•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 24 giugno, 2014

articolo scritto da:

Belgio e Germania, dove sono i terzini?

Un mestiere ingrato, quello dei terzini. Nell’immaginario collettivo del calcio il delicato ruolo del laterale difensivo è riservato di diritti a coloro che, fin da piccoli, dimostrano scarsa tecnica e poco talento. Corsa, impegno e costanza sono doti tanto importanti quanto poco appariscenti, motivo per cui “rubare l’occhio” è missione assai dura per un terzino.
Benchè sottostimata dai tifosi, la categoria dei terzini ricopre un ruolo fondamentale agli occhi degli addetti ai lavori: sia in fase di spinta che in difesa i laterali sono chiamati ad un lavoro tanto instancabile quanto necessario per l’equilibrio della squadra.
Nell’Italia di Prandelli la scelta dei laterali difensivi da portare in Brasile o da schierare in campo ha provocato aspre critiche e accese discussioni.
Criscito
Alla vigilia del Mondiale il c.t. azzurro ha deciso di lasciare a casa Pasqual e Criscito, due esterni di spinta e (caratteristica affatto secondaria) mancini. Tale scelta, accompagnata dall’infortunio di De Sciglio, ha però costretto Prandelli ad adattare sulla fascia sinistra prima Chiellini, dotato di corsa ma di scarsa tecnica, e poi Darmian, costretto a rientrare puntualmente verso il centro del campo per poter utilizzare il piede preferito.
Senza un terzino affidabile sulla fascia sinistra l’Italia soffre e risulta molto più prevedibile: nonostante non siano belli da vedere come un fantasista o non segnino valanghe di gol come un centravanti la scelta dei terzini può modificare gli equilibri di qualunque squadra.
Il Mondiale brasiliano però sta offrendo uno scenario inconsueto: la scelta di schierare sulle fasce centrali di difesa adattati.
Mentre Prandelli, spinto dalla necessità, ha dovuto schierare Chiellini sulla sinistra contro l’Inghilterra i c.t. di Belgio e Germania hanno stabilito di adattare un centrale difensivo piuttosto che affidarsi a terzini più rapidi e abili nel cross.
Marc Wilmots, commissario tecnico del Belgio, ha costruito una linea difensiva formata da quattro difensori centrali: al centro Van Buyten e Kompany, a destra Alderweild e a sinistra Vermaelen (sostituito in corso d’opera da un altro centrale adattato, Vertonghen).
I due esterni, entrambi forti fisicamente ma poco propensi alla fase offensiva, giocano come difensori centrali nei loro rispettivi club (Atletico Madrid e Arsenal) ma in Nazionale ricoprono ormai stabilmente questo nuovo ruolo.
Dal Belgio alla Germania lo scenario è ancora più nitido. Joachim Low, dopo la “trasformazione” del capitano Lahm da difensore a mediano, decide di schierare una linea difensiva formata da Boateng, Hummerls, Mertesacker e Howedes.
Low
Sia Boateng che Howedes sono difensori arcigni e dotati di prepotenza fisica, ma difficilmente sarebbero in grado di saltare l’uomo o arrivare sul fondo per tentare un cross.
La scelta di Low e Wilmots può sorprendere molti ma va letta in una chiara strategia tecnica: Belgio e Germania dispongono di attacchi veloci e tremendamente efficaci. Potendo fare affidamento su esterni d’attacco abili nel dribbling i due c.t. preferiscono vedere qualche sovrapposizione in meno acquistando però equilibrio e solidità difensiva.
Mentre in Italia si discute sui terzini nel resto d’Europa il problema si risolve alla radice: difesa bloccata, terzini in panchina, palla agli attaccanti.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: