•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 14 luglio, 2015

articolo scritto da:

Due marò, si dimette il segretario di Rifondazione che voleva la loro impiccagione

i due marò in uniforme uno di fianco all'altro che camminano

“Ma non è ora che impicchino i due marò?” E’ questa la frase che ha gettato nella bufera il segretario di Rifondazione Comunista di Rimini, Paolo Pantaleoni. Non è bastato cancellare poi la frase da Facebook e rivolgere le scuse a Latorre e Girone.

i due marò in uniforme uno di fianco all'altro che camminano

Dopo le pressioni interne e le reazioni esterne, sono giunte le dimissioni:

“L’ho detto nei giorni scorsi alla stampa locale, lo ripeto oggi: il mio post sui marò è stato una colossale scemenza, di cui mi scuso con tutte le persone che ho urtato, ferito ed infastidito.
La mia voleva essere una battuta a fronte dei tanti politici che usano parole violente contro i profughi e gli stranieri, ma – ribadisco – è stata una battuta sbagliata e altrettanto violenta: una violenza verbale che è esattamente ciò in cui non credo. Perciò sono doppiamente mortificato.
Mi scuso anche con il mio partito, Rifondazione Comunista, con la comunità politica di donne e di uomini di cui faccio parte: ciò che ho scritto è distante anni luce da ciò che pensa e pratica il Prc. Mi scuso sapendo che in questi giorni siamo impegnati a fianco del popolo greco e invece Rifondazione andrà sui giornali per questa mia scemenza.
Convinto di tutto questo, rimetto il mio incarico a disposizione della F

ederazione di Rimini.”

Questo il comunicato che Pantaleoni ha pubblicato su Facebook ieri rendendo noto di aver tratto le conseguenze della gravità delle sue parole.

Prima ancora aveva pubblicato lo screenshot della reazioni di Gasparri e Salvini, in un certo senso orgoglioso di avere suscitato le loro  risposte.

due Marò, reazione su FB di salvini

Due marò e Pantaleoni, le reazioni della politica

Già Maurizio Gasparri aveva, con il suo solito stile colorito per cui è celebre sul web, definito il segretario di Rifondazione un “celebroleso”.

Lara Comi poi aveva affermato: “Trovo disgustose le parole utilizzate dal segretario di Rifondazione di Rimini nei confronti dei nostri due marò: fosse per me a persone come queste non dovrebbe essere più permesso di fare politica”

E così Prestigiacomo, sempre di Forza Italia: “le parole utilizzate da questo irresponsabile si commentano da sole e mi auguro che questo soggetto sia allontanato dalla vita politica del nostro Paese quanto prima”

Non si sono segnalate reazioni da sinistra invece

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

5 Commenti

  1. Lello Petrone ha scritto:

    Mi pare il minimo

  2. Nicola Romano ha scritto:

    Si dimette? da cosa?.Facendo due lire di conti,rapportando cioè i supporter di Rifondazione in Italia che proprio tantissimi non sono, con quelli di Rimini,probabilmente questo signore oltre il pianerottolo di casa sua,come sostenitori non andava.L’unico effetto è che ora non avrà nemmeno quelli.

  3. Andrea Brintazzoli ha scritto:

    I supporter di rifondazione non sono pochi in Italia ed e stato giusto cosi.

  4. Luisa Bacocchia ha scritto:

    vergogna buffone

  5. Massimo Donizelli ha scritto:

    La notizia è aver saputo che esiste un segretario provinciale di Rifondazione a Rimini! …un lavorone!

Lascia un commento