•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 21 maggio, 2014

articolo scritto da:

Pomezia, Movimento 5 Stelle: dolce solo agli alunni che pagano

pomezia

Una fetta di torta solo ai bimbi che se la possono permettere. Scoppia la polemica a Pomezia, comune di 57mila abitanti a due passi da Roma, dove l’amministrazione guidata dal Movimento Cinque Stelle vuole lanciare una gara d’appalto per l’affidamento del servizio nelle mense delle scuole pubbliche: due menù diversi, uno con dolce e l’altro senza.

La polemica riguarda il capitolato d’appalto della giunta guidata Fabio Fucci per l’affidamento del servizio che coinvolge bambini d’età compresa tra i 3 e i 10 anni: un appalto che durerà tre anni e fornirà ogni anno oltre 400mila pasti.

Due le soluzioni. Il primo menù prevede un primo, un secondo, un contorno, pane, frutta e acqua. Costo: 4,00 euro. Nel secondo menù c’è un primo, un secondo, un contorno, pane, frutta, un dolce e acqua. Prezzo: 4,40 euro. Solo quaranta centesimi di differenza, abbastanza per sollevare un polverone.

pomezia

Una iniziativa vergognosa, per Pd e Sel, secondo i quali si tratta di una misura discriminatoria che farà provare ai bambini l’esperienza della diseguaglianza sociale. “È inaccettabile la scelta operata dalla giunta grillina di Pomezia di utilizzare due menu nelle mense scolastiche a seconda della possibilità di pagamento dei genitori dei bambini” hanno tuonato i democratici Valeria Fedeli e Raffaele Ranucci, ”in sostanza a chi paga di più viene fornito un pasto completo! E questo in una scuola pubblica”. Altrettanto duro il commento di Sinistra Ecologia e Libertà, che “contrasterà in tutti i modi possibili questa decisione e chiede da subito che l’Amministrazione comunale torni sui suoi passi”.

Il sindaco di Pomezia Fabio Fucci risponde che l’idea dei due menu è venuta direttamente dalle famiglie. “I genitori ci hanno chiesto di prevedere due menu diversi, uno più costoso e l’altro meno” ha spiegato, “noi abbiamo rifiutato questa scelta discriminatoria e abbiamo deciso, invece, di distribuire la merenda pomeridiana, un dolce o un frutto, a chi pagava una certa cifra e viceversa. Gli altri la portano da casa”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

101 comments
Antonello D'Alfonso
Antonello D'Alfonso

se non pagano,forse non hanno possibilità non è detto che siano furbetti

Beppe Roca
Beppe Roca

Una cosa è negare il pasto come fece qualche sindaco lighista, altra cosa è uno sconto di 40 centesimi per coloro che non vogliono che gli venga somministrato il dolce ai propri figli.

Sergio Gs IIo
Sergio Gs IIo

Prima tutti pagavano prezzo pieno con merendine anche se le portavano da casa, perché quelle fornite (dovendo costare meno di 40 centesimi) erano mediocri. Alla fine i ricchi che pagano la merenda 40c sono in realtà i poveri che non si possono permettere di spenderendi piú.

Pierangelo Bucci
Pierangelo Bucci

Dio ancora con sta cazzata da quaranta centesimi. Patetici.

Gian Carlo Figliozzi
Gian Carlo Figliozzi

Termometro Politico,lo sai che e' una stronzata,una notizia vecchissima,ed e' un boomerang,lo sai vero? perche' lo pubblichi? perdi solo credibilita' ormai,a quest ora poi che si e' gia sgonfiato

Der Lomba
Der Lomba

Si,piuttosto vergognosa.Senza scusanti.

Angela Pagliaro
Angela Pagliaro

mi rendo conto che è inutile ,coi 5 stelle ,parlare della funzione pedagogica della scuola . Anche fosse vero siano stati alcuni genitori a volere una merendina in più dietro pagamento di 40 cent , chi si propone al governo del Paese non avrebbe dovuto accettare !

Maria Carmina Di Grazia
Maria Carmina Di Grazia

Vergogna a chi ha permesso il dolce(meglio dire una scadente brioche) a fine pasto. Fa male alla salute ... capito?

Fernando Bianchi
Fernando Bianchi

Quanto vi piace pubblicizzare ogni situazione che possa in qualeche modo danneggiare il M5S. Tanto fatevene una ragione: politici e giornalisti verrete messi in condizione di non nuocere. Siete complici.

Daniele Marco Pavan
Daniele Marco Pavan

Mi pare che si questioni sul niente, è stata fatta una richiesta ed applicata con quello che c'è. E l'articolo non è fuorviante, è tutto scritto chiaramente, smettetela di prendervela con gli autori. Ma ormai in questa campagna ci si attacca su tutto, su cose inesistenti o irrilevanti, sia da parte del m5s sia dalle altre... Ma cazzo concentratevi sui problemi veri, fate articoli su quello proposto dai vari partiti, è li che ci sono le zone d'ombra che pesano. Ebbasta anche con sti cazzo di hashtag

Riccardo Danilo Bigi
Riccardo Danilo Bigi

Non voterò mai M5S premetto.... Ma in questo caso la sinistra e i giornalisti stanno mascherando ancora una volta la verità.... Con questi articoli cretini ... Proprio come fecero con il CAv

Riccardo Danilo Bigi
Riccardo Danilo Bigi

Ma quante scemenze... Per un dolce e 40 centesimi di differenza... SEL e PD che hanno mangiato come maiali su tutto ... Ci sono altri problemi... Neanche la cartaigienica c'è nelle scuole e si permettono di usare la parola "discriminazione"... Vergognosi parassiti sociali.... Poi caproni chi giudica senza conoscere i fatti ascoltare le mozioni, interpellanze live su radio radicale e sentite le proposte intelligenti su scuola e istituzioni come vengono rigettate da questi finti del PD e SEL....

Gianluca Fadda
Gianluca Fadda

certo , l'immagine ovviamente a leggere i vari articoli sulla vicenda che viene in mente è quella dei bambini "ricchi" che mangiano con gusto in faccia ai loro amichetti più "poveri" il loro succulento dolce : ottima metafora mediatica speculativa per parare il c*** a un partito che si ricorda di essere di sinistra solo quando vuole e casualmente prima delle elezioni ( se vogliono veramente un equità sociale perchè non portano avanti il reddito di cittadinanza ?? ) ... a me pare solo che il sindaco di pomezia abbia avuto il "torto" di prendere la sua decisione ascoltando le persone più direttamente interessate , i genitori , e abbia agito di conseguenza : a me pare solo un ottimo esempio di democrazia ( roba ormai sconosciuta in altri lidi politici )

Eugenio Cordella
Eugenio Cordella

Il dolce o lo si inserisce per tutti o per nessuno.... Questo penso che non creerebbe nessun problema per i bambini

Luciana Mastrorosa
Luciana Mastrorosa

Io credo che l'esperienza sia madre di vita. Ciò che hai provato non lo dimentichi. Quindi lascerei i figli di questi imbecilli a guardare altri bambini che mangiano il dolce. Tutti i giorni.

Noris Di Vico
Noris Di Vico

Io intanto non darei a fine pasto il dolce a nessuno, e non per motivi economici, ma semplicemente per salute. Si stanno crescendo generazioni che finiranno di ammalarsi di malattie metaboliche con tutte le conseguenze che ne derivano!

Il Pennivendolo
Il Pennivendolo

Informazione ridicola corrotta e scadente. Una sola parola, vergogna.

Monica Scarano
Monica Scarano

Ma smettetele con questi titoli ad effetto..se leggete tutto l'articolo si evince altro

Cheti Bedini
Cheti Bedini

TP vi tolgo il mio "mi piace" siete diventati scorretti!!!

Francesco Neiviller
Francesco Neiviller

Per favore non scrivete stronzate fate perdere a 5 stelle dei voti importanti.

Francesco Neiviller
Francesco Neiviller

non essere di parte a tutti i costi !il decreto comunale parla chiaro chi vuole il dolce deve pagare un tiket maggiorato informati bene e questo è una vergogna ti premetto che voto 5 stelle ma è il sindaco che non è buono! che significa essere filocomunista tu accetteresti che ad un tavolo dove ci stanno 5 bimbi 2 mangiano il dolce e 3 no?

Francesco Neiviller
Francesco Neiviller

tu accetteresti che ad un tavolo dove stanno seduti 5 bambini 2 mangiano il dolce e 3 no!

Maria Clara Mussa
Maria Clara Mussa

informatevi in modo più approfondito. Il sindaco ha seguito il suggerimento di genitori che non vogliono somministrare le merendine industriali e poco nutrienti semmai solo ingrassanti ai propri bambini. Dunque ha proposto due tipi diversi di menu. Uno senza e uno con le merendine. (chiamarle dessert o dolci è un grand eufemismo) Chi invece le vuole, dovrà pagarsele (ohi!! 50 centesimi in più della quota…

Jenny Mare
Jenny Mare

il dolce andrebbe tolto ai bimbi soprattutto se è industriale...tutte le mamme di buon senso lo sanno ..basta chiedere a qualunque pediatra...allora chiedo perchè arrivare ad una soluzione così discutibile e di cattivo gusto?..uniformare soprattutto x il bene dei piccoli

Salvatore Di Napoli
Salvatore Di Napoli

pur di danneggiare ad ogni costo coloro che si battono per l'onestà nelle istituzioni sono capaci di ogni nefandezza non riportando la notizia esatta che di per se come è strutturata non avrebbe avuto bisogno di commenti. La scelta è stata determinata dai genitori, che giustamente, hanno ritenuto superflua la somministrazione del dolce ai loro figli. Per esperienza ho constatato che la mia nipotina che, benché, avesse il dolcetto (crostatina) lo ha sempre portato a casa e mai mangiato perché non di suo gradimento, ergo inutile spendere ,040 centesimi che a fine anno permettono ad una normale famiglia pagare una retta delle mensa in meno. Purtroppo i detrattori non mancano mai

Giò Morra
Giò Morra

il menu' normale costa 4euro il menu' con dolce costa 4euro e 40 centesimi.... tutto questo deciso dai genitori degli alunni... ma che vi costa riportare tutta la verita'... guardate che voi giornalisti siete sentinelle della verita'.... se ingannate il vostro posto sara' nell' inferno...i menzogneri non avranno vita eterna...ci sono giornalisti che sono morti per dire la verita'.... copiate questi eroi e Dio vi benedira'

Salvatore Scilletta
Salvatore Scilletta

A volte penso se davvero abbiamo bisogno di un cambiamento !! o piuttosto preferiamo farci prendere in giro in ETERNO e sempre dalle stesse persone !!! Chi scrive certi articoli OMETTENDO LA VERITA' è RESPONSABILE quanto chi ci ha governati fino ad ora !! E, FORSE, non si rende conto del DANNO che arreca DISINFORMANDO E MISTIFICANDO LA VERITÀ !!! 3..2..1......vai con i trollini !!!!!

Paolo Guidi
Paolo Guidi

La scuola di Pomezia non eroga il dolce ad alcuni bambini nn per ragioni economiche ma su esplicita richiesta di alcuni genitori che lo ritenevano poco salutare. Capisco che voi siate filo comunisti, però cercate di fare uno sforzo ed uscite dal circuito della mala informazione che il m5s cerca giustamente di contenere. Mi verrebbe di mandarvi a cagare... ma non lo faccio.

Ennio Chiaretto
Ennio Chiaretto

Lo sapete che è una bufala inventata? Piuttosto lo sapete che è stata incendiata la sede del M5S a Giugliano? Pensavo ci faceste un articolo almeno voi, che siete obiettivi..(ah ah ah)

Livio Schmid
Livio Schmid

Divertentissima la pagina Facebook del sindaco: impedito inserire commenti e i fedeli che difendono l'indifendibile. Democrazia digitale o Minculpop?

Livio Schmid
Livio Schmid

Verissimo. Ma le regole della setta impediscono di ammetterlo

Andrea Patrone
Andrea Patrone

Governare non é sicuramente facile, ma rubare sí! E questo i politici dei vecchi partiti lo sanno fare molto bene!

Iolanda Colella
Iolanda Colella

questa è una delle tante cazzate che si scrivono sul movimento. Non sanno che inventarsi! Tra i commenti è riportata la verità, ma informarsi è difficile per chi vuole continuare a votare chi ci ha portato allo sfacelo!

Ciro Pappadà
Ciro Pappadà

Poi i giornalisti reputano ignobile il fatto di essere giudicati dalla rete vero ? SETTANTESIMO POSTO COME LIBERA INFORMAZIONE