•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 26 giugno, 2015

articolo scritto da:

Si scrive Sousse, Lione, Kuwait City si legge Isis

C’è un filo rosso che collega le stragi di Sousse, Lione e Kuwait City. Si chiama Isis. Si pensava che il Califatto fosse stato ridimensionato dalle vittorie delle forze curde in Siria e da quelle sciite in Iraq nei primi mesi dell’anno. Tutto sbagliato. Isis non è mai morto. Si era preso soltanto una breve pausa per poi attaccare con più forza. E così ecco cadere sotto il giogo dell’estremismo islamico Ramadi in Iraq e Palmira in Siria. Con Kobane che rischia la medesima sorte nonostante il coraggio dei peshmerga curdi e gli inutili raid aerei di Stati Uniti e alleati.

isis

La mattanza di turisti nei due resort tunisini nel golfo di Hammamet è figlia di una nuova stagione del terrore che mira a scardinare le sicurezze degli europei che viaggiano in Paesi (Tunisia, Egitto, ma anche Kenya) che vivono di turismo. Il messaggio è quindi duplice: distruggere il tessuto economico di paesi alleati dell’Occidente contro il terrorismo islamico e al contempo mandare un messaggio alle cancellerie europee: l’Isis è vivo e dispone di mezzi per compiere attentati anche nel cuore dell’Europa (Lione e Parigi). Le conseguenze di queste stragi sono facilmente immaginabili: le forze di estrema destra e anti sistema come Front National, Lega Nord, Partito Popolare Danese (in trattative per governare in Danimarca), Ukip e Pegida  ma anche governi autoritari come quello di Orban in Ungheria, cavalcheranno l’onda della paura chiedendo agli esecutivi nazionali di attuare misure più stringenti verso gli immigrati. E tutti sanno come l’immigrazione sia un tema su cui l’Europa (basta vedere il difficile compromesso raggiunto ieri notte) appaia fortemente divisa.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: