•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 21 luglio, 2014

articolo scritto da:

Gaza: Israele e Hamas si preparano a una lunga guerra

gaza

Il numero delle vittime sale come sale la pressione internazionale per arrivare a un cessate il fuoco, ma nella Striscia di Gaza Israele e Hamas sembrano prepararsi ad affrontare una guerra lunga.

L’operazione Protective Edge lanciata da Tel Aviv la scorsa settimana ha toccato ieri uno dei suoi punti più sanguinosi: la battaglia di Sajaya, sobborgo a nord-est di Gaza City. La battaglia è stata cruenta. Israele ha bombardato l’area con colpi di artiglieria e con il supporto di elicotteri militari, poi le truppe di terra si sono fatte strada attraverso le stradine e gli edifici. Tredici soldati israeliani della Brigata Golani (una delle più decorate unità di fanteria del paese) hanno perso la vita. Circa centoventi palestinesi hanno fatto la stessa fine, nel corso della giornata di ieri. Tra di loro anche diciassette bambini.

La notizia della perdita di tredici uomini ha attraversato Israele in un istante e il Time ha scritto di come questo abbia fatto capire agli israeliani cosa c’è il ballo. Gli obiettivi da raggiungere sono tanti e ancora lontani, ha spiegato l’esercito, non è escluso che si andrà avanti a lungo. Tel Aviv ha detto che le perdite tra i soldati israeliani sono state pesanti perché Sajaya è una roccaforte di Hamas.

Nentanyahu

Photo by IsraelinsUSACC BY 2.0

Quello di ieri è stato l’apice di una manciata di giorni di scontri sul terreno della Striscia di Gaza. È accaduto ciò che analisti e comunità internazionale avevano anticipato: un drammatico aumento nel numero delle vittime civili palestinesi e un tributo di sangue pagato direttamente da Israele. Eppure non è affatto detto che ciò spinga le due parti a tirare il freno e a cercare una soluzione diplomatica. “In ogni conflitto ci sono periodi difficili” ha detto Netanyahu ieri sera, parlando alla nazione, “nonostante ciò la campagna di terra si espanderà e continuerà fino a quando non tornerà la calma per i cittadini di Israele”.

Per Hamas i tredici militari uccisi rappresentano una spinta al morale: la dimostrazione che il ‘nemico’ può essere colpito. Più la battaglia si sposterà nei centri densamente popolati di Gaza, più Hamas si troverà a combattere in territori favorevoli, e la supremazia militare di Israele finirà per essere ridotta.

Il conto dei morti salirà: da una parte e dall’altra. Hamas può sostenere il peso delle vittime civili e per quanto riguarda le perdite tra i miliziani non ci sono numeri attendibili. In Israele però la pressione dopo la morte dei tredici soldati sta salendo. La BBC ha sottolineato come sia Tel Aviv ad avere in mano il destino di questa guerra, non solo per la supremazia militare del suo esercito: quanto vorrà spingersi avanti? Quando considererà raggiunti gli obiettivi? Saranno le risposte a queste domande a decidere il destino del conflitto nella Striscia di Gaza.

Immagine in evidenza: photo by Physicians for Human Rights – IsraelCC BY 2.0


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Scordo Pietro
Scordo Pietro

la guerra si fa con due eserciti...con un solo esercito...si chiama genocidio...e chi lo compie è un criminale di guerra...e deve essere processato...per crimini di guerra

Daniela Valdiserra
Daniela Valdiserra

Era l’agosto 2001 quando Yasser Arafat chiese l’intervento urgente dell’ONU. Secondo il suo portavoce Habib Abu Rudeina "ad essi ha chiesto di inviare osservatori internazionali nei territori palestinesi per supervisionare l´applicazione del rapporto Mitchell" e inoltre "li ha anche esortatati ad intervenire immediatamente per risolvere la situazione pericolosa nei territori palestinesi che può trascinare tutta la regione in una grave crisi". Purtroppo quell’appello non fu ascoltato e da allora molto sangue ha bagnato ancora la terra di Palestina e di Israele. Oggi nuovi appelli vengono pronunciati e, oggi più che mai, chiedo al rappresentante italiano all’ONU - Sebastiano Cardi - di farsi portavoce della volontà di pace e di rispetto della vita umana – di tutte le vite umane – che deve essere il faro principale di quella Organizzazione e lo è nella nostra Costituzione. L’ONU deve intervenire immediatamente e in maniera efficace per interrompere i combattimenti e ripristinare la completa legalità internazionale in quei territori nel rispetto delle sue stesse risoluzioni. Chiedo che il Governo italiano diventi, come dovrebbe essere per definizione, portavoce dei nostri valori: rispetto di tutte le vite umane, ripudio della guerra come mezzo di soluzione dei problemi. Chiedo un intervento immediato perché questo accada, per dare voce a chi in Palestina e in Israele VUOLE che questo accada. Chiedo che venga rispettata la Costituzione e che CESSI IL COMMERCIO DELLE ARMI del/nel nostro paese. Daniela Valdiserra, Bologna SCRIVETE AL GOVERNO, AL RAPPRESENTANTE ALL’ONU, ALLA MINISTRA DEGLI ESTERI, AI GIORNALI, ALLE TV, AI VOSTRI POLITICI DI RIFERIMENTO....

Michelaccio Michelaccio
Michelaccio Michelaccio

cioè stanno ammazzando più musulmani gli stessi musulmani della siria che a gaza e voi ce l'avete con israele, ma siete matti? allora ditelo che siete musulmani e che volete vivere in un paese civile come tutto il mondo arabo-islamista, no veramente, ditelo,

Sergio Blandi
Sergio Blandi

Facciamo la campagna per il ritiro dell ambasciatore israeliano a Roma cosi come stanno facendo altri paesi che hanno palle

Fabrizio Bina
Fabrizio Bina

Guerra?? E da quando un genocidio si chiama guerra?