•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 30 maggio, 2014

articolo scritto da:

Le squadre che offrono più giocatori agli azzurri per il mondiali

convocazioni per squadra

L’Italia ha partecipato a 17 delle 18 edizioni dei Mondiali finora disputate. E’ mancata infatti solo nel 1958 in Svezia in quanto non riuscì a superare le qualificazioni. Il numero dei calciatori selezionati per la fase finale mondiale è stato di 22 per 15 edizioni (dal 1934 al 1998) e di 23 per le ultime 3 (dal 2002 al 2010). I convocati azzurri nelle 17 fasi finali mondiali risultano quindi in totale 377. A fornire questo numero di giocatori alla nostra nazionale hanno contribuito in tutto 28 squadre (25 italiane, 2 spagnole, 1 inglese). L’apporto maggiore è risultato quello della Juventus (74 convocazioni), davanti a Inter (64), Milan (50), Roma (29), Fiorentina (27), Bologna (19), Torino (17), Lazio (16), Napoli (13), Parma (12), Sampdoria e Cagliari (11). Il club bianconero è anche l’unico sempre presente, con un massimo di 9 giocatori in due edizioni (1934 e 1978). Inter e Milan risultano invece assenti in una sola spedizione (nel 2010 i nerazzurri, nel 1938 i rossoneri). Va precisato che è stata considerata l’appartenenza al club nella stagione precedente la fase finale del Mondiale. Lo schema riassuntivo che segue dovrebbe rappresentare in maniera efficace ed intuitiva la ricerca statistica più sopra enunciata (per continuare la lettura clicca qui)

In collaborazione con CalcioStatistiche di Massimo Girgenti

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da:

0 comments