•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 novembre, 2009

articolo scritto da:

Qualche nota sulla riforma Brunetta e sui Decreti attuativi.

renato brunetta

Qualche nota sulla riforma Brunetta e sui Decreti attuativi.

 

Qualche nota sulla riforma Brunetta e sui Decreti attuativi.

Ci sono pochi dubbi sull’utilità della riforma della Pubblica Amministrazione (di seguito PA) che il Governo ha deciso di affrontare ricevendo la delega dal Parlamento con la Legge 15 de 4 Marzo 2009 rimanendo fissato il termine del 5 dicembre 2009 per la presentazione dei decreti attuativi.
Il ministro competente, Brunetta ha esordito con l’oramai notissima guerra ai fannulloni introducendo dei cambiamenti, dei controlli che hanno sicuramente ottenuto dei risultati la cui entità sarà pienamente confermata alla prossima pubblicazione dei dati da parte della Ragioneria Generale dello Stato.

A titolo di compiutezza informativa, va detto che si sono accese alcune polemiche che hanno avuto riscontro anche in un lungo e, francamente, poco felice articolo su l’Espresso. Polemiche di carattere metodologico che vertevano sul ‘campione statistico’ attraverso il quale le rilevazioni sono state effettuate che implicavano differenze rispetto ai risultati presentati dal ministro.

Ma è grasso che cola perché comunque un miglioramento c’è sicuramente stato sia pure come sequenza ad un trend di miglioramento che risale a periodi antecedenti all’entrata in carica dell’attuale governo. Recentissima è l’emanazione del Decreto di Attuazione.

[ad]I principi cardine della riforma sono intrinsecamente esplicativi:

1 Convergenza degli ‘assetti regolativi’ del lavoro pubblico con quelli del lavoro privato;

2 Valutazione dell’operato dei dipendenti;

3 Meritocrazia chiave di avanzamenti di carriera e bonus economici;

4 trasparenza e pubblicità delle valutazioni.

Non c’è dubbio che si tratti di principi validi e condivisibili e soprattutto adeguati alle governance di un grande organismo come la PA e, specie nel caso della convergenza con il lavoro privato, è intrinseco un contenuto tanto più innovativo ed efficace quanto più la convergenza sarà piena superando le incongruenze e gli inconvenienti che si sono finora manifestati. In questo solco vanno inquadrati i principi di valutazione e meritocrazia i quali sono un effettivo strumento di convergenza con il lavoro privato e rappresentano un punto di difficoltà per la complessità del compito affidato alla Commissione di valutazione di cui all’art. 4 della Legge delega principi ai quali, sul piano logico consegue l’ultimo principio, quello della trasparenza e della pubblicità delle valutazioni.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments