•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 16 giugno, 2014

articolo scritto da:

No Tav, Grillo condannato perché “sprezzante degli avvertimenti”

beppe grillo

Arrivano finalmente le motivazioni alla sentenza che, lo scorso marzo, ha condannato Beppe Grillo a 4 mesi di reclusione per violazione dei sigilli di un rifugio No Tav in Val di Susa. L’episodio era avvenuto il 5 settembre 2010.

Il giudice Elena Rocci del Tribunale di Torino ha motivato la condanna spiegando che Grillo si dimostrò “sprezzante degli avvertimenti” ricevuti dal comandante dei carabinieri di Susa. I pm Antonio Rinaudo e Andrea Padalino contestavano agli imputati e al leader del Movimento 5 Stelle di aver violato i sigilli della baita Clarea a Chiomonte, diventata simbolo del movimento No Tav.

Davanti alla baita ancora in costruzione – a cui erano stati posti i sigilli – l’ex comico genovese improvvisò un breve comizio e si fece accompagnare all’interno della struttura. In precedenza il comandante dei carabinieri della compagnia di Susa lo aveva informato che se avesse varcato la soglia della casetta avrebbe commesso un reato.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Alberto Tosetto ha scritto:

    Perché avvezzo al crimine

Lascia un commento