•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 10 giugno, 2014

articolo scritto da:

Standard & Poor’s: “Il debito dell’Italia e del Sud Ue può bloccare la ripresa”

Il debito pubblico e privato di Italia, Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda e Slovenia è mediamente raddoppiato nel periodo 2006-2013. Per Roma, con un +71,6%, l’incremento è il più basso dopo la Slovenia. Lo scrive Standard & Poor’s notando che la necessità di ridurlo “potrebbe bloccare la ripresa per anni”.

“Il processo di riduzione del debito nella periferia dell’Eurozona è appena iniziato, ed è probabile che pesi sulla ripresa per anni” si legge nello studio dell’agenzia di rating. Moritz Kraemer, responsabile per i rating sovrani, spiega che l’indebitamento pubblico, a volte finanziato attraverso i salvataggi di Fondo monetario internazionale e dai partner dell’Eurozona, ha aiutato a prevenire spirali deflazionistiche e un calo ancor più drastico di domanda e occupazione. Tuttavia questo processo “ha ovviamente anche aumentato il fardello di debito delle economie nazionali” compensando il processo di deleveraging, che fosse attraverso rimborso o default, in atto nel settore privato. E dunque “l’eccesso di debito persiste” spiega Kraemer.

Ma non ci sono solo note amare per il nostro Paese. Secondo il superindice dell’Ocse, infatti, l’Italia è l’unico Paese del G7 a registrare un’accelerazione della crescita in aprile. Per l’Italia l’indicatore sale a 101,6 in aprile da 101,4 in marzo. Su base annua l’incremento è del 2,4% più che doppio rispetto alla Germania (+1,05%). Il superindice calcolato per l’Eurozona, si legge in una nota Ocse, continua a mostrare un cambiamento in positivo nello slancio della crescita. Crescita stabile, invece, per l’area Ocse nel suo complesso.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: