•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 28 luglio, 2014

articolo scritto da:

Ucraina: l’esercito di Kiev pronto a riconquistare Donetsk

ucraina

I bombardamenti stanno diventati più intensi. La stretta delle forze militari più dura. I villaggi intorno alla città sono stati riconquistati. Tante fabbriche e miniere di carbone hanno smesso di lavorare. Nell’est dell’Ucraina, l’esercito di Kiev è pronto a sferrare l’attacco finale a Donetsk, roccaforte dei ribelli filorussi.

La CNN ha raccontato che già da sabato è sensibilmente aumentata la presenza di carri armati, mezzi di artiglieria e truppe dell’esercito ucraino a sud di Donetsk. Le forze di Kiev stanno provando a chiudere gli accessi alla città, per impedire ai ribelli di ricevere armi e munizioni.

Migliaia di persone stanno cercando di abbandonare Donetsk. Ingorghi nelle arterie verso sud si registrano già dall’inizio del week end. Chi può ha stivato tutto il possibile in gran fretta e se ne sta andando. La maggior parte dei negozi in città sono ormai chiusi.

Secondo le Nazioni Unite, i profughi che nel corso del 2014 hanno lasciato l’Ucraina per cercare riparo in Russia sono ormai oltre 140.000. Circa 40.000 di loro hanno fatto richiesta d’asilo. Ma l’Onu non esclude che il numero possa essere molto più alto: difficile fare stime precise, considerato il caos che regna nell’est dell’Ucraina.

ucraina2

Photo by US Army Europe ImagesCC BY 2.0

L’intelligence ucraina ha diffuso un’intercettazione nella quale a parlare sarebbe Alexander Borodai, leader dell’auto-proclamata Repubblica Popolare di Donetsk: nell’audio Borodai sosterrebbe che i separatisti possono resistere ancora un paio di settimane. Poi, senza qualcosa che rimescoli le carte, saranno costretti a capitolare.

Intorno alla città numerose miniere e industrie sono state costrette a smettere di lavorare. Molti operai sono fuggiti. Spesso manca la corrente. Aspri combattimenti si sono registrati nei pressi dei siti di estrazione del carbone, ha raccontato l’agenzia Reuters. L’esercito ucraino sta cercando di riconquistare il cuore economico della regione del Donbass.

Dopo aver perso la Crimea, Kiev non può permettersi di rimanere a lungo senza l’industria pesante dell’est del paese. Già una settimana fa il governo di Kiev aveva ammesso che senza una soluzione rapida nella guerra che si combatte nell’est, l’economia dell’Ucraina rischia il collasso. Ora ci sono i costi collegati alle operazioni militari, domani ci saranno quelli per la ricostruzione. Nel frattempo, il paese è sull’orlo della bancarotta.

Immagine in evidenza: photo by SFJZ13CC BY 2.0


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

6 comments
MarinoCalligaro
MarinoCalligaro

e secondo te uno che sta perdendo una guerra fa una dichiarazione simile?


Order of the Minister of Defense D.N.R. Strelkova II from 27.07.2014. Realizing what is happening in the Ukrainian army, forced mobilization, the growing antipathy to Kiev junta, rising chaos and mediocrity Ukrainian command, sending people to the slaughter like sheep to the slaughterhouse, guided by considerations of humanity, the military command issued DNR order on the introduction of measures applicable voluntarily surrendered to the troops of the Ukrainian armed forces. text of the Order is attached. ORDER Commander of the People's Republic militia DonetskDonetsk 27.07.2014, the imposition of measures applicable to voluntarily surrendered soldiers of the Ukrainian armed forces lately in the armed forces of Ukraine has been a sharp increase in the number soldiers, unwilling to continue fratricidal war against its own people and refuse to comply with unlawful orders from their commanders. These soldiers exposed to different genera of punishment by their commanders, and strong-arm tactics of the Nazis until extrajudicial executions, however, do not give up militia forces DNR, fearing reprisals by the latter. Guided by considerations of humanity in the name to stop the bloodshed and save the lives of Ukrainian soldiers forcibly directed into the zone fratricidal carnage ORDER: 1. All commanders and soldiers of the militia forces DNR not to open fire on groups or single Ukrainian military forces, raise the white flag, or has indicated its intention to surrender otherwise. After disarmament and inspection for weapons, such persons pass through its military orders, to focus on the special collection points for delivery to the deep rear under guard. Those persons assigned the status of "prisoners of war." In accordance with the Geneva Agreements "On rules of engagement," the Additional Protocols thereto, such persons are provided with food and medical assistance if necessary. They prohibited to use executions, torture and humiliation.Violation of this paragraph shall be a military offense punishable but martial law. 2.All above mentioned persons to take account and send information about them to the militia headquarters DNR to determine their future location in one of three schemes on the basis of personal choice. Persons who voluntarily laid down their arms and surrendered to the militia forces captured the DNI, and have not committed serious crimes during combat operations in Novorossia can: • Return to their families in Ukraine; • Join the ranks of the militia DNR; • Being sent to Russia as temporarily-internee (Option: refugee). Defense Minister militia commanderDonetsk People's Republic of Colonel I. Gunmen 

https://vk.com/ikorpus?w=wall-72627612_1974

Giusi Verde
Giusi Verde

Luca Piccardi, capisco il tuo punto ma un certo cinismo maturato negli anni mi impedisce di credere al bianco & nero quando si tratta di conflitti politico-ecomici. di matrioske a sorpresa e zampini insospettati se n'è visti molti in giro per le rivoluzioni del mondo.

Luca Piccardi
Luca Piccardi

dire che uno stato legittimo convinca meno di un gruppo di ribelli facenti parte di un governo ombra, finanziati da "madre russia" è un po azzardato come pensiero no?

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

Oramai per i separatisti è finita, con o senza aiuto di Mosca. Per fortuna ormai per i miliziani russi si giunge alle battute conclusive

Giusi Verde
Giusi Verde

'sti nazionalisti ukraini mi convincono ancor meno dei separatisti russi...

Alberto Tosetto
Alberto Tosetto

l'ucraina è fallita, ha ancora 1 mese o 2 poi default. La russia aspetta solo ciò, non combatterà mai.