!!

Domenico Campagna
Domenico Campagna

Si continua a deridere chi non è d'accordo con il nuovo caudillo, io una macchina usata da Civati la comprerei ad occhi chiusi, da uno come Renzi neanche se mi da una garanzia scritta!

Valeria Nari
Valeria Nari

L'ultima cosa che farei sarebbe votare questi 3 ,il mondo va avanti loro indietro di anni !

Giampiero Isidori
Giampiero Isidori

Visto che non serviranno a nulla,Perche' non vanno a lavorare da un'altra parte come tutte le persone comuni.

Lorenzo Razzano
Lorenzo Razzano

Per nessuna ragione al mondo. Inutilità e vacuità pure.

Max Aliverti
Max Aliverti

L'unica cosa votabile per uno di sinistra,ma anche solo di centrosinistra,il resto è destra,neoliberista (Renzi) fascioleghista (Salvini) o populista (Grillo)...

Max Aliverti
Max Aliverti

Ecco,ora capisco perchè vi siete presi Migliore,la Piazzoni e tutti gli altri.Grazie per averci tolto la rumenta... ;-)

Daniele Ossola
Daniele Ossola

Certo... sarebbe anche ora di rivedere qualcosa di sinistra in Italia

Alessandro Chiarottino
Alessandro Chiarottino

Non è vero Renato! Sai perfettamente che, anche se la DC - con la brillante parentesi craxiana - ha conservato il governo nazionale, ha dovuto fare tantissime concezioni ai comunisti. Inoltre, seguendo la strategia gramsciana, il comunismo ha conquistato, dal 45 in poi, l'egemonia culturale quasi assoluta, monopolizzando le posizioni più rilevanti nelle scuole, cattedre universitarie, magistratura, editoria, televisione (fatta eccezione per la Tv-spazzatura di berlusconiana memoria). Così imposero i comunisti la loro visone del mondo, i loro (dis)valori, il loro odio per l'Italia, per la sua storia, per le sue tradizioni.

Alessandro Chiarottino
Alessandro Chiarottino

Invece no. Il Fascismo ha fatto tantissime buone cose (C.N.R., Accademia d'Italia, I.R.I., AGIP, E.U.R., ecc, ecc, ecc). Il comunismo, invece, in Italia significò soltanto distruzione di quel capitale materiale e morale che costituiva la parte più viva del nostro Paese. Basta pensare alla distruzione, per mano comunista, dell'antica italica etica del lavoro. Se oggi siamo tutti bamboccioni viziati, pigri, senza sogni, senza ambizioni, piagnucolosi, senza idea dell'interesse nazionale, tutto ciò lo dobbiamo senz'altro ai cattivi maestri comunisti. Se mettiamo a confronto le generazioni educate dal Fascismo (1922-1945) con quelle educate dal comunismo (1946 - .....)...Ahimè! Che differnza!

Paolo Leone
Paolo Leone

Non è neanche iniziato sto partito che già si bisticcia!

Raffaela Giobbo
Raffaela Giobbo

mettete i ciarlatani..si è visto infatti da vent'anni a questa parte cosa hanno combinato

Rita Maruca
Rita Maruca

l'incubo rimane sempre e solo il fascismo, che ci ha governati...

Salvatore Ciriolo
Salvatore Ciriolo

Chissà, bisognerebbe conoscerne bene la proposta politica. Certo è che a sinistra c'è un vuoto e prima o poi qualcuno deve riempirlo.

Renato Occhiuzzi
Renato Occhiuzzi

E quando mai ha governato? dal 48 in poi sempre e comunque DC, direttamente o per interposta persona...