•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 27 maggio, 2009

articolo scritto da:

Pagnoncelli a TP: “possiamo sbagliare, non siamo cartomanti. Ma i sondaggi servono”. L’intervista

Nando Pagnoncelli responsabile dei sondaggi Ipsos per Ballarò

Pagnoncelli a TP: “possiamo sbagliare, non siamo cartomanti. Ma i sondaggi servono”. L’intervista

“I sondaggi hanno molti limiti, ma innovare e sperimentare nuove soluzioni è difficile”. Pregi e difetti delle indagini demoscopiche nelle parole di Nando Pagnoncelli, tra i più noti sondaggisti italiani e amministratore delegato di Ipsos, in questa intervista a Termometro Politico. In cui spiega il ruolo della televisione nel formare le opinioni degli italiani. Delinea le possibili tendenze sull’affluenza in vista del 6-7 giugno. E dice sì al buio sondaggi in vigore dalla scorsa settimana. L’INTERVISTA

[ad]Nando Pagnoncelli è uno tra i più famosi sondaggisti italiani. Volto di sondaggi, exit poll e proiezioni prima per Abacus, per la quale ha lavorato dal 1985 al 2004, e poi per Ipsos, di cui è amministratore delegato da cinque anni, è ospite fisso di “Ballarò” e ha appena pubblicato Le opinioni degli italiani, per l’editore La Scuola. A lui abbiamo fatto alcune domande, raccolte tra quelle dei lettori del sito e scelte dalla redazione.

Pagnoncelli, partiamo da una nota dolente. I sondaggi nel 2006 e anche in parte nel 2008 hanno sofferto, dando risultati non corretti. In particolare si è ravvisata una sottostima del centrodestra. Come mai?

«Innanzitutto distinguiamo tra exit poll e sondaggi pre-elettorali. Gli exit poll sono sondaggi all’uscita dei seggi e hanno per questo più visibilità nelle trasmissioni elettorali. Ma credo che lei si riferisca ai sondaggi pre-elettorali, in sostanza nel 2006 c’è stato un pareggio inaspettato e nel 2008 c’è stato un pareggio mancato. In realtà ci sono sia elementi tecnici sia elementi che hanno a che fare con i cambiamenti della società italiana».

Quali sono gli elementi tecnici?

«Il primo punto è che gran parte dei sondaggi viene realizzata con il metodo dell’intervista tramite telefono fisso. Deve sapere che i dati Istat ci dicono che il 30% delle famiglie non è presente sugli elenchi del telefono, e questo dato assume dimensioni imponenti in alcune zone del Paese: per esempio in Sicilia e Calabria siamo intorno al 40 per cento. Questo significa che un quarto degli elettori, e quasi metà in alcune regioni, non può essere contattato per fare sondaggi: di conseguenza ignoriamo il suo orientamento di voto. Questa è una prima distorsione della copertura campionaria».

Pagnoncelli a TP: "possiamo sbagliare, non siamo cartomanti. Ma i sondaggi servono". L'intervista

Ma se anche riuscite a telefonare, gli intervistati rispondono?

«Eccomi al secondo elemento, che è un po’ a cavallo tra l’aspetto tecnico e quello sociale: il numero di contatti necessari per fare un’intervista. Mi spiego: oggi per fare un’intervista ci vogliono da sei a otto fino a dieci o undici tentativi. Vuol dire che ci sono larghi strati di popolazione che si sottraggono alle interviste. Il tasso di rifiuto aumenta l’autoselezione del campione, che è sempre meno rappresentativo dell’elettorato generale».

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento