•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 giugno, 2014

articolo scritto da:

Le avversarie dell’ Italia: la situazione di Uruguay e Inghilterra

Mentre l’ Italia impatta contro il modesto Lussemburgo le nostre avversarie del girone, Uruguay e Inghilterra, mostrano i loro pregi e difetti nelle consuete amichevoli di preparazione.
L’Uruguay vince e convince nel 2-0 contro la Slovenia. Le due reti portano la firma del solito Edinson Cavani e di una vecchia conoscenza del nostro calcio, quel Christian Stuani che, portato in Italia dalla Reggina, non è riuscito a lasciare il segno nel nostro campionato.
Lo stato di forma della squadra sudamericana sembra ottimale, tuttavia sono due  i motivi per cui l’Uruguay deve guardare al Mondiale con preoccupazione. In primis i maggiori dubbi riguardano la condizione di Luis Suarez, stella dei biancocelesti e punta di diamante del tridente completato da Forlan e Cavani.
suarez

Suarez infatti è reduce da un intervento al ginocchio che non gli ha permesso di allenarsi a pieno regime con il resto dei compagni: la sua presenza in Brasile è fuori discussione, ma bisognerà vedere come riuscirà a reggere la fatica e il caldo brasiliano.
Il secondo problema del c.t. Tavarez riguarda invece la fase difensiva: come le altre grandi selezioni sudamericane l’Uruguay risulta eccezionale in fase offensiva ma poco attento in difesa.
Il rischio di giocare bene ma di non riuscire a portare a casa i tre punti è sempre dietro l’angolo, e in un girone con l’Italia e l’Inghilterra anche l’errore più banale può rivelarsi fatale.
La terza grande potenza dell’ormai famigerato girone D, l’Inghilterra, è reduce da un modesto 2-2 contro l’Ecuador. Nella seconda delle tre amichevoli di preparazione ai leoni britannici non bastano le reti Rooney e Lambert: la difesa è ballerina e l’Ecuador può raggiungere il pareggio.
Roonye
Il c.t. Hodgson decide di schierare in campo le probabili riserve ricevendo segnali contrastanti: da una parte la buona condizione atletica e il talento straordinario di Ross Barkley, dall’altra i problemi difensivi e il solito dilemma del centrocampo.
La presenza di due mostri sacri come Gerrard e Lampard, risultati incompatibili tra loro in Nazionale, non permette l’esplosione dei giovani centrocampisti britannici: Henderson offre tanta sostanza ma poca qualità, Wilshere è reduce dall’ennesimo grave infortunio ed è lontano dalla tenuta atletica ottimale.
Nel 4-2-3-1 degli inglesi dunque le poche certezze riguardano il ruolo di centravanti, affidato a Sturridge o in alternativa a Lambert, e l’abbondanza di scelta nel trio di fantasisti: Rooney può ricoprire al meglio qualsiasi ruolo, Barkley si sta guadagnando la maglia da titolare con giocate eccezionali, Sterling, Lallana e Oxlade Chamberlain sono esterni rapidi e sempre pericolosi.
In attesa del match di Manaus però l’Italia sa come poter far male agli inglesi: con la giusta attenzione in difesa e attacchi veloci i temuti leoni britannici saranno domati.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento