•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 giugno, 2014

articolo scritto da:

Mondiali, serpeggiano già scommesse illegali e doping

brasile-munich-re

Le prime tegole sui Mondiali brasiliani non cadono solo in territorio sudamericano e dopo gli scontri in piazza pre inaugurazione e le polemiche sull’arbitraggio, di parte, della sfida tra il paese ospitante, il Brasile, e la Croazia, è la volta delle accuse rivolte a diciotto centri di raccolta e gestione di scommesse via internet, privi delle prescritte autorizzazioni, scoperti a Taranto (8) e provincia (10) nell’ambito di controlli eseguiti dalla Guardia di finanza con l’impiego di cento militari. L’operazione è scattata in concomitanza con l’avvio del campionato mondiale di calcio. Particolare attenzione a quelle gestite da bookmaker esteri, che operano in assenza delle concessioni dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e delle autorizzazioni di polizia. Durante i controlli sono stati rinvenuti server collegati a società aventi sede in territorio estero. I finanzieri hanno sequestrato 17 computer, 16 stampanti termiche, tagliandi di giocata ed oltre 2mila euro di proventi. In tutto sono 34 le persone segnalate dall’Autorità giudiziaria tra scommettitori e titolari delle agenzie.
Il primo caso di doping

E se non bastasse alla vigilia dell’esordio dell’Australia nel torneo di Brasile 2014, domani a mezzanotte ora italiana contro il Cile, l’agenzia antidoping della terra dei canguri ha formulato «accuse formali di possibili violazioni antidoping» a 34 calciatori o ex calciatori della Australian football league (Afl). Le accuse riguardano «l’uso di una sostanza proibita durante la stagione 2012» e secondo Ben McDevitt, Ceo dell’Asada, «si basano su un significativo insieme di prove raccolte durante i 16 mesi dell’inchiesta». «Sulla base del parere del nostro consulente legale e di un riesame delle prove sono arrivato alla conclusione che questi giocatori hanno qualcosa di cui rispondere ai sensi del codice mondiale antidoping», ha affermato McDevitt. I calciatori oggetto del procedimento, di cui non sono state rivelate le identità, hanno dieci giorni di tempo per rispondere alle accuse dell’Asada. «La nostra priorità -ha sottolineato il dirigente dell’Agenzia antidoping- è garantire che lo sport australiano sia pulito e la salute degli atleti protetta».

In collaborazione con Calcio&Finanza

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento