•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 23 marzo, 2011

articolo scritto da:

La giornata mondiale dell’acqua

acqua

Le sfide che ci attendono nei prossimi decenni in materia di acqua e ambiente

Si è celebrata ieri la giornata mondiale dell’acqua. Il World Water Day è stato istituito nel 1992 dalla Conferenza sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite (United Nations Conference on Environment and Development, UNCED) ed il suo scopo è quello di sensibilizzare i cittadini del nord del mondo ad adoperarsi per non sprecare la preziosa risorsa e a fare in modo che i propri governi adottino politiche di salvaguardia e sviluppo delle risorse idriche nei paesi del sud del mondo. Dal 22 marzo 1993 rappresenta ogni anno un’occasione per focalizzare l’attenzione su uno specifico aspetto attinente all’approvvigionamento e alla qualità dell’acqua. “Water for Cities – responding to the urban challenge” (“Acqua per le città – rispondere alla sfida urbana”): questo il titolo dell’edizione 2011 della Giornata mondiale dell’acqua, con sede principale a Cape Town. Lo slogan dell’iniziativa delle Nazioni Unite lancia un campanello d’allarme, facendo il punto sulle conseguenze di una rapida crescita della popolazione urbana, l’industrializzazione e le incertezze causate dal cambiamento climatico, conflitti e calamità naturali sui sistemi idrici urbani: l’oro blu sarà sempre più conteso all’interno di città, ormai sempre più affollate. “La sfida delle acque urbane deve essere riconosciuta per quello che realmente è: una crisi di governance, politiche inadeguate e cattiva gestione, piuttosto che una crisi dovuta alla scarsità della risorsa”, spiega nel suo messaggio Joan Clos, Sottosegretario generale delle Nazioni Unite.Abbiamo bisogno di puntellare la sicurezza idrica contro i problemi dell’inquinamento e del cambiamento climatico – prosegue Clos – Abbiamo bisogno di idee innovative e buone pratiche da attuare”.

[ad]I dati sul rapporto tra acqua e urbanizzazione, pubblicati sul sito ufficiale del World Water Day 2011, parlano chiaro: la crescita della popolazione urbana avanza al ritmo di 2 persone al secondo. Attualmente la metà della popolazione mondiale vive nelle città, percentuale che entro due decenni salirà al 60%, con punte del 95% nei Paesi in via di sviluppo. In Africa e Asia, per esempio, si calcola che la popolazione urbana si raddoppierà tra il 2000 e il 2030. E anche se tra il 1998 e il 2008 1,052 miliardi di abitanti delle città hanno avuto accesso ad acqua potabile e 813 milioni a servizi igienici adeguati, la popolazione urbana nello stesso periodo è cresciuta di 1,089 miliardi di persone compromettendo così il progresso raggiunto. Un abitante su quattro delle città del mondo, 789 milioni in totale, vive senza adeguate strutture igienico-sanitarie. Sono circa 497 milioni le persone che nelle città usufruiscono di servizi igienici in comune, cifra che nel 1990 era 249 milioni. È del 27% la percentuale della popolazione urbana che nei Paesi in via di sviluppo non ha accesso alla rete idrica da casa propria. Ed inoltre, è salito da 140 milioni del 1990 a 169 milioni del 2008 il numero degli abitanti urbani che praticano la defecazione all’aperto. “La rapida urbanizzazione – si legge dal sito web del World water day 2011 – porta con sé diverse sfide correlate a problemi di qualità delle acque e di risanamento. I grandi progressi nell’uso di servizi igienici adeguati negli ultimi decenni sono compromessi dalla rapida crescita della popolazione urbana”.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento