•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 11 luglio, 2014

articolo scritto da:

L’Afghanistan nel caos, gli Usa cercano la mediazione

La gravità della situazione è tutta nelle parole del segretario di Stato americano John Kerry: “La legittimità delle elezioni è in gioco. Il potenziale futuro della transizione politica è in gioco”. Kerry è arrivato poche ore fa in Afghanistan, dove le elezioni dello scorso giugno rischiano di far precipitare il paese nel caos.

I primi risultati del ballottaggio hanno detto che il vincitore è Ashraf Ghani con il 56,4 per cento dei voti. Lo sfidante Abdullah Abdullah si sarebbe fermato al 43,5. Ma Abdullah Abdullah ha rifiutato di accettare i risultati, si è dichiarato a sua volta vincitore e ha puntato l’indice contro l’avversario colpevole a suo dire di brogli elettorali: un’accusa che era già stata gettata sul tavolo delle elezioni afghane proprio da Abdullah e che aveva fatto slittare la diffusione dei primi dati.

Non solo. Abdullah ha annunciato di voler costituire un governo parallelo e si è rivolto ai suoi sostenitori dicendo loro di tenersi pronti a difendere i propri diritti: una sfida che potrebbe assumere anche il contorno di una divisione etnica, con Abdullah che può contare sul sostegno della comunità tagika (un quarto circa della popolazione) e Ghani che ha la sua base elettorale nell’etnia pashtun (la maggioranza degli afghani).

afghanistan

Kerry è arrivato ieri in Afghanistan: una visita organizzata in gran fretta, ha scritto la BBC, proprio per affrontare una situazione che rischia di destabilizzare l’area. Il primo risultato è che Ashraf Ghani  si è detto pronto a una verifica su larga scala del conteggio. Ma non è solo un problema numerico. Ed è per questo che Kerry è a Kabul. Il segretario di Stato ha l’obiettivo di trovare una soluzione a quello che è un vero e proprio stallo politico, con due leader che si delegittimano a vicenda a colpi di dichiarazioni. Una situazione che potrebbe spaccare un paese dall’equilibrio ancora fragile, e in un momento particolarmente delicato. A fine anno il grosso delle truppe americane dovrebbe lasciare l’Afghanistan, ma gli Stati Uniti continuano a finanziare la nazione con miliardi di dollari di aiuti.

“Gli Stati Uniti non supportano nessun candidato in particolare” ha scritto il Dipartimento di Stato americano, “ma supportano un credibile, trasparente e inclusivo processo che consenta al popolo afghano di ottenere democrazia”. Se così non sarà, Washington è pronta a trarne le conseguenze. Kerry ha avvisato che ogni tentativo di risolvere la questione con violenze o mezzi extracostituzionali condurranno gli Usa a chiudere i rubinetti degli aiuti all’Afghanistan. E senza questo supporto, ha ricordato Al Jazeera, per il governo di Kabul potrebbe essere molto complicato governare il paese.

Per sciogliere tutti i nodi (compresi quelli del riconteggio) potrebbero volerci un paio di settimane, hanno i detto funzionari delle Nazioni Unite che contribuiranno a ricontrollare le schede elettorali.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] avuto invece gli Stati Uniti. Il segretario di Stato John Kerry è stato spesso in Afghanistan in queste ultime settimane passando diverse ore con Ghani e Abdullah. L’accordo di ieri, ha scritto il Time, “è una […]