•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 26 luglio, 2014

articolo scritto da:

Lavoro, Cgia: crisi per ragionieri, boom per colf e badanti

cgia mestre

Lavoro e occupazione: boom per colf ed estetisti, crisi per i ragionieri. Cambia la geografia del lavoro in Italia: questa la fotografia scattata dal centro studi della Cgia di Mestre. “Gli acconciatori e le estetiste – spiega Giuseppe Bortolussi segretario Cgia – stanno conoscendo una profonda evoluzione professionale, dovuta, in particolare, alla scoperta di nuovi ambiti lavorativi racchiusi tra i campi dell’estetica e dell’immagine e quelli della salute“. “Negli ultimi tempi – osserva – si è fatto strada un nuovo concetto del benessere, inteso come cura dello stato psico-fisico della persona. Grazie a ciò si è avuta una forte espansione del settore con delle ricadute occupazionali, soprattutto tra i giovani, del tutto inaspettate”. In sostanza le nuove opportunità di lavoro, spiega la Cgia, sono dovute all’adozione di nuovi stili di vita e alle diverse prerogative della popolazione italiana. “Per i lavori domestici, invece, è importante sottolineare come in questi ultimi anni di crisi le italiane siano ritornate a fare le colf e le badanti – precisa Bortolussi – Nonostante il peso della componente straniera sfiori ancora l’80% del totale degli occupati in questo settore – prosegue -, tra il 2012 e il 2013 la presenza delle italiane è aumentata di quasi il 5%, mentre gli stranieri sono diminuiti dell’8%”. Un settore, quello dei lavori domestici e dell’assistenza domiciliare agli anziani, che non conosce crisi, data anche la composizione della popolazione, costituita prevalentemente da anziani. 

lavoro

Nella lista dei “lavori scaccia-crisi” figurano anche cuochi, baristi e ristoratori, con quasi 123.500 nuovi occupati (+14%) e le attività legate alla guardia e ai vigilanti non armati. Nonostante l’aumento in valore assoluto di questo settore sia stato abbastanza contenuto (quasi 76000 unità), l’incremento percentuale è stato esponenziale: +182,4 %. Cattive notizie, invece, per ragionieri, amministratori e impiegati nel campo dell’edilizia: la platea degli occupati in questi settori è diminuita di quasi 215 mila unità (-38,4%). La crisi dell’edilizia ha “gettato sulla strada” figure come muratori, carpentieri e ponteggiatori. Ad essere senza lavoro sono oltre 177 mila (-24,7%). Male anche artigiani e operai specializzati del legno, del tessile e dell’abbigliamento: la flessione è stata di oltre 109 mila unità (-23,9%). Infine, a seguito dei tagli nel pubblico impiego, le categorie come gli insegnanti delle scuole secondarie e post-secondarie, le forze di polizia di stato, i vigili urbani e i vigili del fuoco hanno subito una contrazione preoccupante: i primi sono diminuiti di quasi 101 mila unità (-19,5%), i secondi di oltre 97 mila (-23,9%).  

Giuseppe Spadaro

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Barbara Romana ha scritto:

    Si, boom… Ma quale boom, ma ripijatevi va

Lascia un commento