•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 8 giugno, 2012

articolo scritto da:

Primarie entro l’anno, Bersani riceve il plauso dei rottamatori

Bersani primarie in autunno

Primarie entro l’anno, Bersani riceve il plauso dei rottamatori

 

Tocca a noi”. La campagna elettorale di Pierluigi Bersani comincia da qui. Dalla direzione nazionale. E nel corso dell’apertura dei lavori conferma l’indiscrezione dei giorni scorsi, ovvero l’intenzione di portare il Pd a convocare in autunno delle primarie aperte.

[ad]“Io mi candiderò – è il passaggio più impegnativo immediatamente riportato dalle agenzie di stampa e dalle pagine ufficiali dei democrat –, ma mi candiderò dentro a quel percorso e in una giornata di grande partecipazione costruita non per allestire generiche carovane o determinare questa o quella rendita di posizione ma per ricavare governabilità dalla partecipazione, per riconnettere politica e società, per mettere in movimento la forza dei progressisti e non lasciarla spettatrice di acrobazie altrui, spesso senza capo né coda; perché alla fine la democrazia è guardare la gente negli occhi e farla scegliere liberamente. Si dimostrerà che questo lo facciamo solo noi”. Perché il riferimento alle coalizioni-carovanserraglio? Si intuisce dalla seconda novità. Bersani lancia un patto rivolto a progressisti e liste civiche di moderati. “Siamo un partito centrale anche se non nella geometria politica, ma nel rapporto col paese” che decodificato rende ancora di più il messaggio del leader democrat di voler giocare un ruolo da trait d’union fra l’ala sinistra e l’ala centrista di una prossima alleanza di governo.

bersani

Intanto, a fare le spese dell’inizio della sfida per la premiership è il Pdl che vede tramontare definitivamente il suo disegno semipresidenzialista. “Non è la nostra opzione – taglia corto –. Noi siamo per un sistema parlamentare riformato, semplificato e rafforzato, per un ruolo forte del Governo e per una preziosa funzione di equilibrio del Presidente della Repubblica. Naturalmente il semipresidenzialismo è una posizione legittima, ma non è comunque percorribile in questo scorcio di legislatura”. Gettata la componente più osteggiata dell’architettura istituzionale alla francese il segretario vorrebbe adottare il sistema elettorale parigino, con la formula del doppio turno di collegio e la fine pertanto delle liste plurinominali bloccate proporzionali.La prima reazione è arrivata dai principali sponsor delle primarie aperte, i rottamatori. Le parole di Renzi raccolte durante un colloquio col Foglio hanno anticipato di qualche ora l’ufficializzazione delle primarie aperte da parte del segretario nazionale: “E’ la scelta giusta – ha dichiarato davanti al taccuino di Claudio Cerasa – ed è una nostra vittoria dato che noi le primarie le chiedevamo da tempo. Bersani è stato coraggioso: ha mostrato di avere fegato e intelligenza politica, e finalmente ha capito che sarebbe stato un suicidio per un partito come il nostro, che ha un bisogno disperato di innovazione, rinunciare proprio oggi, proprio in questo momento, al più grande strumento di innovazione di cui dispone il Pd”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Roflodor
Roflodor

Requisito minimo di ogni democrazia è che governa chi ottenga almeno il 50+1% dei voti. Lo stesso deve valere per le primarie; bisogna mettere in atto un meccanismo elettorale che faccia in modo di candidare chi ottiene la maggioranza assoluta.